rotate-mobile
Venerdì, 19 Aprile 2024
Sport

Mi piace di Cuore-Ascotrade: premiati i vincitori della nona edizione

Quasi 6mila voti su Facebook e una giuria tecnica hanno assegnato un montepremi complessivo da più di 10mila euro. Tra le discipline premiate: powerchair hockey, baseball e softball, bocce e motorsport

Quasi 6 mila voti, 15 progetti in gara e un montepremi complessivo da più di 10 mila euro: è nei numeri il successo della nona edizione di “Mi piace di Cuore-Ascotrade”, il concorso social a sfondo benefico promosso da Ascotrade, azienda di fornitura di energia del Gruppo Hera, in collaborazione con Coni e Comitato Italiano Paralimpico del Veneto.

Anche quest’anno tutte le società paralimpiche del Veneto sono state invitate a presentare un progetto per l’acquisto di materiali, l’abbattimento di barriere architettoniche, ma anche specifici percorsi per la formazione di figure specializzate. Come da tradizione, a stabilire le migliori proposte è stata una doppia giuria: quella tecnica, composta da esperti, e quella popolare, che sulla pagina Facebook del concorso ha potuto premiare i singoli progetti a suon di “like”.

Mi piace di Cuore-Ascotrade

Diverse le richieste pervenute: dall’acquisto di nuove batterie e ruote per le carrozzine elettriche utilizzate nel Powerchair Hockey allo sviluppo di progetti per la promozione del Baseball tra le persone con disabilità, per arrivare all’organizzazione di giornate di avviamento alla disciplina della boccia paralimpica e all’acquisto di materiale idoneo per il Tennistavolo a livello agonistico. La cerimonia conclusiva del concorso si è tenuta questa mattina, venerdì 3 febbraio, a Palazzo Rinaldi, a Treviso, con la partecipazione di Francesco Bettella, testimonial dell’iniziativa, nonché plurimedagliato di nuoto paralimpico. Le quattro società vincitrici, alle quali è stato consegnato un assegno da 2.500 euro ciascuna, sono:

Treviso Bulls Aps-Asd (Powerchair Hockey) – Treviso

Asd Baseball Softball Club Rovigo – Rovigo

Asd Sport Assi (Boccia Paralimpica) – Sedico (Belluno)

Asd Tennistavolo San Bartolomeo Mirano – Mirano (Venezia)

«La prima edizione di Mi Piace di Cuore, nel 2013, fu una scommessa. All’epoca lo sport paralimpico era sconosciuto ai più in Veneto e non esistevano iniziative che potessero sostenerlo. Oggi, con orgoglio, possiamo affermare senza timore di essere smentiti che la nostra scommessa è stata vinta, a dimostrazione di un’idea coraggiosa, ma lungimirante: abbiamo visto questo contest sbocciare e crescere, ma soprattutto aiutare migliaia di ragazzi e ragazze che nello sport trovano riscatto» spiega Cristian Fabbri, amministratore delegato EstEnergy e direttore centrale Mercato Gruppo Hera «La nostra soddisfazione è doppia perché con questa iniziativa, rivolta alle società del Veneto, vogliamo essere vicini al territorio, supportando tutte quelle realtà sportive e associative che, spesso lontane dalla luce dei riflettori, si dedicano quotidianamente con grande passione e dedizione alle persone più svantaggiate. Un plauso ai vincitori del concorso per la qualità dei progetti presentati, anche quest’anno caratterizzati da grande innovazione e concretezza. In particolare, un progetto di educazione stradale e tecnica per persone con disabilità, promosso da Asd Race Ability di Altavilla Vicentina (Motor Sport) che abbiamo deciso di premiare al di fuori dal concorso, con una donazione di 500 euro. Un particolare ringraziamento va a tutti coloro che hanno partecipato al contest donando il proprio voto sulla pagina Facebook. In questo modo hanno contribuito a un aiuto concreto e soprattutto a regalare un sorriso a chi ne ha più bisogno».

«Questi progetti testimoniano una volontà comune e diffusa di promuovere lo sport, i suoi valori ma anche grande attenzione verso l’inclusione» ha dichiarato il Sindaco di Treviso, Mario Conte - Apprezziamo e sosteniamo con entusiasmo lo spirito che accompagna questo concorso, che unisce lo sport ad un nuovo modo di comunicare e di supportare l’attività delle discipline paralimpiche, che danno la possibilità a tanti ragazzi di praticare attività sportiva e di essere protagonisti. Parliamo di progetti concreti, realizzabili e che rispondono alle istanze dei ragazzi e delle società, per uno sviluppo a 360 gradi di un intero movimento».

«Il valore sociale di queste società è incredibile, lo sport è vita» ha aggiunto il Presidente del CONI Veneto Dino Ponchio «Ancora una volta, rimaniamo a bocca aperta di fronte alla variegata proposta del territorio, sempre ambizioso e determinato nel promuovere la crescita sportiva, ma soprattutto personale degli atleti. I miei complimenti ai vincitori e un in bocca al lupo di cuore a tutte queste società, che continuano a veicolare i valori della lealtà, dell’amicizia e della condivisione».

«Il lavoro delle società nelle diverse discipline è encomiabile, ma non dimentichiamoci che questo richiede continui sforzi, investimenti e risorse: Mi Piace di Cuore è un progetto capace di aiutare concretamente le realtà sportive e crediamo che Ascotrade debba essere fiera di quello che è riuscita a portare avanti in tanti anni» osserva Ruggero Vilnai, presidente del CIP Veneto «Sono sicuro che presto ne raccoglieremo i frutti: le Paralimpiadi si avvicinano a grandi passi e se qualcuno dei nostri ragazzi o delle nostre ragazze avrà la fortuna, ma soprattutto la bravura, di parteciparvi da protagonista il merito sarà da riconoscere anche a chi, formando nuovi allenatori e dotando gli atleti di infrastrutture sempre più moderne, lo ha reso un po’ più possibile».

Treviso Bulls Aps-Asd (Powerchair Hockey) – Treviso
Ambito del progetto: acquisto di attrezzature

Il Powerchair Hockey è una delle pochissime discipline al mondo che permette ai ragazzi con patologie muscolari e neuromuscolari, anche nelle forme più gravi, di praticare uno sport di squadra. La richiesta presentata da Treviso Bulls APS – ASD, squadra di hockey in carrozzina elettrica di Treviso, riguarda la sostituzione delle batterie dei mezzi, delicate sotto diversi punti di vista, l’acquisto di nuove ruote e un'accurata manutenzione dei motori.

Asd Baseball Softball Club Rovigo – Rovigo
Ambito del progetto: acquisto ausili e attrezzature, corsi di formazione

II Baseball Softball Club Rovigo vuole diventare un polo di riferimento per la disabilità visiva nel Veneto. L'attività, inaugurata nel 2019, ha visto la costituzione di un primo gruppo di non vedenti e ipovedenti. Con il progetto in gara la società si propone di realizzare una rete sul rodigino e nel Veneto, attivare corsi di formazione a Rovigo con esperti del settore e potenziare l'attività sportiva, incrementando gli aderenti su tutto il territorio regionale.

Asd Sport Assi (Boccia Paralimpica) – Sedico (Belluno)
Ambito del progetto: acquisto ausili, corsi di promozione e avviamento

Asd Sport Assi vuole favorire la diffusione di uno sport che permetta l'inclusione di persone con disabilità gravi. Il progetto mira a coinvolgere gli istituti scolastici e gli insegnanti di sostegno che lavorano a stretto contatto con i giovani con disabilità, al fine di individuare gli alunni che presentano le caratteristiche psico-fisiche e l'interesse per conoscere e sperimentare la disciplina della boccia paralimpica. Parallelamente, grazie alla condivisione delle attività con l'Assi (Associazione Sociale Sportiva Invalidi), verrà messa a disposizione dei giovani e delle famiglie una psicologa e un fisioterapista.

Asd Tennistavolo San Bartolomeo Mirano – Mirano (Venezia)
Ambito del progetto: acquisto ausili e attrezzatura, corsi di formazione

Il tennistavolo paralimpico come strumento per migliorare le qualità di vita delle persone con disabilità. La richiesta della società riguarda l’acquisto di materiale idoneo (carrozzine, fasce, racchetta, tavoli), per aiutare gli atleti, allenamento dopo allenamento, a gareggiare a livello agonistico.

Premio Speciale:

Asd Race Ability – Altavilla Vicentina (Vicenza)
Ambito del progetto: acquisto attrezzature e ausili, formazione

Come reagire sul bagnato? Come effettuare frenate di emergenza? Come affrontare curve pericolose? Il progetto presentato da Asd Race Ability, associazione che avvicina le persone diversamente abili alle corse a bordo di Go-kart, si propone di rispondere a queste domande con un apposito programma di educazione stradale tecnica. L’obiettivo? Insegnare ai piloti a gestire le situazioni di difficoltà che si possono presentare durante la guida quotidiana, per garantirgli un divertimento in piena sicurezza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mi piace di Cuore-Ascotrade: premiati i vincitori della nona edizione

TrevisoToday è in caricamento