rotate-mobile
Lunedì, 22 Aprile 2024
Sport

Colpaccio dei Leoni, espugnato il campo degli Ospreys 20-21

Vittoria a sorpresa del Benetton rugby nel quindicesimo turno di United Rugby Championship. Riaperti i giochi in zona playoff

Colpo insperato del Benetton rugby che nel quindicesimo turno di United Rugby Championship batte a domicilio gli Ospreys per 20-21 e si rilancia così in chiave playoff. Prova stoica degli uomini di coach Marco Bortolami a Swansea contro gli Ospreys. Entrambe le squadre venivano da una sconfitta nel turno precedente e la sfida tra "deluse" ha sorriso ai Leoni.

CRONACA PARTITA

Pronti, via e gli Ospreys cercano la meta sfruttando l’indisciplina dei Leoni. Grazie alle punizioni a favore si portano nei cinque metri degli ospiti. Dalla maul gallese, l’ovale passa a Morgan che va a schiacciare in meta. Myler coglie il palo dalla piazzola. I Leoni tengono in difesa col tenuto di Bernasconi e poi ribaltano il campo. L’arbitro irlandese Brace, col supporto del Tmo, annulla una meta biancoverde a Mendy per un in avanti, nello sviluppo precedente dell’azione, di Umaga a Drago che rimane dubbio. I biancoverdi sono sul pezzo e da gioco rotto trovano la prima meta: Smith calcia per se stesso, dal rimpallo aereo Pettinelli dà una pedata in zona d’attacco e scatta in avanti. Lo stesso flanker recupera l’ovale con una magia e serve la corsa decisiva di Joaquin Riera, bravo ad andare a marcare. Umaga trasforma. Passano due minuti e il direttore di gara punisce un’infrazione di Wegner in ruck. Myler va ai pali e riporta avanti di un punto gli Ospreys. Il Benetton Rugby ribatte colpo su colpo e ha un altro piazzato a favore. Jacob Umaga dalla distanza caccia la giusta gittata per riportare avanti i Leoni. In questo frangente gli Ospreys sono più fallosi e i biancoverdi hanno un’altra punizione per scorrettezza in touche dei gallesi. Jacob Umaga centra i pali e il primo tempo termina per 8-13 a favore del Benetton Rugby.

Ritornano in campo le due formazioni e i Leoni con delle azioni individuali di Drago – in difesa – e Izekor – in attacco – conquistano metri. Poi gli Ospreys sono fallosi e il Benetton Rugby sfrutta un’altra punizione. Jacob Umaga è ancora preciso e allunga il vantaggio degli ospiti. I biancoverdi sono reattivi e rovesciano il fronte grazie a un allungo poderoso di Izekor. Ospreys commette un fallo chirurgico e Brace ammonisce Deaves, autore della scorrettezza. I Leoni hanno l’uomo in più e per poco vanno in meta con Bernasconi da maul, ma gli sfugge il pallone sul più bello. Poco importa, perché il Benetton Rugby accelera, azione veloce sulla fascia, Smith è perfetto a imbeccare sulla sinistra Marcus Watson, imprendibile per la difesa di casa. La meta non viene trasformata da Umaga. Bortolami compie tre cambi: Garbisi, Da Re e Stowers per capitan Duvenage, Mendy e Wegner. Entra anche Zanon per Riera. Si ritorna in parità numerica, con Meggiato per Izekor. Manca un quarto d’ora e il Benetton Rugby deve proteggere il vantaggio di 13 lunghezze. Alongi subentra a Pasquali, mentre in campo si susseguono alcuni errori tecnici. Gli Ospreys non mollano e trovano la meta per riaprire l’incontro. Dalla maul Parry va a marcare e Welsh riporta i gallesi sotto break sul 15-21. Gli ultimi minuti sono tachicardici, i gallesi vanno in meta all’ultimo minuto con Morgan-Williams. Walsh con la trasformazione completerebbe la rimonta, ma coglie il palo e il Benetton Rugby può festeggiare una vittoria storica in trasferta per 20-21 e si rilancia in zona playoff.

IL TABELLINO

Marcature: 6′ meta Morgan, 21′ meta Riera tr. Umaga, 25′ p. Myler, 32′ p. Umaga, 38′ p. Umaga; 49′ p. Umaga, 51′ meta Watson, 73′ meta Parry tr. Walsh, 81′ meta Morgan-Williams.

Note: cartellino giallo al 50′ per Deaves (OSP). Trasformazioni: Ospreys 2/3 (Myler 1/1; Walsh 1/2); Benetton Rugby 1/2 (Umaga 1/2); Punizioni: Ospreys 1/1 (Myler 1/1); Benetton Rugby 3/3 (Umaga 3/3).

Ospreys: 15 Iestyn Hopkins (67′ Matthew Aubrey), 14 Luke Morgan, 13 Owen Watkin, 12 Keiran Williams (67′ Michael Collins), 11 Keelan Giles, 10 Stephen Myler, 9 Reuben Morgan-Williams (60′ Jack Walsh), 8 Morgan Morris (23′ Harry Deaves), 7 Ethan Roots Sam Cross, 6 Dan Lydiate (60′ James Fender), 5 Huw Sutton, 4 Rhys Davies, 3 Tom Botha (60′ Rhys Henry), 2 Sam Parry, 1 Nicky Smith (c) (68′ Garyn Phillips).

A disposizione: 16 Tom Cowan-Dickie.

Head Coach: Toby Booth.

Benetton Rugby: 15 Rhyno Smith, 14 Ignacio Mendy (52′ Giacomo Da Re), 13 Joaquin Riera (57′ Marco Zanon), 12 Filippo Drago, 11 Marcus Watson, 10 Jacob Umaga, 9 Dewaldt Duvenage (c) (52′ Alessandro Garbisi), 8 Riccardo Favretto, 7 Alessandro Izekor (60′ Matteo Meggiato), 6 Giovanni Pettinelli, 5 Carl Wegner (52′ Henry Time-Stowers), 4 Marco Lazzaroni, 3 Tiziano Pasquali (64′ Filippo Alongi), 2 Bautista Bernasconi, 1 Nahuel Tetaz (75′ Cherif Traore).

A disposizione: 16 Lapo Frangini.

Head Coach: Marco Bortolami.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Colpaccio dei Leoni, espugnato il campo degli Ospreys 20-21

TrevisoToday è in caricamento