menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"PensoFuturo": gli studenti del Nordest portano le loro idee alla Nice

Duecento proposte dalle scuole superiori di tutto il Nordest si sfideranno giovedì 5 aprile durante il concorso organizzato alla Nice di Oderzo. Ospiti speciali Bernardini e Buoro

ODERZO Perché i ragazzi pensano che l’Italia sia un paese alla frutta ma è leader mondiale nell’agroalimentare? Perché gli imprenditori si lamentano delle tasse, della burocrazia e della mafia ma poi lavorano nelle aziende più pulite e green in Europa? Da questi e molti altri quesiti è nato il concorso di idee PensoFuturo, con il quale l'associazione Innovation future school ha deciso di dar voce alla creatività e alle idee di tutti i giovani del territorio, avvicinandoli alle imprese e alle istituzioni.

Tra duecento partecipanti delle scuole superiori del Nordest, ne sono stati selezionati quindici chiamati a raccontare il futuro del mondo secondo quattro “sfide” basate sull’orizzonte temporale dei dieci anni. Come riuscire a ridurre l’inquinamento? Come ti immagini che funzionerà la casa in cui abiterai tra 10 anni? Quali saranno i metodi di pagamento per l’acquisto di prodotti e servizi? Come possiamo valorizzare la nostra cultura culinaria per aiutare tutta l’Italia? Il vincitore sarà nominato giovedì 5 aprile ore 17 alla finale che sarà ospitata presso TheNicePlace, il social hub di Nice Spa dedicato all’incontro e alla condivisione realizzato a fianco dell’headquarters di Oderzo, dopo mesi di concorso rimbalzati sui social network. Il programma della giornata è articolato. Dopo i saluti istituzionali, ci sarà il momento della presentazione dei finalisti e delle loro proposte sul futuro. A quel punto, ecco l’intervento di Bernardo Bernardini, triatleta emblema di chi sa lottare e vincere: dopo la lesione alla spina dorsale in un incidente aereo nel 1996, cadendo con un ultraleggero, ha raccontato la storia di come è tornato a correre su www.finalmentecorro.com. Dopo di lui, Lauro Buoro, presidente e fondatore di Nice Spa, salito agli onori delle cronache anche per alcuni gesti di importante solidarietà, per l’attenzione al tessuto sociale e per le iniziative in apertura verso il mondo dei giovani, mettendo al centro la persona come valore aggiunto dell’impresa. “Per Nice è dall’intrecciarsi dei flussi di conoscenza che si generano nuove opportunità, scambi e crescita – afferma Lauro Buoro -  con TheNicePlace ci impegniamo a dare vita ad iniziative che stimolino il dialogo sul futuro dell’abitare, per offrire soluzioni che semplifichino la vita con più sicurezza e comfort.”

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, l'imprenditore Amir Vettorello muore a 46 anni

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento