Sport

Il bielorusso Aleksandr Riabushenko primo sulle salite della Bassano-Monte Grappa!

Per l'atleta della Soligo Amarù è la prima grande vittoria in carriera dopo un lungo periodo di piazzamenti. Secondo invece Matteo Fabbro del Cycling Team Friuli

L'arrivo di Riabushenko (Photo Credits Riccardo Scanferla - www.photors.it)

CRESPANO DEL GRAPPA Dopo due anni di esperienze altalenanti nel ciclismo italiano esplode di potenza il talento di Aleksandr Riabushenko. Il bielorusso, 180 cm di altezza, fisico asciutto e profondi occhi azzurri, ha vinto alla maniera dei grandi la Bassano-Monte Grappa giunta alla sua 74esima edizione.

Riabushenko con una progressione da vero campione è scattato dopo pochi chilometri dall'imbocco della salita che porta alla vetta del Monte Grappa conquistando in solitaria una delle corse più belle e più apprezzate del ciclismo internazionale. Il bielorusso, secondo al campionato nazionale strada, secondo soltanto giovedì a Boscochiesanuova per una foratura sfortunata a pochi chilometri del traguardo, secondo anche al Trofeo Matteotti, secondo a Castelfidardo fino a qualche giorno fa vantava al suo attivo la vittoria conquistata a Badia Agnano. Il corridore del Team Soligo Amarù Sirio, passista scalatore ma dotato anche di un'ottimo spunto veloce in volata, ha scelto il team diretto da Olivano Locatelli per affinare la sua preparazione e tentare il salto di categoria. Soddisfazione per i due importanti successi conquistati in appena due giorni dai propri corridori, è stata espressa dal presidente del Team, Ezio Tironi: oltre alla Bassano - Monte Grappa infatti, a Labro (Rieti) era stato Cezary Grozdicki a tagliare per primo il traguardo del Memorial Filippo Micheli. Un’altra bella conferma per il ragazzo di origine polacca che poche settimane fa aveva conquistato il titolo tricolore nella madison in coppia con il compagno di squadra Giulio Branchini.

Soddisfazione poi anche per il Cycling Team Friuli che ottiene una ulteriore importante conferma per il suo giovane Matteo Fabbro. Lo scalatore in casacca bianco-nera, infatti, dopo essere stato assoluto protagonista sulle rampe della mitica salita vicentina, ha chiuso in seconda posizione sul traguardo posto in vetta al Monte Grappa, primo tra gli italiani, alle spalle solo dell'incontenibile bielorusso Aleksandr Riabushenko. Per Fabbro il secondo posto conquistato è ricco di significati e lo conferma tra i migliori talenti del panorama internazionale nelle prove più esigenti. Giustificata, dunque, la soddisfazione espressa dal ds Andrea Fusaz: "Anche stavolta Matteo ha dimostrato tutto il proprio valore su una montagna mitica come il Monte Grappa. Il livello degli avversari era molto alto e le insidie proposte da questa salita non hanno bisogno di presentazioni, ma lui è stato bravo a dosare le proprie forze e a conquistare un secondo posto che vale oro" ha commentato il direttore sportivo del Cycling Team Friuli che ha aggiunto "Questo piazzamento ci fa ben sperare in prospettiva degli appuntamenti del mese di agosto: ci attendono diverse internazionali e molte di queste sono tra le più impegnative del calendario. Matteo e tutto il resto della squadra stanno attraversando un periodo di ottima forma, abbiamo tutte le carte in regola per andare a caccia di risultati importanti e contiamo di essere ancora protagonisti".

unnamed1-5

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il bielorusso Aleksandr Riabushenko primo sulle salite della Bassano-Monte Grappa!

TrevisoToday è in caricamento