Troppo alti i biglietti per la trasferta contro la Virtus: i Fioi dea Sud rinunciano al viaggio

La società bolognese ha messo in vendita biglietti "popolari" per il settore ospiti a 30 euro. La curva trevigiana: "Troviamo offensivamente immorale questa scelta"

"Vista la società ce lo saremmo aspettato, ciononostante si sperava che ci fosse un po’ di morale anche nelle persone più viscide. Invece, la richiesta di 30 euro per il biglietto del settore ospiti contro la Virtus Bologna non ha fatto altro che confermare i nostri timori A noi, di vedere Teodosic e la banda dei Bavosi non importa nulla, noi andiamo per vedere i nostri, sia che giochino contro James, sia che giochino in Promozione". Parole, queste, che arrivano dai tifosi dei Fioi dea Sud che avrebbero voluto seguire i propri beniamini del Treviso Basket per la sfida contro la squadra bolognese ma che, visto il rincaro posto in essere dalla società avversaria sul ticket giornaliero, saranno costretti a rimanere nella Marca.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Troviamo offensivamente immorale chiedere 30 euro per una partita di basket, nel peggior settore di un capannone fieristico. Abbiamo fatto il possibile per calmierare i prezzi attingendo ai nostri risparmi ma dopo la delusione mischiata alla rabbia nell’aver appreso che saremo stati per l’ennesima volta noi tifosi ad esser penalizzati, utili solo a far ingrossare le tasche altrui, ci siamo confrontati e siamo giunti ad una decisione per noi molto sofferta. Abbiamo sempre seguito ovunque la nostra squadra per supportarla e per portar sempre con orgoglio i nostri colori in tutti i palazzetti. Questa volta, però, non possiamo sorvolare ed accontentare una società che ha il solo obiettivo di arricchirsi e non quello di fare spettacolo...si perché noi siamo e per loro saremmo stati un gran spettacolo! Pertanto, la decisione che abbiamo preso, a malincuore, è quella di non organizzare e non partecipare alla trasferta di Bologna di domenica 10 novembre. Daremo il nostro supporto ai ragazzi che scenderanno in campo alla partenza per Bologna. Forniremo a breve tutte le info necessarie per essere quanti più possibile a Sant’Antonino!".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto frontale nella notte, muore allenatore del Ponzano amatori

  • Omicidio di Willy, l'autore del post razzista è uno studente trevigiano

  • Mister Italia 2020, un 27enne di Mogliano vince la fascia di Mister Fitness

  • Un caso di Covid-19 all'asilo, in quarantena tre classi e una maestra

  • Rapporto sessuale troppo focoso, 30enne si frattura il pene

  • Rimorchio si rovescia in strada, persi quasi 40 quintali di uva

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento