Giuseppe D'Alterio (Monastier) ai aggiudica il trofeo "Danilo De Marchi" a Como

La Bocciofila Povegliano guidata dal presidente Davide Mattiazzo ha organizzato il tradizionale Torneo provinciale serale ad invito con la partecipazione di 32 coppie di categoria C e D trevigiane

Foto di gruppo per Povegliano

La società Cadoraghese del comitato di Como ha ottimamente organizzato il “15° Trofeo Danilo De Marchi - Impresa Edile“, gara promozionale ad invito a 32 giocatori con la partecipazione dei migliori giocatori di altissimo livello delle categorie A1 e A, le fasi eliminatorie si sono disputate da lunedì 8 luglio, le finali si sono svolte  venerdì 19 luglio alla presenza di una splendida cornice di pubblico. Questa manifestazione è ormai diventata un appuntamento fisso del calendario boccistico nazionale. Le semifinali hanno visto scontrarsi i fratelli Giuseppe D’Alterio e Pasquale D’Alterio e Maurizio Mussini con Gianpaolo Signorini, i giocatori per la gioia dei presenti hanno disputato due incontri di ottimo livello con accosti millimetrici e  bocciate spettacolari, al termine dei quali hanno conquistato il diritto a contendersi l’ambita vittoria  Giuseppe D’Alterio alfiere della trevigiana Monastier e Maurizio Mussini portacolori della Rubierese di Reggio Emilia. La finale è stata piacevole ed equilibrata al termine si è imposto con merito Giuseppe D’Alterio (Monastier,Treviso) superando un ottimo Maurizio Mussini della Rubierese di Reggio Emilia, al terzo posto  Pasquale D’Alterio della Santa Chiara di Napoli e Gianpaolo Signorini della Fontanella di Piacenza, 5° Jacopo Gaudenzi (Codognese 88,Lo), 6° Walter Barilani (Alto Verbano, Va), 7° Mattia Visconti (Arcos Brescia Bocce, Bs ), 8° Adelio Aglani (V.I.P. Credaro, Bg).

Finalisti Giuseppe D'Alterio e Maurizio Mussini-2                 

MIRKO SAVORETTI E GIUSEPPE D’ALTERIO CONQUISTANO IL GRAN PREMIO UNIPOL SAI   La bocciofila Rinascita di Passirano del comitato di Brescia Franciacorta ha organizzato il “ Gran Premio Unipol Sai “ gara nazionale che ha visto la partecipazione di 80 coppie delle categorie A1/A. Con una prova maiuscola hanno conquistato una splendida vittoria Mirko Savoretti e Giuseppe D’Alterio portacolori trevigiani della Monastier superando nella finale Adelio Aglani - Marco Garlini(V.I.P. Credaro,Bg) ,al terzo posto Claudio Meroni - Andrea Rotundo (Sulbiatese,Monza) e Claudio Molinari – Luciano Rizzardi (Inox Mace, Brescia), 5^ Marco Luraghi – Pietro Zovadelli (Caccialanza,Milano), 6° Marcello Brugini – Sebastiano Invernizzi  (Caravaggio,Bergamo),7° Bortolo Delaini – Alessandro Paolini (Arcos Brescia Bocce,Brescia),8° Andrea Bagnoli – Marco Russo (Vigasio-Villafranca, Verona). (foto vincitori)      

BOCCE VOLO : LUCIO NETTO - GIOVANNI ZANATTA (POVEGLIANO)  PROFETI IN PATRIA La Bocciofila Povegliano guidata dal presidente Davide Mattiazzo ha organizzato il tradizionale Torneo provinciale serale ad invito con la partecipazione di 32 coppie di categoria C e D trevigiane. Per la gioia dei dirigenti della società organizzatrice e dei numerosi supporter si sono imposti Giovanni Zanatta e Lucio Netto alfieri beniamini di casa della Povegliano impostesi sulla formazione composta da Pierluigi Cavasin-Gianni Segato portacolori della Saranese, 3^ Omar Piccolo, Biagio De Vecchi  (San Antonio), 4^ Pietro De Nadai, Mario Saldamarco  (Orsago), 5^ Miatovic Zoran, Elio De Coletta  (Veglia Tomasella), 6^ Massimo Bottin, Plinio Piccolo (Cornudese Monterocca), 7^ Armando Giotto, Mauro Sartor (Selva), 8^ Berislav Sarac, Mario Giacomin  (Vazzolese). Le premiazioni effettuate dai dirigenti della bocciofila presente Antonio Guizzo Delegato F.I.B. di Treviso, ha diretto Battista Tessari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia al ritorno dalla discoteca, Alberto Antonello positivo alla cannabis

  • Scopre di avere un tumore, maestra d'asilo muore 5 giorni dopo

  • Donna viene investita da un'auto e muore: è caccia al pirata della strada

  • Troppo grande la sofferenza per la malattia: ex assessore comunale si toglie la vita

  • Travolto dal suo furgone mentre lo sta caricando, muore ambulante

  • Si era dato fuoco di fronte al "Per Bacco", muore dopo cinque giorni di agonia

Torna su
TrevisoToday è in caricamento