Emergenza Coronavirus: Benetton Rugby e Treviso Basket allungano il loro stop

I Leoni hanno prolungato la sospensione di ogni attività fino al prossimo 2 aprile, mentre la TVB ha deciso per un momentaneo fermo totale fino al 30 marzo

Vista la situazione contingente legata alla diffusione Coronavirus in tutto il Veneto, nelle ultime ore il Benetton Rugby, appreso quanto comunicato negli scorsi giorni da PRO14 Rugby circa la sospensione a tempo indeterminato della stagione corrente, ha comunicato che prolungherà sino a venerdì 3 aprile la sospensione di ogni tipo di attività agonistica riguardante la prima squadra. Il club biancoverde, in questo momento di emergenza sanitaria mondiale, al fine di preservare i propri tesserati, le loro famiglie e l’intera comunità, si allinea quindi totalmente alle disposizioni delle autorità locali, nazionali ed internazionali in merito alle misure di contenimento del Covid-19. Infine, si precisa che il termine sopra menzionato sarà suscettibile di variazioni in base all’emanazione di nuove direttive da parte del Governo. "Forza Leoni, distanti ma uniti ripartiremo insieme!" fa sapere la società.

Inoltre, anche la De' Longhi Treviso Basket, alla luce delle disposizioni delle autorità in merito all'emergenza-Coronavirus, proroga fino al 30 marzo la sospensione di ogni attività di allenamento della prima squadra. Anche in questo caso detto termine è suscettibile di variazioni in base agli sviluppi delle direttive e delle decisioni in merito alla stagione sportiva di FIP e Lega Basket.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Infine, negli scorsi giorni ha preso parola anche il Presidente del Mogliano Rugby 1969, Maurizio Piccin: "Cari amici, rispondo con questo messaggio al mio desiderio di parlare con voi senza distinzioni di ruoli (società, sponsor, affezionati, tesserati e famiglie). Questo momento difficile va affrontato con un atteggiamento che ci consenta di vivere il presente, ma proiettati anche al futuro. Per il presente, il nostro dovere, di cittadini innanzitutto, ci impone il rispetto rigoroso di quanto viene disposto da chi ne ha ruolo e competenza, quindi abbiamo sospeso ogni attività nei modi e nei tempi che ci sono stati indicati. Avevamo un mese di marzo molto ricco di eventi, ma non potremo rispettare quanto programmato. Per il futuro, noi vogliamo essere pronti per riprendere tutte le attività, quando questo sarà possibile, e preparati a farlo, questo è l’impegno che la nostra società si vincola a mantenere. Quello che non possiamo fare adesso, lo consideriamo solo rinviato e stiamo già lavorando per questo. Vi prego di condividere questo modo di pensare: ci sarà il domani e ci troverà preparati. Abbiamo bisogno del sostegno e della fiducia di tutti perché il nostro lavoro possa proseguire e si possano realizzare i molti e importanti progetti che sono in cantiere e non solo sul fronte sportivo. Oggi, più che mai, vale il nostro essere educatori, nei confronti dei più giovani, e partecipi di una attività collettiva che riunisce buone persone e bravi cittadini che vedono nello sport una delle colonne portanti della nostra società civile, aspetto, questo, troppo ignorato o sottovalutato. È un sogno? No! È la sintesi del nostro progetto che, tutti assieme, possiamo trasformare in realtà". Inoltri, visti questi grigi giorni, la società ha rinviato sia l'evento "Rugby & Solidarietà" previsto per sabato 21/ marzo che il "31° Torneo Città di Mogliano" di domenica 29 marzo. In attesa degli sviluppi relativi all'emergenza sanitaria, il Mogliano Rugby si sta comunque già organizzando per riorganizzare l'evento "Rugby & Solidarietà" per il 6 giugno e il "31° Torneo Città di Mogliano" per il 14 giugno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Coronavirus, oltre 10mila contagi in Veneto: cinque morti nella Marca

  • Scopre agricoltore che sversa liquami nel fosso: viene preso a martellate

  • Passeggia a 150 metri da casa: multato dalla polizia stradale

Torna su
TrevisoToday è in caricamento