Turismo sostenibile, a Treviso si va in bici

Anche nel trevigiano si possono trovare le strutture ricettive amiche della bici

In questi anni la bicicletta ha assunto molta importanza per la Regione Veneto e in modo particolare per la provincia trevigiana. Come abbiamo già raccontato su queste pagine, la Provincia di Treviso offre una serie di percorsi ciclabili, concentrati a nord del territorio, tutti con caratteristiche particolari per assecondare i gusti degli amanti della due ruote ecologica. Per gli amanti del buon vino ci sono gli itinerari delle strade dei vini: la Strada del Prosecco e Vini dei Colli Conegliano e Valdobbiadene, la Strada dei Vini del Montello e dei Colli Asolani e la Strada dei Vini del Piave. Per chi preferisce invece l’arte e i piccoli borghi caratteristici della marca trevigiana c’è “Bici in Vacanza”: 500 km divisi in otto tappe che guidano il turista sulle dolci colline delle prealpi e lungo i fiumi che attraversano la fertile pianura. Lungo il percorso non mancano vecchi borghi, ville venete, abbazie, castelli e torri medievali.  Per gli amanti della natura c’è infine il “GiraSile” un percorso all'interno del Parco Naturale Regionale del Sile, il fiume di risorgiva più lungo d'Europa.
 

Proprio per migliorare i servizi per tutti gli amanti delle due ruote ecologiche, anche nel trevigiano si possono trovare le strutture ricettive amiche della bici. Ma di cosa si tratta e dove si possono trovare? La Fiab, Federazione Italiana Amici della Bicicletta, ha creato un sito, Albergbici (www.albergabici.it.) dove si possono trovare circa duemila alberghi italiani, hotel, pensioni, bed & breakfast, campeggi, ostelli, agriturismo, rifugi montani, residence, alberghi diffusi. Tutti con una peculiarità: dare il miglior servizio possibile a chi usa la bicicletta in vacanza. Nel Veneto ce ne sono ben 286 (di cui 192 hanno indicato la loro posizione sulla mappa) e solo a Treviso se ne possono trovare 27.

Questo sito della FIAB è ottimizzato oltre che per pc, anche per dispositivi mobili, come smartphone e tablet.
 

È il momento giusto, spiega la Fiab, per un portale dedicato alle vacanze in bicicletta perché la bella stagione è appena iniziata ed è questo il periodo in cui le 140 associazioni della FIAB, i tour operator, le associazioni sportive, i gruppi di amici, le famiglie e i 16.000 soci aderenti alla FIAB imbastiscono le loro vacanze estive. Tra le caratteristiche valutate per decidere dove trascorrere le vacanze o un weekend in bici c’è la possibilità di poter alloggiare in strutture accoglienti, in cui le bici possono rimanere al sicuro durante la notte, che diano informazioni utili e in cui ci sia una piccola officina per poter far fronte ad ogni eventualità. È utile conoscere se si possono lavare ed asciugare gli indumenti tecnici e se c’è una buona colazione a buffet, se c’è un sistema wi-fi gratuito o se le biciclette si possono noleggiare sul posto.
 

Tutte informazioni che si possono reperire nel nuovo portale, che da oggi è strutturato come un vero e proprio motore di ricerca specializzato e molto semplice da utilizzare: basta scrivere il comune, la provincia o il nome della struttura cercata per essere rimandati alla pagina con l’elenco e la posizione nella mappa degli alloggi individuati. Oltre a questo è’ possibile effettuare la ricerca avanzata inserendo altri parametri quali la possibilità di sconti ai soci FIAB, la categoria alberghiera, la possibilità di mezza pensione.
 

Per la prima volta sarà possibile filtrare i risultati a seconda della tipologia di ciclisti: viaggiatore turista, sportivo con bici da corsa o mountain bikers. Le squadre sportive potranno individuare tutte le strutture che sono organizzate per ospitare gli atleti nei loro allenamenti o per le gare, cioè se hanno un’area per i massaggi, esperti che possano consigliare i percorsi, un’area chiusa e sicura per il ricovero delle loro bici di alta gamma e se hanno gli orari della cucina adattabili alle esigenze delle prestazioni sportive richieste.

Il portale guarda anche all’estero ed è completamente tri-lingue, italiano, inglese e tedesco.
 

Infine nel sito sono evidenziati gli alloggi che hanno ottenuto da FIAB il riconoscimento di Albergabici Amici della bicicletta. Si tratta di strutture che hanno ricevuto da FIAB la targa e l’attestazione come alloggi ideali per i cicloturisti perché garantiscono di poter ospitare anche solo per una notte, di avere un luogo sicuro per le bici quando non vengono usate, forniscono una abbondante colazione, hanno disponibilità di percorsi e altre informazioni dell’area, è possibile lavare il vestiario e mettono a disposizione gli strumenti di base per le piccole riparazioni.

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TrevisoToday è in caricamento