#Digotoinbianco: arriva il concorso Instagram che premia le foto che meglio interpretano lo spirito del vino bianco

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Uno smartphone, un'espressione che colpisca e un bicchiere di vino bianco: è tutto ciò che è necessario per partecipare al concorso Instagram #digotoinbianco, contest ideato dalla Società Agricola Siro Merotto di Col San Martino (Treviso), che premia chi meglio interpreta lo spirito del vino bianco frizzante prodotto dalla cantina. Il viso della vincitrice, scelta da una giuria, comparirà sull'etichetta di un'edizione limitata di 12 bottiglie, ciascuna delle quali avrà una foto diversa, una per ogni mese dell'anno, per comporre uno speciale "calendario da bere".

Non solo, la vincitrice del concorso riceverà in omaggio una fornitura di vino In Un Sol Bianco e di Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG, un servizio fotografico a lei dedicato e un compenso per il lavoro di modella. Il vincitore verrà proclamato domenica 22 maggio, quando le porte della cantina Siro Merotto si apriranno per ospitare Di Goto In Bianco, evento dedicato a vino, musica e arti visive che vedrà la partecipazione di circa venti giovani artisti veneti.

Per partecipare al contest, basterà seguire il profilo Instagram @siromerotto, scattare una foto che ben interpreti lo spirito del concorso con un bicchiere di vino bianco in mano, applicare il filtro black and white (bianco e nero) e condividerla con l'hashtag #digotoinbianco. Gli scatti dovranno essere pubblicati sul social network entro e non oltre il 12 Maggio 2016.

Ma non è la prima volta che la Cantina Siro Merotto coinvolge la web community. Nel 2014 l'etichetta e il nome del vino bianco frizzante prodotto dall'azienda agricola, In Un Sol Bianco, sono stati scelti attraverso un contest online: sono state più di 300 le illustrazioni arrivate a Col San Martino, e oltre 200 i nomi proposti per il vino. Nata nel 1960, la cantina fondata da Giovanni Merotto e dal figlio Siro è ora gestita dai fratelli Nicola e Mirko Merotto, che continuano a coltivare gli stessi vigneti ai piedi della chiesa di San Vigilio, uno dei simboli di Col San Martino e della zona del Prosecco Superiore. Se il metodo di produzione dei vini rimane quello tradizionale, la comunicazione e i canali di vendita strizzano l'occhio all'innovazione: è stato da poco infatti inaugurato l'e-commerce Siro Merotto, che permette di acquistare In Un Sol Bianco e il Prosecco Superiore Conegliano Valdobbiadene DOCG con un semplice clic.

Per info e regolamento del concorso #digotoinbianco,

comunicazione@siromerotto.it

www.siromerotto.it

Torna su
TrevisoToday è in caricamento