lavoro

Lavorare all'Estero, tra sfide e opportunità: tutto quello che c'è da sapere

Cosa è importante sapere prima di cercare lavoro all'estero. Come muoversi, a che dettagli prestare attenzione, come scrivere correttamente un cv e tutte le informazioni utili

Sono tanti i giovani che dopo il liceo o l'università scelgono di partire alla ricerca di lavoro all'estero. C'è anche chi lavoro fuori dall'Italia lo trova prima della partenza e lascia la propria città con maggiori sicurezze. Andare a lavorare all'estero è certamente una scelta coraggiosa, una sfida che - spesso - riserva tante importanti opportunità.

A volte si tratta di esperienze professionali a breve termine, altre volte di un vero e proprio cambio di vita. Ma come si cerca lavoro all'estero? Se caparbietà, audacia e spirito di avventura non possono mancare, prima di partire per un paese lontano è importante tenere in considerazione alcuni fattori che differenziano il mercato del lavoro italiano da quello estero. Ci vuole anche tanta razionalità, responsabilità e pazienza per prendere le giuste decisioni evitando delusioni e brutte sorprese.

Cosa sapere se stai cercando lavoro all'estero

Per prima cosa è importante sapere che un buon curriculum, un buon voto di laurea o di diploma ed esperienze lavorative pregresse nel settore non sempre sono sufficienti quando si cerca lavoro fuori dall'Italia. Sicuramente tra le prime competenze richieste c'è un inglese fluente e la conoscenza della lingua del posto (se diversa dall'inglese, ovviamente). Importante, dunque, prima di trasferirsi, seguire corsi, letture, aggiornamenti, un training intensivo per imparare o migliorare velocemente la conoscenza delle lingue.

Se vuoi avere maggiori informazioni su come trovare lavoro all'estero, consulta questo articolo su adecco.it

Come muoversi per lavorare all'estero

Per prima cosa si consiglia di studiare il mercato di riferimento, per capire quali sono le figure più ricercate e se il proprio profilo è richiesto. Se la metà è già decisa, meglio studiare i trend di recruiting locali, capire le tipologie di colloquio, il tipo di competenze cercate nei cv. Una buona mossa è quella di individuare le aziende in cerca di candidati e le opportunità di lavoro attive su siti aziendali (nella sezione Careers).

E' importante tenere alla propria reputazione digitale, dunque avere dei social accattivanti, che raccontino le tue competenze. E' utile riprendere la rete di contatti personali, ex colleghi, professionisti conosciuti in esperienze formative e lavorative pregresse, per venire a conoscenza di eventuali offerte in linea con il proprio profilo.

Una volta individuate le offerte di lavoro attive e le aziende in cerca di candidati, occorre scrivere un CV in inglese e una lettera di presentazione in inglese da allegare alle candidature (vi consigliamo qui come fare).

Siti da consultare per trovare lavoro all’estero

Esistono poi dei siti di riferimento per chi sta cercando lavoro all'estero ma non sa proprio da dove partire. Ecco di seguito alcuni portali affidabili per trovare lavoro all'estero:

  • Eures (portale europeo per la mobilità professionale)
  • Cliclavoro (portale del Ministero de Lavoro e delle Politiche Sociali) 
  • Your First Eures Job (progetto legato a Eures e patrocinato, tra gli altri, dal Ministero del Lavoro) 

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
TrevisoToday è in caricamento