menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

E' rivoluzione nel pack del Mogliano Rugby: arrivano ben quattro nuove prime linee

Il club inserisce tre piloni e un tallonatore schierabile in entrambi i ruoli. Andranno ad affiancare i riconfermati Buonfiglio e Ferraro, oltre al giovane pilone Enrico Ceccato

MOGLIANO VENETO Nuovi arrivi nel pacchetto di mischia del Mogliano Rugby 1969, il reparto delle prime linee si rinnova in modo consistente con l’inserimento di tre piloni e di un tallonatore schierabile in entrambi i ruoli. Andranno ad affiancare i riconfermati Buonfiglio e Ferraro, oltre al giovane pilone Enrico Ceccato. Anche per quest’ultimo c'ì stato l’avvenuto rinnovo per la prossima stagione di Eccellenza.

Per quanto riguarda i neo acquisti, è in arrivo al Quaggia Andrea Michelini, un pilone destro esperto di 110 kg. Ha un passato nel Modena Rugby con cui ha fatto tutta la trafila delle giovanili fino all’esordio in prima squadra, disputando 8 stagioni tra Serie A e  Serie B. Si trasferisce quindi a Verona e gioca per 5 stagioni ancora in Serie A, sempre con il Cus Verona. Ora arriva in biancoblù provenendo dal Rugby San Donà, club con il quale ha disputato gli ultimi tre Campionati di Eccellenza. “Spero di riuscire a dare un importante contributo al mio nuovo Club”, esordisce Michelini, “e di aiutarlo a ritornare ai livelli delle stagioni passate. Ringrazio Mogliano per la possibilità che mi viene data di poter abbinare gli impegni lavorativi con quelli sportivi. Sono ansioso di iniziare a lavorare con i mie nuovi compagni con i quali ho avuto modo finora di confrontarmi solo da avversario".

Sempre negli impianti di via Colelli, quest’anno vedremo giocare anche Francesco Mattiazzi, pilone destro classe 1997, che nel suo passato rugbistico ha militato tra le fila del Lido Rugby, dell’Iniziative Rugby Villorba e della Tarvisium, oltre ad aver fatto parte, come esterno, dell’Accademia di Mogliano. “Farò di tutto”, ci dice, “per mettermi a disposizione della squadra e cercare di guadagnarmi l’occasione per debuttare nel Campionato di Eccellenza. Sono allo stesso tempo pronto a dare il meglio di me anche nella squadra Cadetta, qualora fosse necessario il mio impiego in Serie B".

Raggiunge il club biancoblù anche Davide Di Roberto, classe 1990, pilone sinistro aquilano lo scorso anno in forza alla Lazio. E’ cresciuto nel vivaio de L’Aquila Rugby, con la quale ha esordito in prima squadra nella stagione 2011/2012. Nelle ultime tre stagioni di Eccellenza disputate con la squadra laziale ha maturato un ottimo minutaggio, giocando da titolare quasi tutte le gare di Campionato. “Dopo questi anni con la Lazio ho scelto di venire a Mogliano per una mia crescita personale”, commenta Di Roberto, “Ho saputo che il capo allenatore era Cavinato e in particolare che l’allenatore degli avanti era Salvatore Costanzo, contro il quale ho giocato diverse volte e che penso possa sicuramente insegnarmi molte cose. Inoltre, anche la vicinanza del Club e le collaborazioni con la franchigia della Benetton Treviso, sono per me uno stimolo ulteriore per migliorare, dare il massimo per contribuire al Campionato di Mogliano e poi magari puntare a guadagnarmi l’opportunità di raggiungere il livello successivo".

Andrea Cincotto è un tallonatore/pilone destro, classe 1995, che vestirà nel prossimo Campionato la maglia del Mogliano dopo essere stato in forza a Rovigo nelle ultime due stagioni di Eccellenza. Cresciuto nel Rugby San Donà, è passato al Rovigo nel Campionato 2014/15, per poi maturare un’esperienza anche nell’accademia del Club francese del Tolone e quindi ritornare in rossoblù fino ad oggi. A Mogliano ritroverà gli ex compagni di reparto nella Nazionale Italiana Juniores, Ferraro e Buonfiglio. “Sono molto felice di venire a Mogliano”, dichiara Andrea, “ho voglia di giocare e per farlo cercherò in tutti i modi di guadagnarmi un posto tra i titolari. Sarà poi importante fare gruppo con tutti i miei futuri compagni, con alcuni dei quali ho già avuto modo di giocare in Nazionale Juniores, per ottenere risultati positivi per il Club e divertirsi allo stesso tempo".

Questo il pensiero del Capo Allenatore Andrea Cavinato: “Abbiamo cercato di formare una prima linea solida e competitiva. Insieme al già confermato Buonfiglio, a sinistra avremo due piloni molto mobili con l’inserimento di Davide Di Roberto che affiancherà il riconfermato Enrico Ceccato. A destra sfrutteremo la solidità e l’esperienza di Andrea Michelini e la grande fisicità di Francesco Mattiazzi, che lo porta a giocare anche in terza linea. Edoardo Ferraro sarà supportato dall’arrivo del tallonatore Andrea Cincotto, utilizzabile anche come pilone destro".

“Forse potrà suonare strano”, ci dice sorridendo dall’Argentina, dove si trova ancora in questo momento, l’allenatore degli avanti Salvatore Costanzo, “ma sia per me che per Andrea il reparto di prima linea è fondamentale. Abbiamo basato la nostra ricerca su dei giocatori che per caratteristiche fisiche e tecniche fossero adatti a darci le garanzie che vogliamo, e che potessero integrarsi con i già rodati Buonfiglio, Ferraro e Ceccato. Volevamo completare il reparto con qualche giocatore di esperienza insieme ad altri più giovani, per cercare di “modellarli” e di costruirli in base alle nostre esigenze ed a quelle della squadra. Per quanto mi riguarda, quello che mi aspetta sarà un bel lavoro nella gestione della mischia chiusa, sicuramente a livello tecnico ma anche, e soprattutto, a livello mentale, in quanto cercherò di far capire loro l’importanza vitale di questa fase di gioco, i vantaggi che può portare all’economia della squadra una mischia che domina, il piacere di creare un nostro punto di forza da cui far partire il nostro gioco. Nonostante a volte, con le nuove regole, questa fonte di gioco sembri perdere di valore, io ritengo che sia diventata ancora più importante di prima. Conosco abbastanza bene quasi tutti i giocatori di prima linea della nostra squadra e ci ho giocato anche contro, conosco i loro punti deboli e i loro punti forti, e questa sarà una base di partenza fondamentale per iniziare il lavoro che andremo a fare".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento