Imoco volley, il nuovo acquisto è la schiacciatrice Mckenzie Adams

Originaria del Texas, ha 28 anni e arriva dalla formazione tedesca dello Schweriner. A Conegliano giocherà con il numero 11 e non vede l'ora di incontrare i tifosi al Palaverde

Mckenzie Adams (Foto tratta da Facebook)

Altro nuovo arrivo per l'Imoco Volley 2020/21 che annuncia l'arrivo della schiacciatrice statunitense Mckenzie Adams, texana di Schertz, nata il 13 febbraio 1992, alta 192 cm, proveniente dalla formazione tedesca dello Schweriner.

E' una giocatrice potente e tecnica allo stesso tempo, gran combattente sul campo, affidabile sia in attacco che in ricezione e con buona esperienza internazionale accumulata negli ultimi anni di coppe europee con la formazione tedesca. Ha iniziato la carriera al college prima a Virginia University, poi a Texas San Antonio, e la carriera professionistica l'ha vista esordire nel 2015 in Portorico con l'Indias de Mayagüez. L'anno successivo il trasferimento in Europa nel 2016/17 col PTSV Aachen, club tedesco impegnato in Bundesliga dove milita due stagioni, prima di trasferirsi allo Schweriner, sempre nella massima divisione tedesca, con cui si aggiudica due Supercoppe tedesche, meritandosi il titolo individuale di miglior giocatrice nell'edizione 2019, e la Coppa di Germania 2018/19. Ha giocato la Champions League nel 2018/19, affrontando nel girone anche l'Imoco Volley con un successo nel match di andata in Germania, e nella scorsa stagione 2019/20 prima dello stop aveva raggiunto la semifinale di Cev Cup. Giocherà in gialloblu con il numero 11. Queste le sue dichiarazioni da neo-Pantera.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mckenzie, dopo 4 stagioni in Germania, ti aspettavi la chiamata dall'Imoco?
«Non posso dire che me lo aspettavo, ma lo speravo. Ho lavorato duramente negli ultimi 4 anni in Germania con l'obiettivo di poter giocare per le migliori squadre in Europa e ricevere la chiamata dell'Imoco, poter iniziare l'avventura nel campionato italiano, dimostra che il mio duro lavoro è stato ripagato».
Sei arrivata al posto della tua ex compagna di squadra Geerties, cosa pensi di poter portare come valore aggiunto a Conegliano?
«Non ho parlato in questo periodo con Geerties, ma sono molto determinata: so bene cosa porto alle squadre per cui gioco e non vedo l'ora di dimostrarlo anche a Conegliano dopo la mia esperienza in Germania».
Due anni fa, anche grazie ad una tua grande partita, a Schwerin hai vinto contro l'Imoco in Champions, cosa ricordi di quella partita e anche della seconda partita di ritorno al Palaverde?
«È stata una delle mie partite preferite dei miei due anni a Schwerin, la ricordo molto bene! Il livello al quale abbiamo giocato contro una squadra fortissima come Conegliano, l'atmosfera elettrizzante del nostro palasport, è stata una serata che nessuna ragazza di quella squadra dimenticherà mai. Naturalmente la seconda partita a Palaverde è stata altrettanto emozionante,  ma con un risultato diverso anche se ci siamo arrese solo al quinto set».
Come ti senti pensando che sarai parte della squadra campione del mondo?
«Ho sognato di giocare ai massimi livelli sin da quando ho toccato per la prima volta un pallone da pallavolo. Essere in questa squadra e giocare con queste campionesse, uno staff di allenatori al top e per un'organizzazione di tal livello è quello per cui ho lavorato tanto. Ora sta a me meritare sul campo questa chiamata».
Raccontaci le tue migliori "skills" tecniche in campo
«Direi che mi sento una giocatrice abbastanza completa, le mie migliori qualità le esprimo nell'attacco, in ricezione e in difesa».
Giocherai con molte "stelle", anche nel tuo ruolo, quali sono i tuoi obiettivi personali e di squadra nella prossima stagione?
«Penso che gli obiettivi della squadra siano abbastanza chiari...e anche i miei! Voglio vincere. Voglio portare a casa più trofei possibili. Per quanto riguarda i miei obiettivi personali, voglio continuare a crescere ed essere la miglior giocatrice di pallavolo possibile in base al mio potenziale, quindi continuerò a lavorare su tutti gli aspetti del mio gioco e in un contesto come quello dell'Imoco penso di poter migliorare molto».
Ricordi i tifosi del Palaverde? Vuoi salutare i tuoi nuovi fans?
«Ricordo che era un pubblico rumoroso, che trasmetteva tanta energia. Non vedo l'ora di essere su quel campo a giocare di fronte ai fans gialloblù, sarà bellissimo fare parte di quell'atmosfera».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Cade nelle acque del Sile, fugge in treno e lo ritrovano a Bassano

  • Oliviero Toscani: «Chi vota Zaia forse è ubriaco, anche i veneti diventeranno civili»

  • Grandine e vento forte, il maltempo torna a colpire la Marca

  • Tragedia di Merlengo, il 26enne aveva bevuto: indagato per omicidio stradale

  • Tragico schianto col furgone nella notte: 62enne muore a pochi metri da casa

  • Distributore di bevande trovato morto nel suo camion

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
TrevisoToday è in caricamento