← Tutte le segnalazioni

Altro

Il Veneto e le ferrovie, tra cinismo e insensibilità

Da troppi anni, in Veneto, si assiste ad una continua ed inesorabile riduzione dei treni. Purtroppo le proteste stentano ogni volta a farsi sentire, finendo nel vuoto (esattamente ciò che del resto desiderano i responsabili dei “ridimensionamenti”). Negli ultimi anni, la Regione ne ha fatte di tutti i colori: ha eliminato tutte le corse nei festivi sulla Treviso-Portogruaro, ha ridotto nella fascia serale la linea Conegliano-Belluno, diminuito i collegamenti tra Sacile e Venezia Mestre, ridotto drasticamente le corsette Treviso-Montebelluna (sin dal 2011 e ancora una volta nel 2018), semplificato (parola molto in voga oggi per indicare dei tagli, come “razionalizzazione”) i collegamenti da Venezia e Padova per Bassano del Grappa, ridotto i collegamenti tra Conegliano e Vittorio Veneto, tra Vicenza e Castelfranco Veneto. E ancora, meno Padova-Belluno, meno Belluno-Treviso-Montebelluna il sabato e la domenica, otto treni in meno sulla Padova-Treviso nel fine settimana. La lista sarebbe infinita, ma occorre ragionare sul perché tutti i collegamenti eliminati vadano ripristinati e sul perché sia necessario puntare sul ferro: non serve elettrificare linee, se poi le corse vengono costantemente ridotte di anno in anno! Non è sufficiente nemmeno avere un materiale rotabile moderno, in assenza di un servizio frequente (soprattutto nei festivi). Ad esempio, si fa spesso il paragone tra le produttive regioni del nord Italia e l’Europa: peccato che tra i requisiti minimi, per poter instaurare un confronto degno con le altre regioni europee, vi sarebbe il treno come mezzo di trasporto primario e fondamentale. Sì, perché i treni eliminati vengono in gran parte sostituiti da autocorse: bus che impiegano più tempo e che di conseguenza scoraggiano l’utilizzo del mezzo di trasporto pubblico (dunque non lamentiamoci se sempre più persone utilizzano la propria automobile), bus che si aggiungono alle lunghe code in strada e bus che partecipano all’inquinamento ambientale. Per esempio, i giovani di “Fridays for Future” stanno facendo un buon lavoro, ma dovrebbero ripartire proprio dal dialogo con la Regione in modo da potenziare il servizio ferroviario (l’unico ecosostenibile). Invece, a differenza delle regioni europee con cui si è soliti fare il paragone, i bus aumentano (una consuetudine tutta italiana), mentre i treni diminuiscono. Purtroppo, soprattutto da parte della Regione Veneto, prevale un ragionamento incentrato soltanto sul cinismo: il treno non raggiunge una soglia definita di persone a bordo? Si taglia. Senza preoccuparsi del fatto che se il treno è poco frequentato, forse è colpa in parte degli stessi amministratori: l’utilizzo del treno non è sufficientemente promosso, i ritardi sono all’ordine del giorno, le corse sono sempre meno e di conseguenza si scoraggia l’utilizzo del treno. Anziché aumentare i collegamenti e puntare sul servizio ferroviario, si eliminano corse, peggiorando la già critica situazione: critica per i pendolari, per il territorio (che risulta sempre più impoverito, perché le zone più colpite sono quelle geograficamente “periferiche”) e per il turismo (il quale, in una regione tanto all’avanguardia come il Veneto, dovrebbe potersi spostare con mezzi pubblici frequenti). Infine, sperando sempre in un ripensamento e in un cambio di rotta, non mi rimane che prendere atto di una certa “sfacciataggine” da parte degli autori dei tagli: quando questi non vengono nascosti, sono rivendicati quasi con orgoglio. Come se si stesse facendo qualcosa di positivo. Verrebbe da chiedersi: è questo il futuro che vogliamo? Se si vuole davvero competere con l’Europa, non finirò mai di ripeterlo, si parta dall’incentivo di un mezzo di trasporto sostenibile. Il treno.

A.B.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Segnalazioni popolari

  • Grandinata a Santa Maria del Sile

  • Una trevigiana vince la prima selezione di Miss Venice Beach 2019 a Jesolo

  • "Come sciacalli senza cuore", romanzo ambientato a Castelfranco Veneto

  • Geco ritrovato a Preganziol

Torna su
TrevisoToday è in caricamento