rotate-mobile
Lunedì, 30 Gennaio 2023
Sport

Nuoto sincronizzato: a Treviso lo spettacolo benefico dell'olimpionica Callegari

Domenica 3 dicembre la campionessa olimpica Beatrice Callegari e la nuotatrice Enrica Piccoli torneranno in vasca per uno spettacolo a sostegno di Città della Speranza.

TREVISO Sarà una domenica di sport, spettacolo e solidarietà il prossimo 3 dicembre al Natatorium di Treviso, teatro dell’esibizione “Tutti insieme… come i Supereroi!”, messo in scena dalle sincronette di Montebelluna Nuoto, capitanate dalla stella della Marina Militare Beatrice Callegari e dal bronzo europeo juniores Enrica Piccoli. Due campionesse del nuoto sincronizzato che, con questo evento, aiuteranno Fondazione Città della Speranza a raccogliere fondi per i progetti legati in particolare alla Clinica di Oncoematologia Pediatrica e alla Torre della Ricerca Pediatrica di Padova.
 
Un’iniziativa nata proprio da una visita dell’olimpionica Callegari lo scorso 12 ottobre alla clinica padovana: «È stato toccante incontrare i bambini ricoverati – racconta Beatrice - Da questa visita abbiamo portato a casa la voglia di fare anche noi qualcosa, nel nostro piccolo, per aiutare la ricerca che viene svolta nella ‘Torre’ e per non vedere più bambini sofferenti». Da allora la macchina organizzativa si è mossa, a cominciare dalla società Montebelluna Nuoto, che grazie alla disponibilità dell’impianto delle piscine comunali di Treviso, ha messo in piedi un’esibizione con 62 sincronette di tutte le età, dalle giovanissime della propaganda fino alla venticinquenne professionista Callegari. «In realtà la nostra presenza è un rendere atleticamente il messaggio di forza che Fondazione Città della Speranza dona a tutti - spiega il presidente della società Fabio Flora – lo spettacolo, ideato dall’allenatrice Martina Arzenton, racconta una storia di sfida per la vittoria e per la riconquista di abilità perdute». Una storia che allude al coraggio dei bambini messi a prova dalla vita, ma che eroicamente non smettono mai di credere nella guarigione.  «Ringraziamo Montebelluna Nuoto per la bella iniziativa e Natatorium Treviso per l’ospitalità - afferma Antonella Gasparotto, Consigliere e Referente della Fondazione per la Città di Treviso – Grazie ai fondi raccolti per la ricerca, negli ultimi trent’anni il tasso di guarigione dei bambini ammalati di leucemia è salito dal 20 all’80%. Solo insieme, grazie all’impegno di tante persone, possiamo raggiungere nuovi e più importanti traguardi nella diagnosi e cura delle malattie pediatriche».

 
Un invito a continuare a sostenere la ricerca, che è stato subito recepito dai trevigiani, che hanno già quasi esaurito i biglietti disponibili. «Ne restano una cinquantina, acquistabili il giorno stesso all’ingresso – spiega Roberto Cognonato, direttore del Centro Natatorio Comunale di Treviso – Abbiamo allestito anche un service video per la trasmissione dello spettacolo in diretta streaming, che permetterà soprattutto ai bambini ricoverati in clinica a Padova di seguire lo spettacolo dalle pagine Facebook di Natatorium Treviso e Fondazione Città della Speranza». Ad attirare la comunità trevigiana, sicuramente anche la possibilità di ammirare uno spettacolo di nuoto sincronizzato, mai visto prima nella storia sportiva di Treviso. «Ma la motivazione princiapale è certamente la solidarietà – affermano in coro il sindaco Giovanni Manildo e l’assessore allo sport Ofelio Michielan – grazie all’esempio positivo di queste campionesse, che incarnano i veri valori dello sport». Campionesse nello sport e nella vita come Beatrice Callegari, che dopo quattro bronzi e un argento agli europei e un podio sfiorato alle olimpiadi di Rio 2016, ha deciso di mettere in vendita tra i suoi fan indumenti d’allenamento e cimeli, il cui ricavato sarà devoluto a Fondazione Città della Speranza.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuoto sincronizzato: a Treviso lo spettacolo benefico dell'olimpionica Callegari

TrevisoToday è in caricamento