menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Judo Treviso protagonista al corso per allenatori di Ostia

Alessandro Esposito, commissario tecnico regionale del Judo Treviso, ha preso parte nei giorni scorsi al corso di secondo livello dell'IJF Academy dedicato a tutti gli allenatori italiani

Si è concluso sabato 8 dicembre a Ostia il corso di secondo livello dell'IJF Academy per Coaches di judo, un percorso nato cinque anni fa per uniformare e dettagliare le competenze dei tecnici di tutto il mondo, ovvero con il proposito di innalzare l'asticella delle conoscenze di chi cura lo sviluppo e la diffusione del judo dal bambino al campione olimpico.

Ventidue i partecipanti totali, di cui 16 italiani e 6 stranieri. Tra i connazionali il Veneto ha potuto contare sulla partecipazione del commissario tecnico regionale cintura nera 5° dan G. Alessandro Esposito (Asd Judo Treviso). Argomento elettivo della parte pratica del secondo livello "l'agonismo", o meglio lo sviluppo delle tecniche attraverso uno strumento vivo e usufruibile nel corso del tempo, ovvero un percorso di programmazione didattica a lungo termine. Prima dell'agognato titolo di Coach di secondo livello, un test teorico in cui venivano riassunte le conoscenze acquisite durante l'anno relativamente alle 16 materie studiate e ben tre test pratici da superare, uno riguardante il tachi waza (lotta in piedi), uno il ne waza (lotta a terra) ed uno riguardante la conoscenza del Katame no Kata (forme).

«Sicuramente un corso interessantissimo sotto il profilo professionale, come lo scorso anno anche il secondo livello mi lascia qualcosa di concreto tra le mani, mi arrichisce» ha commentato Alessandro Esposito. «Abbiamo lavorato tutti insieme nel progettare delle "schede" che avessero come obiettivo lo sviluppo di una tecnica, lo abbiamo fatto confrontandoci, ma soprattutto usando tutti lo stesso linguaggio. Il corso è stato molto duro, ma solo così abbiamo potuto mantenere l'attenzione sempre altissima. L'aspetto mentale è stato coinvolto molto più che nel primo livello, ma il progetto che alla fine abbiamo realizzato, progetto sostanzialmente visionato discusso e corretto durante i, per nulla scontati, esami, ci ha dato l'opportunità di iniziare a creare un nostro archivio personale da condividere e aggiornare di anno in anno. Una grande opportunità e una bella soddisfazione direi». Un'esperienza formativa di grande spessore, un traguardo di interesse comune, che porta prestigio al judo trevigiano e un opportunità a tutto il judo regionale.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

social

Tre pasticcerie trevigiane in sfida a Cake Star

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento