Domenica, 16 Maggio 2021
Sport

Roberto Cognonato nuovo presidente veneto della Federazione Italiana Nuoto

La nomina in occasione dell’Assemblea Ordinaria Elettiva che si è svolta a Preganziol e che ha visto l'amministratore del Natatorium Treviso, eletto all’unanimità dei voti con il 100% delle preferenze

PREGANZIOL Roberto Cognonato è stato confermato presidente del Comitato Regionale Veneto della Federazione Italiana Nuoto per il prossimo quadriennio olimpico 2017/2020. La nomina in occasione dell’Assemblea Ordinaria Elettiva svoltasi a Preganziol, che ha visto Cognonato, trevigiano amministratore di SSD Natatorium Treviso, eletto all’unanimità dei voti: 100% delle preferenze dei 1333 votanti, rappresentanti delle 74 società accreditate al voto tra le 107 complessivamente affiliate a FIN Veneto. «Un successo frutto dell’ottimo lavoro svolto da tutta la squadra del Consiglio Direttivo negli ultimi quattro anni – è il primo commento di Roberto Cognonato – siamo riusciti a superare i campanilismi e le rivalità territoriali tra le varie società in nome del bene comune di tutto il movimento»

Un quadriennio estremamente positivo quello appena concluso per il movimento natatorio regionale, che ha consolidato la sua posizione di primo piano nel panorama agonistico italiano non solo in occasione della manifestazione olimpica (presenti e premiati all’assemblea due nuotatori reduci da Rio, Aglalia Pezzato e Andrea Toniato del Team Veneto), ma anche in tutte le competizioni ufficiali nazionali e internazionali. In queste ultime, in particolare, si è registrata la partecipazione di 62 atleti veneti in 48 gare complessive tra nuoto, sincronizzato e pallanuoto. Tra i risultati più brillanti, quelli ottenuti nel Nuoto Sincronizzato e nella Pallanuoto, con la squadra femminile del Lantech Plebiscito Padova vincitrice degli ultimi due scudetti della massima serie nazionale di pallanuoto, le atlete Laura Teani e Elisa Queirolo (sempre della Plebiscito Padova) medaglie d’argento ai Giochi Olimpici di Rio con il Setterosa e la trevigiana Beatrice Callegari (Marina Militare/Veneto Banca Montebelluna), che con il quinto posto a Rio ha conquistato il miglior risultato mai raggiunto dalla nazionale italiana nel nuoto sincronizzato.

«Il Veneto, tradizionalmente, è un importante bacino di reclutamento di atleti per la nazionale – afferma Roberto Cognonato, presidente di FIN Veneto – e nell’ultimo quadriennio ha mantenuto questo trend. I nostri atleti hanno ben figurato nelle competizioni internazionali, purtroppo le società venete scontano il limite di non possedere la forza economica per trattenere i migliori, che normalmente, una volta affermatisi, si aggregano ai top club fuori regione».

Una realtà che tuttavia non preclude la crescita del movimento natatorio regionale, che anzi negli ultimi anni ha assistito ad un incremento costante dei tesseramenti. Oltre alle categorie agonistiche, in particolare, è stata la categoria Master a crescere esponenzialmente, con i tesseramenti praticamente raddoppiati negli ultimi otto anni e gli iscritti passati dai 3863 del 2009/2010 ai 7992 del 2014/2015.

«Numeri che testimoniano la vitalità del movimento natatorio – prosegue Cognonato – che in Veneto si mantiene tale proprio grazie al contributo di coloro che continuano l’attività in piscina anche oltre l’agonismo. Sono gli atleti master, che praticano il nuoto non solo per competere, ma anche per il proprio benessere fisico e psicologico, a promuovere i valori e il fascino di questo sport, trasmettendoli anche ai più giovani. La Federazione negli ultimi quattro anni si è impegnata ad assecondare la crescita del movimento Master, tanto da aver portato da 4 a 10 le manifestazioni dedicate alla categoria».

Altrettanto importante, inoltre, l’impegno della Federazione nell’ultimo quadriennio sul versante della formazione dei propri tesserati. Il Veneto, infatti, attualmente è la regione in Italia che in assoluto organizza il maggior numero di corsi di aggiornamento, oltre 1700 negli ultimi quattro anni. «A giugno 2016 il Comitato Regionale Veneto ha ottenuto il riconoscimento per la formazione BLSD con la supervisione della Dottoressa Stefania Barbieri: siamo la prima e al momento unica Federazione in Italia ad essere stata accreditata come centro di formazione regionale per l’uso dei defibrillatori».

«L’obiettivo per i prossimi anni è continuare a favorire la crescita dei vivai delle nostre società – conclude Roberto Cognonato – innanzitutto proseguendo la collaborazione con la Regione Veneto per la promozione dell’attività sportiva natatoria tra i ragazzi delle scuole primarie; quindi incentivando l’organizzazione nel territorio regionale di raduni e manifestazioni dedicate a tutte le discipline. La nostra Federazione, a tal proposito, in questi anni ha seguito anche la strada dell’innovazione: il nostro portale, ad esempio, è l’unico in Italia a seguire tutte le competizioni ufficiali in real time, il che ci permette di monitorare con la massima efficienza i risultati dei nostri atleti».

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Roberto Cognonato nuovo presidente veneto della Federazione Italiana Nuoto

TrevisoToday è in caricamento