rotate-mobile
Lunedì, 26 Febbraio 2024
Calcio

Manita del Giorgione

Bonaldi e Antenucci sugli scudi trascinano il Giorgione a una grande prestazione. I due sono scatenati e portano subito la gara sui binari migliori

Passano meno di 2’ dal calcio di inizio che Dalla Santa trova il filtrante per Antenucci che si allarga sulla destra, fa uscire Gallo e da posizione defilata in diagonale manda la palla in rete. Il giocatore esulta ma l’arbitro annulla per fuorigioco. Giusta la decisione tanto che nemmeno i rossostellati protestano. Sembra comunque  tutto facile ma passa solo un minuto e un brivido sulla schiena dei ragazzi di mister Esposito corre a causa di una bella ripartenza di Xausa che costringe Antonello al miracolo in angolo. Il Giorgione capisce che il San Giorgio in Bosco non è da sottovalutare e al 6’ cerca di chiudere subito i conti. Stavolta è Bonaldi che, servito da Vuanello con un colpo di testa, imbecca la semirovesciata vincente per battere Gallo. Al 16’ gli ospiti provano a riaprire la gara con Tonin che si riesce a liberare ma di sinistro tira troppo fiaccamente tra le braccia dell’estremo difensore castellano. Il Giorgione sembra padrone del campo ma la difesa ogni tanto sembra ballare troppo. Solo l’imprecisione dei padovani grazia i padroni di casa. Al 25’ il Giorgione sfiora il bis. Mischia in area, palla al centravanti che spalle alla porta si alza la sfera e tenta la rovesciata. Stavolta è Gallo a superarsi intuendo la traiettoria della palla e mandando in angolo. I padovani ci provano ancora al 29’ con Rode ma la sua conclusione è ribattuta dalla difesa in corner. Al 33’ Bonaldi sfodera un sprint da centometrista. Parte da centrocampo palla al piede, salta due uomini e si defila sulla sinistra ma Gallo gli esce sui piedi e sul tentativo di scavalcamento ci mette la mano per mandare in angolo. Il San Giorgio in Bosco si affida soprattutto ai piedi di Tonin che sulla fascia crea più di qualche problema a Mioni ma i suoi cross non trovano mai pronti i compagni. Il primo tempo si chiude sul risultato di 1 a 0 anche se il risultato poteva essere più tondo.

La ripresa

Nel secondo tempo mister Gandini prova a inserire forze fresche per trovare il pari mentre il Giorgione scende in campo con gli stessi 11. Mister Esposito dimostra di aver ragione visto che al 4’ Mioni è il più lesto a prendere il tempo sugli sviluppi di un corner e anticipare di testa Gallo per il 2 a 0. Poi si scatena Bonaldi. Al 12’ si invola e si accentra in area, tira a botta sicura e Gallo sembra essere sulla traiettoria ma Sicari di schiena devia il tiro spiazzando il proprio portiere. Il numero 7 rossoscudato si ripete 4’ dopo un’azione personale sulla fascia sinistra trovando il diagonale giusto per la tripletta personale. Storia chiusa e con l’Arcella vincente il Giorgione rimane in scia staccato di un solo punto. I padovani sono sulle ginocchia e i padroni di casa dominano e controllano il gioco tanto che anche i rari tentativi di ripartenza dei patavini come al 27’ con Tonin che cerca di entrare in area ma è fermato splendidamente da Dell’Agnol. Il ko definitivo arriva al 29’ con un fallo di Vigo su Gashi in area. Rigore netto. Sul dischetto va Antenucci che manda palla da una parte e Gallo dall’altro per il 5 a 0. Nota stonata il brutto infortunio al ginocchio di Gashi. Il resto è solo attesa del fischio finale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Manita del Giorgione

TrevisoToday è in caricamento