Enduro World Series: buona la prima mondiale per il Team Cmc di Valdobbiadene

In Francia Nicola Casadei bene tra i big con un 36° posto finale e quindi il migliore italiano. Tra gli under21, invece, 8° Matteo Saccon e 11° Mirco Vendemmia

VALDOBBIADENE Tanta fatica ma anche tanta esperienza, è questo il bottino con cui la crew del Team CMC rientra dalla Francia, dalla località di Olargues Montagnes du Carux, dove nel week-end si è disputato il round 3 dell’Enduro World Series 2018. La gara per la squadra di Valdobbiadene ha rappresentato il debutto stagionale nel massimo circuito mondiale dell’enduro mtb.

Sugli ostici sentieri transalpini, resi ancora più difficili dalla pioggia e le avverse condizioni meteo, Nicola Casadei è stato il migliore del Team CMC. 8 le PS previste dal programma (per un totale di 81 km e 3665 metri di dislivello negativo) spalmate sulle due giornate di gara di sabato e domenica. Casadei ha chiuso la sua gara con un onorevole 36° posto assoluto, migliore degli italiani in classifica. Per lui un ritardo totale di 3’.42”.14 dall’americano Richie Rude, il fenomeno della specialità già tre volte campione de mondo, che ha vinto il round di Olargues battendo nell’ordine il francese Adrien Dailly e il belga Martin Maes. Direi che Nicola ha fatto una buona prova, in linea con quelle che erano le aspettative. Le PS erano davvero molto impegnative, domenica poi la pioggia ha reso la gara ancora più difficile creando diversi problemi a tutti i rider, anche ai più forti, e lui si è dimostrato all’altezza della situazione. Nicola è un’atleta serio e determinato, i margini per migliorare ci sono” spiega il tecnico del Team CMC Alessio Conte.

Scorrendo la classifica in casa Team CMC troviamo Erwin Ronzon al 91° posto. Per il rider bellunese si trattava del primo assaggio del mondiale nella categoria assoluta dopo le due passate stagioni tra gli Under21. “E’ stato un week-end tosto, diciamo che è un risultato dal quale ripartire per crescere e migliorare. Correre a questi livelli è sempre una bella soddisfazione, l’ambiente dell’ EWS è qualcosa di speciale, trovarsi nel vivo dell’enduro mondiale è fantastico” dice Erwin Ronzon.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Scendendo ancora nella classifca toviamo il trevigiano Davide Dal Pian, al debutto mondiale, che si è piazzto al 135° posto.Guardando ai giovani il Team CMC può davvero sorridere. Nella categoria Under21 sono arrivati degli ottimi piazzamenti ad opera dei duei romagnoli new entry 2018 della squadra. Il campione tricolore Matteo Saccon ha chiuso all’ 8° posto e Mirco Vendemmia 11°. Per la cronaca la vittoria è andata all’americano Duncan Nelson sull’inglese Elliot Heap e il francese Eliot Baud. Saccon ha chiuso con un ritardo di 2’14”68. “Una prova davvero incoraggiante quella dei nostri due junior. Guardando ai giovani la nota dolente purtroppo è l’infortunio di Roberto Paludetto che è caduto nelle prove ufficiali del venerdì riportando la frattura del polso sinistro. Un vero peccato perché Roby aveva iniziato la stagione alla grande. Speriamo di poterlo recuperare presto e bene perché è un elemento importante” spiega il tecnico Alessio Conte.Intanto la stagione del Team CMC continua con impegni di alto livello. La prossima gara sarà il round 2 del circuto Superenduro in programma a Calestano (Pama) il 27 maggio.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus nella Marca: ecco la mappa del contagio comune per comune

  • Coronavirus: ancora in aumento il numero dei contagi nella Marca

  • «Prima smaltite ferie e permessi». Negata la cassa integrazione al Solnidò di Villorba

  • Famiglia Zoppas in lutto: morto a soli 55 anni il noto manager Marco Colognese

  • Cronotachigrafo "truccato" e mezzo sovraccarico: camionista stangato

  • Macabro ritrovamento in serata: scoperto un cadavere vicino al Melma

Torna su
TrevisoToday è in caricamento