Segnalazioni

Orti solidali per il sociale a Montebelluna

Prosegue il lavoro sul territorio del progetto Orti Solidali

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday


Si è svolto domenica 13 marzo il primo dei quattro incontri di formazione su orticoltura naturale a Montebelluna.
L'iniziativa è stata organizzata grazie al contributo dell'Associazione AVI Volontari Insieme, il Laboratorio Cooperazione, il Centro di Servizio per il Volontariato di Treviso (CSV), Verde Utopia la neo nata associazione di Montebelluna che ha avviato il progetto Orti Solidali e con la collaborazione della Proloco di Montebelluna che ha messo a disposizione la propria struttura.
È stata un'opportunità non solo formativa ma di condivisione ed accoglienza infatti, nel percorso formativo, sono stati coinvolti quattro richiedenti asilo di varie nazionalità, coadiuvati da un'interprete volontaria, oltre ad alcuni soggetti con disagio sociale.
Il corso prevede nozioni teoriche sulle tecniche di coltivazione naturale ma anche la pratica sul campo organizzata nel grande orto a gestione collettiva di Via S. Gaetano, meglio conosciuto come Orti Solidali, progetto che sta avendo un grande riscontro anche a livello nazionale, non solo per il grande labirinto che lo contraddistingue, ma soprattutto per il rilievo sul piano sociale.
I nonni ortolani sono infatti coinvolti in ben tre classi della scuola primaria con i più piccoli mentre per gli adolescenti è già rodata la collaborazione con l'istituto Agrario Sartor con visite periodiche presso l'orto per dar man forte ai volontari.
Recente la conferenza presso l'istituto "Primo Levi" nell'ambito delle giornate di autoformazione.
Da sottolineare inoltre l'intesa raggiunta con l'Istituto Alberghiero Maffioli che prevede il coinvolgimento in orto di diciassette ragazzi diversamente abili per quattro mattinate, un primo passo per l'inserimento di questi ragazzi in attività extra scolastiche, che sarà consolidato anche il prossimo anno.
In questo periodo particolarmente complicato dove le tensioni, le incomprensioni e l'egoismo mortificano i normali rapporti tra le persone, i popoli e le diverse generazioni è importante ricucire il dialogo a tutti i livelli.
La nostra Madre Terra, fonte di nutrimento e sostentamento, attraverso l'iniziativa Orti Solidali diviene il catalizzatore che alimenta il fuoco della solidarietà senza se e senza ma.
Per info sulle attività potete scrivere a orti.solidali.montebelluna@gmail.com o visitare il sito www.ortisolidali.it.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Orti solidali per il sociale a Montebelluna

TrevisoToday è in caricamento