A Les Orres, in Francia, il team Cmc di Valdobbiadene si conferma sul tetto d'Europa

Nel round2 dell’EWS-Continental (la Coppa Europa dell’enduro mtb, una sorta di serie cadetta dell’Enduro World Series) Nicola Casadei è terzo

Casadei in azione

VALDOBBIADENE Il Team CMC continua a farsi spazio anche tra i grandi d’Europa. Nel weekend appena trascorso (28-29 luglio) a Les Orres, in Francia, è andata in scena la gara della Coupe de France Enduro Series 2018, valida anche come round 2 del nuovo circuito EWS-Continental, la Coppa Europa dell’enduro mtb, una sorta di serie cadetta dell’Enduro World Series.

Dopo la vittoria nel round 1 di Canazei il sammarinese Nicola Casadei ha firmato un'altra grande prova confermandosi sul podio europeo, questa volta in terza posizione alle spalle di Kevin Miquel (Velo Roc Cavaillon), e Gregory Callaghan (Cube Action Team), secondo.
Un risultato importante per Casadei e per tutto il Team CMC che gara dopo gara sta crescendo molto a livello internazionale come risultati, qualità e regolarità delle prestazioni. Risultati che fanno onore anche a tutto il movimento italiano dell’enduro mtb che un po’ alla volta inizia ad affermarsi ad alto livello sulla scena internazionale di questa disciplina emergente delle ruote grasse.

Team CMC che è salito sul podio anche tra gli junior con un brillante Roberto Paludetto, 3° di categoria e 23° assoluto. Per il rider bellunese di Feltre si tratta di un ottimo risultato. Partito bene a inizio stagione Paludetto è stato poi rallentato da un infortunio al polso, a maggio nella gara EWS di Olargues in Francia. Ora proprio dalla Francia per Paludetto è arrivata la rivincita con il primo podio europeo, un risultato che da morale e fiducia a questo ragazzo classe 2000 per affrontare bene l’ultima parte di stagione che lo vedrà impegnato tra EWS, EWS-Continental e Superenduro in Italia. A completare la prestazione di squadra del Team CMC a Le Orres troviamo anche il 30° posto assoluto dell’altro bellunese Erwin Ronzon, bene nelle PS del sabato e un po’ meno la domenica, e il 74° del romagnolo Matteo Saccon (14° nella sua categoria junior) che ha voluto comunque prendere il via nonostante la condizioni fisiche non ottimali per problemi intestinali causati dal grande caldo.

“Proseguiamo con la nostra politica dei piccoli passi, anche se guardandoci alle spalle vediamo che ormai di strada ne è stata fatta tanta. Tra circuito mondiale e circuito continentale le ultime gare ci hanno regalato grandi soddisfazioni tra vittorie e podi, sia a livello assoluto che con i nostri rider più giovani. Quando si ottengono buoni risultati di conseguenza arrivano anche gli stimoli e le motivazioni per continuare a lavorare bene e crescere” spiega il team manager Davide Geronazzo. Il circuito EWS-Continental prosegue con la gara a Zermatt (Sui), il 14-15 settembre, e poi con le finali a Fort William (Sco), il 13-14 ottobre. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid, Zaia: «Zona arancione in Veneto durerà un paio di settimane»

  • Veneto zona arancione per un'altra settimana: «Penalizzati dall'ospedalizzazione»

  • Lascia un messaggio al bar: «Grazie, ho vinto quasi due milioni di euro»

  • Covid: l'intestino può essere responsabile della gravità e della risposta immunitaria

  • Dimagrire velocemente: che cos'è la dieta del riso

  • Gennaio 1985 la nevicata del secolo: il grande freddo a Treviso

Torna su
TrevisoToday è in caricamento