La Came Dosson e il Covid, Rocha: «I dubbi sul futuro dell’attività mi preoccupano tanto»

«Cerchiamo di vivere attuando al meglio tutte le disposizioni previste dal protocollo che dobbiamo seguire, sia durante gli allenamenti che nella vita privata»

Mister Rocha

Complice il rinvio della gara della terza giornata di andata di Serie A Futsal, abbiamo contattato per una breve intervista Sylvio Rocha, allenatore della Came Dosson Calcio a 5, che negli ultimi giorni ha fatto parlare di sé per il bel gesto nei confronti di Fantecele nell’ultima gara dei biancoblu.

Partiamo proprio da questo episodio mister, sei rimasto sorpreso dell’eco cha ha avuto la cosa?

«Francamente si, durante ogni gara non penso mai che l’avversario sia un nemico, e personalmente ritengo che nello sport, come nella vita, sia fondamentale avere dei valori quali il rispetto e l’umiltà che vengono prima di ogni altra cosa».

Tornando al campionato come hai visto la squadra nelle prime due partite?

«Abbiamo iniziato bene il campionato ma ci sono ancora delle situazioni di gioco da migliorare, sia nella fase difensiva che in quella offensiva. Inoltre ad ogni gara c’è stato qualche giocatore indisponibile, spero di poter recuperare al più presto tutti gli infortunati e poter contare su tutta la rosa per poterne valutare il vero potenziale».

Chi ti ha sorpreso tra gli avversari?

«Non sono riuscito a vedere tutte le gare giocate finora ma sono comunque convinto, come ho già avuto modo di dire, che sarà un campionato molto equilibrato durante il quale sarà sempre molto difficile raccogliere punti. Riguardo alle singole squadre penso sia ancora presto per indicare quali saranno quelle che lotteranno per la parte alta della classifica».

Come state vivendo questa emergenza Covid?

«Cerchiamo di vivere attuando al meglio tutte le disposizioni previste dal protocollo che dobbiamo seguire, sia durante gli allenamenti che nella vita privata. Per me che faccio di questo sport una professione i dubbi sul proseguimento dell’attività mi preoccupano tanto».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ressa per le scarpe Lidl corsa all'acquisto: esaurite anche a Treviso

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Non pagano l'affitto, i proprietari cambiano la serratura e li chiudono fuori

Torna su
TrevisoToday è in caricamento