menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Il derby Veneto va alla Luparense: Came Dosson perde in casa 3-5

Pesante sconfitta interna per la squadra trevigiana che chiude il suo girone al terzo posto in classifica. La Luparense in trasferta gioca un ottima partita conquistando i tre punti

CASIER Vittoria della Luparense nel sentitissimo derby Veneto con la Came Dosson, gara che si è giocata in una cornice di pubblico favolosa con il Paladosson pieno in ogni ordine di posto. È stata gara vera ed intensa: la posta in gioco era alta per entrambe le squadre che non si sono affatto risparmiate dando vita a duelli molto accesi e spigolosi ma sempre nel rispetto dell'avversario. Uno spettacolo che il pubblico ha dimostrato di gradire tributando numerosi applausi e cori a favore dei propri beneamini.

Avvio di gara favorevole alla Luparense, subito in vantaggio con Rafinha che risolve in rete una palla vagante in area; ed è proprio il piccolo brasiliano il maggior pericolo per la difesa della Came nei primi minuti. Sempre lui pochi minuti più tardi su azione di ripartenza dei Lupi serve Honorio in posizione defilata e il capitano della Luparense supera Morassi con un gran destro incrociato. La Came accusa il colpo e fatica ad organizzare una reazione che le consenta di rientrare in partita. Il più ispirato tra gli uomini di Rocha in questa fase è Alemao che arriva al tiro in un paio di occasioni trovando Miarelli pronto alla respinta. A cinque minuti dalla fine del primo tempo i padroni di casa giocano la carta del quinto uomo di movimento e la mossa sortisce subito l'effetto sperato, con Alemao che da fuori area buca Miarelli, nell'occasione poco reattivo. Sui successivi possessi palla Came, prima è la Luparense ad approfittare del quinto uomo di movimento avversario con Jefferson che relizza a porta sguarnita, poi ancora Alemao con un gran sinistro all'incrocio chiude la prima frazione di gioco sul 2-3 per gli uomini di Marin.

L'inizio di ripresa è un autentico assedio Came alla porta di Miarelli; quest'ultimo è decisivo sulle conclusioni velenose di Rangel prima e di Japa poi, ma non può nulla su Murilo che riceve palla da Japa su azione da rimessa laterale e gira in porta sull'angolo basso per il 3-3. É il momento migliore della Came che continua a premere alla ricerca del vantaggio. La Luparense si dimostra però squadra di elevatissima caratura, regge bene l'urto di capitan Bellomo e compagni e quando meno te lo aspetti piazza la zampata che la riporta in vantaggio; è Lara l'autore della quarta rete ospite grazie ad una conclusione al volo da fuori area su azione da calcio d'angolo. La Came non si dà per vinta e riparte con forza alla ricerca del pari ma capitan Honorio e compagni fanno buona guardia del vantaggio. Anche il quinto uomo di movimento, che mister Rocha, butta nella mischia a circa tre minuti dalla sirena non riesce a scardinare la retroguardia ospite, anzi ci pensa il solito Rafinha a 60 secondi dalla sirena a chiudere il match con una conclusione da metà campo a porta sguarnita. Nonostante la sconfitta la Came del presidente Zanetti ha dimostrato una volta di più ancora di poter giocare alla pari con le grandi del campionato, il terzo posto con cui chiude il girone di andata ne è la prova lampante.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Aziende

Migliori parrucchieri d'Italia: ecco i trevigiani al top

Alimentazione

Dinner cancelling la dieta di Fiorello: come funziona

Attualità

A Pederobba è il giorno del taglio del nastro per il nuovo IperTosano

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento