Imoco rullo compressore in Champions, Alba Blaj ko (3-0)

Le Pantere hanno conquistato al Palaverde l'ennesima vittoria (la 24° su 25 gare giocate in stagione, 4 su 4 in Champions)

Una difesa dell'Imoco

A.Carraro Imoco Conegliano torna in Champions League per la prima di ritorno del Girone D, ospite la squadra rumena dell’Alba Blaj. Le Pantere hanno conquistato un’altra bella vittoria (la 24° su 25 gare giocate in stagione, 4 su 4 in Champions), che le ha permesso di tornare in testa al girone dopo che Nantes ieri, vincendo 3-1 in Francia con Budapest, per 24 ore l’aveva superata. Coach Santarelli schiera dall’inizio il sestetto titolare con Wolosz-Egonu, Ogbogu-Folie, Sylla-Hill, libero Eleonora Fersino che dà un turno di meritato riposo a Moki De Gennaro.

Nel primo set Conegliano piazza un minibreak 6-4 con il muro di una Rapha Folie frizzante anche in attacco, ma l’Aba Blaj risponde e resta in scia fino al 9-6 firmato Paola Egonu. La squadra gialloblù stringe le maglie in difesa, con Fersino ed Hill molto impegnate, poi anche Egonu si tuffa dopo un bel muro di Wolosz e le Pantere volano via 15-8. Ma le rumene non ci stanno e trascinate dalla serba Busa, con anche la complicità di qualche errore del team di casa, tornano sotto fino al 16-14. Ora il set si fa combattuto, ma proprio quando sembra che l’Alba Blaj abbia preso confidenza le Pantere la ricacciano decisamente indietro con le bombe di Egonu (5 punti nel set), Sylla (ace) e Hill, più un paio di muri di Rapha Folie (5 punti e 3 “blocks” nel set), fino alla chiusura 25-16.

Il secondo set inizia con un ace di Kim Hill, poi le Pantere spingono e salgono 5-2. Miriam Sylla sale in cattedra con un paio di difese strappa applausi, poi la imita un’ottima Fersino e grazie ai recuperi delle compagne il “killer” Egonu può allungare ancora (10-6). Un paio di incertezze dell’Imoco permettono a Baciu e compagne di tornare sotto (11-9), ma Chiaka Ogbogu risponde dal centro. Le ragazze di coach Santarelli alzano ancora il ritmo, Folie al centro è immarcabile, Wolosz imbecca Egonu con un paio di magie e Conegliano scappa ancora (17-11). La coppia Wolosz-Folie continua ad intendersi a meraviglia e la centrale altoatesina (5 punti e l’80% in attacco nel set, sarà MVP del match) continua a fare sfracelli sotto rete in attacco e a muro, dove i suoi tentacoli arrivano a fermare tutte le schiacciate rumene (20-11). Ele Fersino continua a dare sicurezza in seconda linea, Ogbogu imita Folie e va a segno, poi Sylla chiude 25-16 anche il secondo set.

Nel terzo parziale entra Sorokaite al posto di Sylla, e dopo una fase iniziale di equilibrio Ogbogu con attacco ed ace piazza il primo allungo sul 10-7. Entra anche Terry Enweonwu al posto di Egonu, ma le Pantere continuano a spingere con le centrali Ogbogu e Folie sempre dominanti sotto rete. Sorokaite piazza un paio di colpi di alta scuola e Conegliano resta a distanza di sicurezza (16-11). C’è una timida reazione delle rumene con Aleksic (16-13), ma immediatamente le veterane Hill e Wolosz piazzano colpi importanti, poi Sorokaite sigla il 21-15 e la strada verso il 3-0 è in discesa. Gamma prova l’ultima reazione per le ospiti, ma con gli smash di Folie e la buona presenza a muro di Enweonwu  le Pantere vincono 25-17 il terzo set e conquistano la quarta vittoria in quattro gare nel girone di Champions.

A.CARRARO IMOCO VOLLEY – ALBA BLAJ  3-0 (25-16,25-16,25-17)

Imoco: Wolosz 4, Egonu 11, Sorokaite 5, Sylla 8,Hill 11,Ogbogu 6,De Gennaro ne, Folie 16,De Kruijf ne,Fersino, Geerties ne, Botezat ne, Gennari ne,Enweonwu 2. All. Santarelli
Alba Blaj: Baciu 9, Knip ,Ninkovic 1,Oivoh ne, Stoltemborg ,Aleksic 3,Rus ne,Gamma 7, Busa 6,Cirovic ,Alupei ne,Popovic, Gommans 4.All. Zakoc
Arbitri: Kellemberger e Jurkovic
Spettatori: 3063
Durata set: 22′,24′,26′ – MVP: Folie

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scomparsa da tre giorni: Giorgia ritrovata a Napoli nella notte

  • Da oltre 24 ore non si hanno più notizie di Giorgia: mobilitati i social per ritrovarla

  • Tumore incurabile, il sorriso di Roberta si spegne a soli 54 anni

  • Tamponamento tra quattro mezzi in A27, autostrada in tilt

  • Epatite fulminante, il sorriso di Ennio Vendramini si spegne a 53 anni

  • Abusi sessuali in seminario: «Io, violentato da due preti che ancora esercitano in Veneto»

Torna su
TrevisoToday è in caricamento