rotate-mobile
Calcio

Montebelluna che beffa

La squadra di Bordin si è fatta sempre riprendere e infine superare. Nel computo anche due legni e un rigore reclamato

Il Montebelluna esce sconfitto dalla sfida di Caldiero. Una beffa autentica, per quello che si è potuto vedere in campo. I ragazzi di Bordin vanno avanti tre volte, vengono sistematicamente ripresi e quasi allo scadere subiscono la rete del sorpasso. Una gara stregata in considerazione anche dei due pali colpiti nella prima frazione. Il Montebelluna paga a caro prezzo troppi errori difensivi, alcuni clamorosi come quello che ha decretato l'ultima delle sette reti del match. Un Montebelluna che reclama anche un rigore quando la squadra della Marca era in vantaggio per un contatto tra Fasan e Filiciotto.Quindi tanta amarezza e recriminazioni a non finire.

Primo tempo

Al 4' errore in uscita di Boldini che perde malamente una palla al limite dell'area, Longato premia l'imbucata di Fasan che di sinistro batte l'incolpevole Aldegheri: Caldiero già alle corde e Monte che appare in pieno controllo. I ragazzi di Bordin fanno girare palla e stordiscono con le imbucate dei vari Fasan, Madiotto e Bressan e al 22' arriva un palo clamoroso: punizione dalla trequarti, la difesa di casa anticipa Visinoni, la palla resta nella disponibilità di Bressan, sinistro immediato e palo alla sinistra di Aldegheri. Un paio di giro d'orologio ed ecco il contestatissimo episodio: contatto tra Filiciotto e Fasan, il Montebelluna reclama il rigore, l'arbitro lascia correre. Poco prima della mezz'ora arriva la prima reazione del Caldiero con la bella la girata in area di Zerbato, Bonato si distende e devia in angolo. Ancora il Caldiero, due minuti più tardi, va a pochi centimetri dal pareggio. Zerbato sulla destra semina il panico e serve una palla forte e rasoterra a centro area, Moscatelli è in ritardo di un nulla. Il pari è nell'aria e arriva alla mezz'ora con la sgroppata sulla destra di Cherubin, palla leggermente lunga per Moscatelli, ma non per Zerbato che sul secondo palo, seppur contrastato da Sanzovo, riesce a metterla dentro. Il Montebelluna reagisce subito, ma è ancora sfortunato: al 35' ecco un altro legno sulla punizione di Visinoni sulla quale si accende una mischia in area, Madiotto trova lo spazio per far esplodere il destro, ma il pallone si stampa sulla traversa. Ma il Montebelluna è più forte della sfortuna e al 37' un altro taglio in profondità premia la corsa di Bressan, il giovane attaccante tocca per Fasan che di prima intenzione fulmina Aldegheri. Bella rete al termine di una bellissima azione. Il Caldiero risponde subito con un gran destro dalla distanza di Filiciotto su cui Bonato ancora una volta si salva in angolo; e con Peli: ancora bravo l'estremo difensore ospite, che non può però nulla al 44' su un'altra bella iniziativa di Cherubin che vede e serve Filiciotto per il diagonale vincente.

Il secondo tempo

La ripresa si svolge su quel canovaccio. Sessanta secondi e Boldini serve Peli che prova il tiro a giro, respinge in tuffo Bonato. Il Montebelluna non sta a guardare e rimette la freccia con la giocata di Longato che beffa il pressing di due avversari e fa partire un sinistro teso sul quale Aldegheri sì fa trovare impreparato. Dopo una fase di stallo in cui gli ospiti sembrano riuscire ad amministrare, il Caldiero riesce nuovamente a pareggiare: palla dentro di Burato, Moscatelli fa valere fisico e centimetri, difende palla e in girata di destro realizza. Il gol spaventa il Montebelluna e il Caldiero prova ad approfittarne con Moscatelli, il cui destro a colpo sicuro viene respinto sulla linea da Fabbian. Poco prima della mezz'ora Aldegheri si riscatta e salva la sua squadra su Madiotto dopo un errore in uscita della difesa di casa. Nel finale l'episodio decisivo: la difesa del Montebelluna prova ad uscire palla a terra, ma sulla sfera si avventa Filiciotto, il suo destro è deviato e la palla carambola dalla parte opposta di dove si trova Bonato, spiazzandolo. Il Montebelluna non ci sta e ci prova sino allo scadere, ma il Caldiero alza il muro inserendo anche l'ex prof Cacciatore e porta a casa una vittoria che, probabilmente, non avrebbe meritato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Montebelluna che beffa

TrevisoToday è in caricamento