Domenica, 16 Maggio 2021
Sport

Mondiali di Sci 2021: la Regione appoggia la candidatura di Cortina

Dopo il fallimento in extremis per ottenere i mondiali 2019, persi per un voto solo, la regina delle dolomiti cerca il colpaccio per il 2021

CORTINA - La Regione Veneto ha deciso di sostenere la candidatura per l’assegnazione a Cortina d’Ampezzo (BL) dei Campionati Mondiali di Sci Alpino del 2021: la decisione è stata assunta martedì dalla Giunta, che ha aderito alle richieste di supporto e di partecipazione al comitato promotore avanzate dall’amministrazione comunale ampezzana. 

Ci riproviamo con maggior determinazione di due anni fa – afferma il presidente della Regione del Veneto, Luca Zaia –, quando ingiustamente la candidatura di Cortina a ospitare i mondiali del 2019 non venne premiata per una scelta che ancora oggi appare incomprensibile. Ma quella è ormai acqua passata, adesso guardiamo avanti, ma nella convinzione che quel progetto continui a essere attuale e possibilmente ancor più forte e competitivo, in grado di far fare al Veneto e all’Italia una bellissima figura”. 

Bisogna ricordare infatti, che nel giugno dello scorso anno, a Barcellona, la Federazione internazionale dello Sci, decise di assegnare l’organizzazione dei campionati 2019 alla nota cittadina svedese di Are, che ottenne 9 voti contro gli 8 dati alla località veneta: una vera beffa sulla sirena come si suole dire. “L’attribuzione dell’evento a Cortina – prosegue il governatore – costituirebbe uno straordinario traino per lo sport italiano e per tutto il comparto della montagna, un’opportunità di investimenti utili per la crescita economica, turistica e occupazionale, una irripetibile occasione per consolidare il progetto di eccellenza turistica Dolomiti Patrimonio Mondiale dell’Umanità”.


Oltre alle 150 mila presenze turistiche previste, l’assegnazione dell’appuntamento iridato genererebbe anche un positivo impatto mediatico, con 600 milioni di telespettatori presunti e un migliaio di giornalisti inviati a seguire la manifestazione. Ma anche un notevole impatto sportivo, con la partecipazione di circa 600 atleti, e sociale: sarebbero, infatti, chiamati a operare oltre 1.200 volontari.  “Riavviamo, dunque, quell’ottimo gioco di squadra che abbiamo già sperimentato – conclude Zaia – e riproponiamo al mondo le incomparabili bellezze e le notevoli potenzialità organizzative di quella che non a caso è definita la ‘Regina delle Dolomiti’ e che rappresenta uno dei fiori all’occhiello del Veneto e dell’Italia”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Mondiali di Sci 2021: la Regione appoggia la candidatura di Cortina

TrevisoToday è in caricamento