Sport

Gruppo Fassina calcio a 5: sconfitta 7-2 in trasferta a Lecco

Niente da fare per gli uomini di mister Dionisi: brutto stop d'arresto per i trevigiani dopo la buona prova delle giovanili in Coppa Italia

MARENO DI PIAVE - CAMPIONATO SERIE A2 – GIRONE A – 10^ giornata
LECCO C5 – GRUPPO FASSINA 7-2
 (fine pt 1-0)

MARCATORI: pt 9’03” Jeferson; st 3’04” Castagna, 5’56” Ortega, 6’16” Lopez Escobar, 7’05” Antonietti (r), 7’36” Guedes, 15′ Lopez Escobar, 16’56” Lopez Escobar, 19’58” Antonietti
LECCO: Delaiti, Urio, Lopez Escobar, Casagrande, Antonietti (Cosmo, Jeferson, Belloni, Castagna, De Agnus Sales). All. De Oliveira
GRUPPO FASSINA: Fiorot, Guedes, Kytola, Vinicius, Ortega (Bastini, Zecchinello, Goli, Cardellicchio) All. Mungo-Donisi
Arbitri: Mazzone (Imola), Belsito (Lamezia Terme)
Crono: Tangi (Monza)
Note: ammonito Guedes

Nuova tappa del campionato per il Gruppo Fassina che è stato impegnato nella difficile trasferta in casa del Lecco, nella bella cornice del “Palataurus”. Dopo aver superato (senza far punti) le durissime gare contro due delle top del girone (Montesilvano e Cagliari), i gialloblù hanno affrontato una sfida importantissima in chiave salvezza contro una delle dirette concorrenti. Prima della sfida, i lombardi viaggiavano a quota 8 punti, mentre Vinicius e compagni ne avevano 4 in compagnia dell’Aosta, fanalini di coda. A far da comune denominatore a tutti gli impegni finora affrontati dal Gruppo Fassina, le assenze: se è vero che, da una parte, ritorna capitan Vinicius (che ha scontato la squalifica sabato scorso), sono da registrare le assenze di Michelangelo Cecchini (uno degli uomini più in forma nelle ultime gare), infortunato, così come il giovane under Vidotto. E, considerando che non sono ancora utilizzabili sia Matheus Dener che Ayose Suarez Curbelo (gli ultimi arrivati), entrambi in attesa di transfer (in arrivo forse per la sfida del 8 dicembre contro Aosta), coach Donisi e coach Mungo hanno dovuto fare di necessità virtù, come si dice in questi casi.

CALCIOMERCATO

Nel Gruppo Fassina sempre più multietnico, mancava la Spagna: ecco dunque un nuovo rinforzo in casa gialloblù, presentato ufficialmente dalla società. Si tratta di Ayose Suarez Curbelo (nella foto), classe 1988, ruolo Universale.
Nativo di Santa Cruz de Tenerife, Ayose arriva dal club Uruguay Tenerife che milita nella Division de Honor (la serie A spagnola di futsal) e con la maglia numero 10 nelle ultime due stagioni ha totalizzato 34 presenze e 20 reti (in questa prima parte del 2014-2015 ha realizzato 3 gol in 10 partite), ottenendo il salto in Prima Divisione proprio in questa stagione. La scorsa stagione 17 i centri in 24 gare.

Si tratta di un giocatore dal fisico non esplosivo, ma molto rapido e tecnico, duttile tatticamente, insomma un elemento esperto pronto a dare il proprio contributo alla causa del Gruppo Fassina e a vivere questa sua prima avventura in Italia. Il giocatore, dimostratosi subito molto serio e preparato, anche se ancora un po’ in difficoltà con la lingua (ma imparerà presto l’italiano) ha accolto subito il progetto del club di Mareno di Piave e si è già aggregato al gruppo. Indosserà la maglia numero 8, in passato rivestita da atleti importanti come un certo Josè Rotella e il capitano della scorsa stagione Dudù Napolitano. Suarez Curbelo sarà utilizzabile non appena giungerà il transfer: la società si augura di averlo molto presto disponibile in campo.

MASCOTTE

Eccolo, è arrivato, sabato ha fatto il suo debutto in campo Fassinho, direttamente dal Brasile la nuova mascotte del Gruppo Fassina calcio a 5: il suo ruggito, la sua forza, la sua simpatia, accompagnerà per tutta la stagione il mondo gialloblù.
Un brand e un riferimento comunicativo per i bambini, Fassinho è un simpaticissimo leone, un gigante di 2 metri e 20, che sarà presente da qui a fine stagione a tutti gli incontri casalinghi della squadra di serie A2.

“L’idea di dotarci di una mascotte - spiega il direttore genrale Mauro Da Re – è nata col pensiero di creare un simbolo che ci potesse identificare, soprattutto nell’immagine e nel rapporto con i nostri tanti bambini, oltre ad essere un traino per coinvolgerli e appassionarli a questo grande sport. La nostra attività per i bambini è molto attiva anche nelle scuole di Mareno di Piave, con i nostri atleti presenti settimanalmente in tutte le classi delle scuole del territorio, settore giovanile che è un fiore all’occhiello della nostra Società”.

Niente di meglio, dunque, che un simpatico leone che possa attrarre, palleggiare, giocare e fare gol, creando una grande simpatica, sana e pulita immagine al di fuori del tradizionale calciatore del nostro futsal.
Un grande pubblico lo ha accolto sabato scorso sera tra gli applausi al Palasport di Mareno prima del match interno contro il Cagliari, creando grande sorpresa e divertimento da parte dei tantissimi bambini presenti, ma anche dai genitori, che non si aspettavano che una figura simile uscisse dagli spogliatoi. Fassinho sulla schiena riporta la maglia numero 7 (numero ritirato dalla società) in ricordo del compianto calciatore Ferpa Cruz, grande campione deceduto a seguito di una grave malattia mentre giocava nel club.