← Tutte le segnalazioni

Degrado urbano

Treviso-Ostiglia, sfalci e manutenzione col "sangiùtolo"

Via Paludetti · San Giuseppe

L'assolato inizio di settembre ha regalato una graditissima sorpresa a quanti scelgono, con felice e salutare intuizione, la "Strada del Respiro", a breve novello "Cammino francescano" secondo il recentissimo annuncio regionale, per riossigenarsi "fuori mura" in santa pace. Per la prima volta ,dall'inaugurazione del tratto, nell'aprile dell'anno scorso, governatore Zaia presente, sindaco Conte assente, si è sfalciato senza le ormai consuete e fotodocumentate "sollecitazioni" ad intervenire. Un miracolo quindi, che fa sperare, a questo punto, in un deciso cambio di registro nella sin qui ampiamente deficitaria gestione del verde pubblico cittadino. Purtroppo è un miracolo a metà, come spesso succede in Italia. Infatti se il tratto di Ultimo Miglio compreso tra i 2 tunnel ,Po e Serenissima, ride, basta avviarsi dall'uscita di quest'ultimo verso la passerella Paludetti e la stazioncina di Santi Quaranta per piangere lacrime amarissime. Chi ci passa deve fare lo slalom tra la sterpaglia che deborda rigogliosa sommergendo le belle palizzate in corten e la segnaletica turistica , "zampillando" pure dalle grate della passerella in ferro. Un singolare modo di procedere nella manutenzione, a "sangiùtolo" , o a singhiozzo che dir si voglia. A ciò s'aggiunga che sono ripresi i campionati della lega La.Imm ( lancio immondizia) dove le squadre degli EVI, gli Eco Vandali Insulsi, dopo un periodo di relativa inattività causa Covid, si stanno fronteggiando alla grande. Così fossi, rive, coltivi sono tornati a "colorarsi" delle prodezze di questi campioni del Sozzume affatto intimoriti dagli annunci del comandante della Poliziia Locale Andrea Gallo di denunce alla Procura. Uno spettacolo che si sperava di non vedere più ed invece è tornato con repliche assidue e che lascia interdetti , suscitando anche commenti salaci. Al consueto ventaglio di elettrodomestici, calzature, vestiario, alimentari e beveraggi assortiti ora si sono aggiunti le mascherine per il Covid fradice di umori virali e una bella gamma di accessori per i bikers, dai body ai caschi, dai guanti alle borracce. Cosa c'è di meglio , mentre si sfreccia sulla propria fiammante e-bike sfiorando i malcapitati pedoni, che lanciarli a bordo strada liberandosi di questi "intrighi" divenuti improvvisamente inutili ed obsoleti, vuoi perchè rotti, vuoi perchè demodè.? Tanto più che a raccoglierli non ci pensa nessuno intimorendo pure qualche rettile di passaggio.

Vittore Trabucco

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento