rotate-mobile
Martedì, 25 Giugno 2024
Sport San Pelaio / Via Santa Bona Vecchia

Cerimonia di consegna dei Premi Panathlon 2016: a De Biasi il riconoscimento dell'anno

L'allenatore della Nazionale di calcio dell'Albania ha vinto il primo premio, mentre Emanuele Polo (attaccante del Fontanelle) è il vincitore del Premio Fair Play 2016

TREVISO Lunedì si è svolta la cerimonia di consegna dei Premi Panathlon 2016. Il programma prevedeva a partire dalle 18.30 una tavola rotonda presso la Sala Convegni dell’Hotel Ca’ del Galletto, a Santa Bona di Treviso, con i quattro rappresentanti delle squadre di vertice della provincia: Andrea Gracis - Direttore sportivo De Longhi UniVerso Basket Treviso; Enrico Ceccato - Team Manager Benetton Treviso, Silvia Giovanardi - Resp. Settore Giovanile Imoco Volley e Nicolò Mattia Pagotto - Direttore sportivo Mogliano Rugby.

Moderatore della serata, sul tema il “Bilancio dei primi 4 mesi, previsioni per il 2017 delle 4 squadre di vertice della provincia", Piergiorgio Paladin di Ideeuropee. A seguire la cerimonia di consegna del Premio Panathlon Treviso 2016 “Una vita per, con e nello Sport” e del Premio Fair Play Panathlon Treviso 2016, che ha visto premiati rispettivamente, Gianni De Biasi tecnico della Nazionale di Calcio dell'Albania e Emanuele Polo attaccante del Fontanelle.

Interpellato insieme agli altri quattro protagonisti, Nicolò Pagotto ha fatto un bilancio di questi primi quattro mesi di campionato e tracciato le linee per il proseguimento della stagione: "Abbiamo chiuso un ciclo biennale ed iniziato un progetto triennale con staff e rosa rinnovata. Venti nuovi giocatori, dieci dei quali Under 20 e cinque di questi provenienti dalla nostra Under 18. Siamo una squadra giovane che sta piano piano crescendo e prendendo consapevolezza dei propri mezzi. La maturità e la consapevolezza di quello che siamo e di quello che vogliamo diventare ci permetterà di fare un salto di qualità sotto il profilo sportivo. Alcuni infortuni nei primi mesi hanno permesso ai più giovani e meno esperti di giocare con continuità e maturare, e questo non può che favorire la loro crescita e il raggiungimento di un equilibrio all'interno del gruppo. Come società, cercheremo di portare a termine il progetto triennale con tutti questi giovani atleti, mantenendoli legati ai nostri colori. Questa scelta di rinnovamento è stata possibile anche grazie alla grande attenzione e al grande lavoro svolto nel nostro settore giovanile, che vuole e deve essere il  fiore all’occhiello della nostra società. Ogni ragazzo che esce dall'Under 18 ha un percorso creato ad hoc per la sua crescita sportiva. Il nostro obiettivo è quello di formarli internamente, ed il lavoro di questo settore è fondamentale e primario all'interno della nostra società. A conferma di ciò, da questa stagione sportiva, la nuova figura di Responsabile Tecnico e dello Sviluppo del nostro Settore giovanile è rappresentata da Franco Properzi, uomo e sportivo di grande esperienza".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Cerimonia di consegna dei Premi Panathlon 2016: a De Biasi il riconoscimento dell'anno

TrevisoToday è in caricamento