Coronavirus, Came Dosson contro la chiusura anticipata del campionato

A questo punto la squadra di patron Zanetti presenterà la domanda di partecipazione alla stagione 2020/2021 solo a determinate condizioni

Nella giornata di venerdì si è tenuta una conference call alla quale hanno preso parte i presidenti delle società Italservice Pesaro, Acqua&Sapone, Real Rieti, Came Dosson e Sandro Abate, vale a dire i cinque club che avevano dato la loro disponibilità alla prosecuzione della stagione 2019/2020. Tali società però, constatate le divergenze tra i vari consiglieri del Direttivo, hanno deciso di fermarsi qui perché non interessate ad alcun tipo di “giochi di potere” che, a loro dire, "danneggiano l’immagine di questo sport e non portano rispetto a chi fa enormi sacrifici a chi fa del tutto per portare avanti il movimento".

Va da sé, però, che le stesse presenteranno la loro domanda di partecipazione alla stagione 2020/2021 solo a determinate condizioni:

– controllo scrupoloso di garanzia sull’ammontare dei contratti depositati in Divisione;
– controlli periodici sui pagamenti degli emolumenti mensili da parte degli organi preposti;
– una serie A con un numero di squadre partecipanti non superiori alle 16 unità;
– aumento dell’ammontare della garanzia fideiussoria od incremento della tassa d’iscrizione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“In quanto uomini di sport, sempre pronti a sostenere una disciplina che già di per sé deve fare i conti con una serie di problematiche, un numero considerevole di pregiudizi, oltre all’impossibilità di avere una Lega propria, i presidenti delle cinque società sopracitate puntualizzano – a scanso d’equivoci – che è legittimo in questo momento dare priorità alla salvaguardia della salute dei calcettisti, ma ritiene altresì prematuro ed affrettato l’atteggiamento assunto da determinate realtà, che ancor prima di analizzare l’andamento dell’emergenza sanitaria e la sua evoluzione complessiva, hanno scelto la strada della chiusura anticipata” fanno sapere i presidenti Pizza (Italservice Pesaro), Barbarossa, (Acqua&Sapone Unigross), Pietropaoli (Real Rieti), Zanetti (Came Dosson) e Abate (Sandro Abate Avellino).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento