I Leoni fanno team building grazie ad un innovativo circuito ad ostacoli

L'esperienza, per tutti i giocatori della prima squadra del Benetton Rugby, è avvenuta all'interno dell'azienda agricola di Alvise Faraon

Un momento del team building

Lo staff tecnico ed i preparatori fisici del Benetton Rugby hanno deciso di fare una sorpresa ai Leoni, ignari di tutto e che solamente venerdì mattina sono stati avvertiti dell’intensa mattinata che li avrebbe aspettati all’insegna del rafforzamento dello spirito di squadra. Infatti, venerdì mattina Sgarbi e compagni sono stati protagonisti di una dura, ma allo stesso tempo fantastica giornata di team building che ha sposato in un’unica occasione lavoro fisico e competitività.

Gli atleti del Benetton Rugby hanno così concluso la tornata delle quattro settimane consecutive di allenamenti spostandosi verso Zero Branco, direzione azienda agricola Alvise Faraon. Accolti da Alvise Faraon, ex Leone che giocato diversi anni nelle giovanili biancoverdi, gli uomini di coach Crowley hanno trascorso un allenamento alternativo in campagna, su un terreno che comprende i comuni di Zero Branco e Quinto di Treviso. I biancoverdi hanno affrontato un circuito ad ostacoli caratterizzato da diverse prove fisiche e dividendosi in otto gruppi da sei giocatori si sono cimentati in undici ardue tappe a tempo di un percorso per temerari. Le squadre erano miste, fra avanti e trequarti, e ad ogni stazione di gara i membri dello staff controllavano la validità delle prove e annotavano i relativi tempi. Anche gli atleti acciaccati hanno svolto una sessione d’allenamento e recupero all’interno dei corsi d’acqua della tenuta agricola, con prove fisiche ad hoc. Infine, al termine della faticosa mattinata tutti si sono riuniti per il pranzo.

È stata un’attività diversa dal solito che ha permesso di rafforzare il legame di squadra fra i Leoni, per una riuscitissima attività di team building sviluppata grazie e soprattutto alla disponibilità di Alvise Faraon: «Per me è un grandissimo piacere aver ricevuto i ragazzi del Benetton Rugby che sono principalmente miei amici, prima che atleti. È stato un onore averli nella mia casa e poterli “testare” per il mio nuovo progetto, sono sicuro che i ragazzi sono stati ampiamente messi alla prova – ha commentato entusiasta Faraon – Il Benetton Rugby per me rimane sempre una seconda famiglia e alcuni dei giocatori sono persino miei vecchi compagni di squadra».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il preparatore fisico biancoverde Giacomo Vigna, responsabile della performance, ha aggiunto: “Al termine del ciclo di 4 settimane d’allenamento, come staff abbiamo pensato di organizzare una giornata diversa che permettesse ai ragazzi di lavorare in una maniera meno convenzionale, concentrandosi anche sull’importanza dello spirito di gruppo. Da qui l’idea di sorprendere la squadra con una giornata di team building, offrendo loro una modalità di allenamento alternativa pur mantenendo la stessa intensità del lavoro svolto in queste settimane tra campo e palestra. Infine teniamo a ringraziare Alvise per l’organizzazione e per averci permesso di realizzare tutto ciò”. Per chiunque fosse interessato ad ottenere maggiori informazioni riguardo l’innovativo percorso ad ostacoli all’interno dell’azienda agricola Alvise Faraon, può contattare il numero di cellulare 333-7717492 o scrivere alla ad alvise.faraon91@gmail.com.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' morto Tommaso, il bimbo di Dosson schiacciato da un cancello

  • Superenalotto, doppia vincita nel weekend in provincia di Treviso

  • Con lo scooter contro un'auto, muore noto albergatore jesolano

  • Monfumo, Cornuda e Pederobba: raffica di allagamenti, strade come fiumi

  • Una folla commossa per dare l'ultimo saluto al piccolo Tommaso

  • Coronavirus, Zaia: «Gli immigrati della Serena devono tornare a casa loro»

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento