rotate-mobile
Sabato, 21 Maggio 2022
Altro

Bebe Vio ed Erica Cipressa non verranno a Mogliano

Le due atlete disertano la festa in piazza. Bebe parla di prudenza, la giunta ne fa un caso politico

«Purtroppo non abbiamo fatto l'evento. Volevo ringraziarvi, il Comune ha avuto una bella idea, vista l'ultima ondata e i contagi non me la sentivo nè per me nè per gli altri. Vogliamo passare tutti la festa con i nostri nonni. Si rifarà, è solo rimandato, aspettiamo momenti migliori». Bebe Vio ha scelto di disertare la festa della scherma di ieri pomeriggio. Con un comunicato stampa l'amministrazione Bortolato comunica la rinuncia dell'atleta ad essere a Mogliano adducendo come motivazione la polemica nata nei giorni scorsi tra il Pd e l'assessore allo sport Pavan sull'opportunità di tenere un incontro di piazza vista l'escalation della quarta ondata.

La famiglia getta acqua sul fuoco

Ma la famiglia Vio ci tiene a precisare. «La decisione nasce dalla prudenza. Vogliamo ribadire che siamo estranei alla polemica politica» ribadisce il padre Ruggero Vio. In diversa chiave viene invece letta la decisione di rimandare l'evento da parte dell'amministrazione comunale. «Le polemiche di Nilandi, che dimostrano la volontà esclusiva di attaccare l'amministrazione per una propria vetrina politica, hanno sortito l'effetto di privare i cittadini di un momento di gioia ed emozione cercato e voluto in città, in totale sicurezza -si legge nel comunicato diffuso dall'amministrazione- Le normative vigenti erano state rispettate pedissequamente, era stato organizzato uno staff di volontari col compito di controllare l'utilizzo corretto delle mascherine, la temperatura e di monitorare la formazione di assembramenti». E ancora. «Le parole spese da Nilandi sui giornali non hanno fatto sentire Bebe e il suo staff accolti nella nostra città - si legge nella nota - ma anzi hanno fatto in modo di strumentalizzare le persone di Bebe ed Erica per personali scopi politici. Gli stadi e i luoghi dello sport sono aperti, i teatri anche, la piazza di Mogliano Veneto era pronta ad ospitare l'evento in totale sicurezza».

La replica

Giacomo Nilandi, consigliere di minoranza e segretario del Pd moglianese, però, non ci sta. «Il compito di ogni consigliere comunale in democrazia è quello di vigilare sull'operato di chi governa, con questo spirito ieri abbiamo segnalato l'opportunità di spostare l'evento di premiazione delle nostre olimpioniche causa Covid. Le stesse perplessità sono state condivise anche dalla campionessa olimpionica Bebe Vio, dando comunque la disponibilità per trovare insieme una nuova data». Stamattina Nilandi e il Pd hanno segnalato i propri dubbi anche alle associazioni coinvolte, che hanno accolto anch'esse come ragionevoli gli stessi. «Rimaniamo poi basiti di come siano stati utilizzati canali istituzionali dell'ente per un attacco personale al nostro segretario, becero e senza precedenti nei toni e nei contenuti, che si commentando soli. Rispetto a questi se non ci saranno rettifiche pubbliche procederemo nelle sedi competenti» conclude Nilandi. Con Bebe Vio avrebbe dovuto esserci anche Erica Cipressa.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bebe Vio ed Erica Cipressa non verranno a Mogliano

TrevisoToday è in caricamento