Esperienza da ricordare per un trevigiano ai Giochi Nazionali Trapiantati e Dializzati

E' sceso ieri il sipario sulle competizioni svoltesi a Pineto (TE)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Si sono conclusi nella giornata di ieri a Pineto (TE) i Giochi Nazionali per Trapiantati e Dializzati. La manifestazione, organizzata dall'associazione Aned onlus, è arrivata alla sua ventottesima edizione per trapiantati e venticinquesima per dializzati. Le competizioni hanno visto scendere in campo circa un centinaio di atleti provenienti da tutta Italia che si sono sfidati nelle in varie specialità: tennis tavolo, tennis, ciclismo, beach volley, nuoto, petanque, atletica. Nutrita anche la componente veneta che ha visto al suo interno un degno rappresentante della nostra marca, il trevigiano Marco Mestriner che è riuscito ad aggiudicarsi la medaglia d'oro nel beach volley e quella d'argento nel tennis doppio in coppia con il padovano Alessandro Pege. La tre giorni ha dato spazio anche a vari importanti momenti di sensibilizzazione e riflessione sulla tematica dell'importanza della donazione degli organi, dal toccante coinvolgimento dei ragazzi delle quinte elementari il venerdì mattina, alla tavola rotonda sulla donazione da vivente il sabato sera. I Giochi hanno avuto l'importante sostegno del Comune di Pineto, della Regione Abruzzo, del Centro Nazionale Trapianti, della Società Italiana di Nefrologia, del Coni, del Comitato Italiano Paralimpico e dell' ASL 4 di Teramo.

Torna su
TrevisoToday è in caricamento