Sport

Memorial Bettiol: al Natatorium la prima gara stagionale in vasca esterna

Cognonato, direttore del Centro Natatorio Comunale di Treviso: «L’evento era chiaramente ridimensionato rispetto alle precedenti edizioni. Tuttavia è stato davvero un bel segnale di ripartenza»

Grande weekend di nuoto alle piscine comunali di Treviso con il Memorial Andrea Bettiol, manifestazione di nuoto master giunta alla 21^ edizione. Saltate nel 2020 causa lockdown e sostituite per l’occasione da una cerimonia simbolica, quest’anno le gare sono tornate nella vasca esterna dell’impianto natatorio di Viale Europa, riaperta al pubblico lo scorso 15 maggio, che nelle giornate di sabato 22 e domenica 23 maggio ha ospitato oltre 500 atleti iscritti, organizzati in un migliaio di presenze gara.

«L’evento era chiaramente ridimensionato rispetto alle precedenti edizioni, che hanno fatto del Memorial Bettiol una delle gare più master più amate e partecipate d’Italia – commenta Roberto Cognonato, direttore del Centro Natatorio Comunale di Treviso – Tuttavia è stato davvero un bel segnale di ripartenza tornare a gareggiare nella vasca esterna e farlo con questa ricorrenza che per noi ha da sempre un valore speciale».

Nato in seguito alla tragica scomparsa, nel giugno del 2000, del 27enne Andrea Bettiol, il Memorial nel corso della sua storia si è affermato come la gara master più partecipata d’Italia grazie all’organizzazione della famiglia Bettiol che, insieme alla squadra master di Natatorium Treviso, ha dato vita a una grande festa, in cui più che commemorare una perdita, si celebra la grande famiglia del nuoto. «Andrea coltivava il sogno di realizzare a Treviso, nella sua città, una manifestazione per i master, in un periodo in cui gli eventi per i nuotatori scarseggiavano in tutto il Veneto – spiega la famiglia Bettiol – Siamo felici di aver ripreso questa tradizione dopo un periodo così difficile segnato dalla pandemia: abbiamo visto la gioia negli occhi di tutti i partecipanti, c’era davvero grande voglia di nuoto».

Tra i partecipanti, tutti provenienti esclusivamente dal territorio regionale, nuotatori di tutte le età, dai venticinquenni agli over 70: tra i più anziani in gara, in particolare, Giovanna Buratto, classe 1940, di Aquarea Vicenza, e Luciano Cammelli Belluzzo, classe 1943, dei Nuotatori Padovani. «Questa è la magia del nuoto master – afferma Vincenzo De Sio, presidente di Natatorium Treviso -  un movimento che mostra come il nuoto sia un vero e proprio stile di vita: siamo felici di essere ritornati alle gare nella vasca esterna del nostro impianto con questa ricorrenza così speciale, in cui si respira la passione e l’amore per lo sport e grazie alla quale abbiamo dimostrato come con grande organizzazione e scrupoloso rispetto delle regole si possa gestire la frequentazione del pubblico in sicurezza in piscina».

L’evento si è svolto nel rispetto di tutte le disposizioni igieniche e di distanziamento sociale, nel rispetto dei protocolli anti Covid. Per questo motivo, non sono state effettuate premiazioni, ma ad ogni partecipante è stata data la possibilità di scaricare il proprio attestato dal sito internet finveneto.org. «In attesa della riapertura anche delle vasche al coperto, che tutti aspettiamo con ansia – conclude Roberto Cognonato – è stata data una grande dimostrazione di organizzazione e di capacità di gestire un importante flusso di pubblico in totale sicurezza: l’ennesima conferma che le piscine comunali di Treviso sono pronte per la ripartenza».

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Memorial Bettiol: al Natatorium la prima gara stagionale in vasca esterna

TrevisoToday è in caricamento