rotate-mobile
Calcio

Liapiave e Portomansuè: nessuna vincitrice

Finisce 2 a 2 il big match con il sorprendente Liapiave raggiunto solo al 90' dalla corazzata Portomansuè

Le due formazioni scendono in campo con il lutto al braccio per la scomparsa di Ivan Cattelan, 67 anni, deceduto nelle scorse ore a causa di uno scompenso cardiaco. Era membro del consiglio direttivo del Liapiave nonché papà di Alessandro Cattelan. La gara inizia subito su ritmi piuttosto alti e il Liapiave non ha nessun timore reverenziale contro la capolista. La sensazione è che solo il classico episodio può far pendere la bilancia da una parte o dall'altra. Episodio che arriva al 33' con Paladin che riesce con una bella fiondata a superare Keber. La formazione di Zoppas continua a macinare gioco, tuttavia il Porto cerca di serrare le fila. Ma la prima frazione si chiude sul vantaggio minimo per la formazione locale.

Il secondo tempo

Ripresa subito scoppiettante: al 3' Tonizzo commette fallo su un attaccante locale. L'arbitro non ha dubbi e indica il dischetto. Si incarica di battere Paladin che spiazza Keber e raddoppia per i suoi. Ma la gioia locale dura poco: 2' dopo, analoga azione a campi invertiti Barra commette fallo ed è nuovamente calcio di rigore, ma per il Porto. Zanardo insacca dimezzando lo svantaggio. A questo punto la gara è ancor più combattuta. Si arriva così al 90' quando il direttore di gara concede 4 minuti di recupero. E proprio al primo arriva il secondo sigillo di Zanardo, che come Paladin fa doppietta: un gol importante perché muove la classifica del Porto. E tiene la formazione di Marchetti in testa alla graduatoria in coabitazione col San Donà e davanti al Portogruaro. Mentre il Liapiave, con 14 punti, resta comunque ai piedi del podio.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Liapiave e Portomansuè: nessuna vincitrice

TrevisoToday è in caricamento