rotate-mobile
Giovedì, 22 Febbraio 2024
Calcio

Eccellenza, il Treviso sbanca San Donà

Allo Zanutto i biancocelesti si impongono 2-0 grazie all'uno-due a metà ripresa di Posocco e Salviato

SANDONA’  – TREVISO 0-2 

RETI: st 20’ Posocco, 23’ Salviato (T)

SANDONA’: Piccolo, Donadello, Guizzini, Uliari, Fortunato, Abcha (st 28’ Crescente), De Stefani (st 33’ Telesi), Scroccaro, Pasqual (pt 40’ Gashi), Carli, Manente. All. Augusto Davanzo. 

TREVISO: Lombardi, Shukulli, Mosca, Soncin (pt 11’ Simeoni), Salviato, Severgnini, Stefani, Malagò, Sottovia, Marcolin (st 10’ Boron), Posocco (st 28’ Guccione). All. Enrico Cunico.

ARBITRO: Bragagnolo di Castelfranco Veneto (Tinazzo di Rovigo e Popovic di Padova)

NOTE: ammoniti Guizzini, Uliari, Gashi, Simeoni, Posocco, Malagò.

Un cinico e concreto Treviso sbanca per 2-0 lo Zanutto di San Donà, portando a casa tre punti importanti per morale e classifica. La squadra di Cunico, dopo aver rischiato nel primo tempo, nel secondo ha assestato due sberle al Sandonà che non ha poi più saputo replicare. 

Gara che si apre con l’infortunio del trevigiano Soncin, da poco recuperato, subito sostituito con Simeoni. Sandonà che nei primi minuti sembra meglio messo in campo, con Pasqual che si mette in evidenza al 16’ con un tiro dalla distanza, pallone che termina non lontano dal palo di sinistra di Lombardi. Al 19’ entra in area sulla sinistra Carli, che serve al centro Scroccaro, pronto il passaggio al limite dell’area per Pasqual il cui tiro centrale trova pronta la parata di Lombardi. Treviso che nella seconda parte della frazione cerca di rendersi pericoloso in avanti. Al 34’ un traversone dalla destra trova libero sul fronte opposto Sottovia, al momento del tiro viene contratto con successo da Manente. Al 40’ deve arrendersi anche Pasqual, sostituito da Gashi. Al 42’ l’episodio che avrebbe potuto cambiare il corso della gara: punizione dalla sinistra di Fortunato, il traversone sorvola le teste dei difensori trevigiani pescando sul palo lontano Carli, con il portiere fuori causa la rete sembra fatta ma il pallone anziché andare verso la porta va lateralmente dove ancor più incredibilmente Gashi manca la possibilità di ribadire in rete, con il portiere Lombardi che può approfittare di tanta manna per abbrancare a terra il pallone.

Nella ripresa il Treviso cambia atteggiamento con Boron che prende il posto di Marcolin. Centrocampo sandonatese che soffre maggiormente e ha difficoltà nell’impostare le proprie azioni. Al 14’ su una punizione di Malagò dalla sinistra è Posocco a svettare di testa, para a terra Piccolo. Rischia ancora il Sandonà al 16’ il traversone di Simeoni attraversa l’area senza che nessuno riesca ad approfittare. De Stefani poi cerca la conclusione dopo un traversone di Carli, para a terra Lombardi. Al 20’ la svolta: discesa sulla sinistra di Mosca che  riesce a superare il suo diretto marcatore e dosare un traversone che trova il perfetto stacco di testa di Posocco per il vantaggio trevigiano. Non passano che pochi minuti e su un corner battuto da Boron è Salviato a svettare a centro area di testa schiacciando in rete il raddoppio. Un uno-due micidiale che mette in ghiaccio una gara nel complesso equilibrata. Nel finale Scroccaro conquista palla, verticalizza per Gashi che sull’uscita del portiere calcia a lato. Lo stesso portiere Lombardi al 45’ vola all’incrocio dei pali per deviare una punizione battuta da Fortunato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Eccellenza, il Treviso sbanca San Donà

TrevisoToday è in caricamento