menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Nuovo arrivo per il Benetton Rugby: è il terza linea Mat Luamanu

Neozelandese, arriva dai Kyuden Voltex in Giappone. Campione del mondo giovanile, andrà a sostituire il quasi omonimo Loamanu

TREVISO  - La sua presenza, c'è da scommetterci, si farà sentire questa stagione. Per un Loamanu che parte, ecco arrivare un Luamanu, un solo cambio di vocale per un giocatore dalla stazza impressionante. Come riporta il sito societario, si presenta dopo il lungo viaggio dalla Nuova Zelanda, facendo subito capire che la sua passione al di fuori del rugby sono gli sport americani.

Cappellino di football dell'Alabama, canotta numero 10 di Dennis Rodman dei Pistons (basket NBA), chissà mai cosa potrà fare con la play station, suo altro grande hobby. "Vengo in Italia per la prima volta. Non conosco molto della città di Treviso, a parte quello che ho visto documentandomi un po' su internet. Della squadra so che gioca un buon rugby e che partecipa a dei tornei impegnativi come PRO12 e Champions Cup e volevo affrontare questa sfida. Dopo l'esperienza in Giappone ho voluto provare anche quella europea e non vedo l'ora di entrare nel vivo dell'azione e di conoscere meglio questo bellissimo posto".

Mathew Henry Loamanu, più semplicemente Mat, nasce a Wellington il 4 aprile 1988 e risponde oggi al peso di 127 kg su 193 cm di altezza. Gioca come terza linea, in particolare come numero 8 e dovrà prendere il posto di Christian, mentre l'amico Leo Auva'a - cresciuto nella stessa scuola ed in arrivo a Treviso nei prossimi giorni - prenderà il posto di Manoa Vosawai. Fisico impressionante, in patria si è fatto apprezzare anche per le doti di velocità e l'istinto naturale nel portare avanti palla.

"Mi piace giocare un rugby più aperto, vivace, dove posso avere possibilità per correre e sfruttare l'istinto per gli spazi allargati".  In campionato ha esordito nella natia Wellington, per poi passare successivamente a North Harbour, meritandosi la chiamata in Super Rugby con i Blues, venendo anche indicato dall'allora tecnico Pat Lam (oggi al Connacht) come uno dei prospetti futuri più interessanti. La straordinaria ascesa dell'All Black Jerome Kaino gli ha, tuttavia, bloccato un po' la strada, portando alla decisione di trasferirsi in Giappone ai Kyuden Voltex. Già nazionale giovanile e scolastico, ha partecipato con i baby blacks al Junior World Championship del 2008 in Galles, vincendolo.

"Cerco di spingere me stesso in questa nuova avventura. Delle competizioni che affronteremo so che ci attendono molte partite e che saranno molto improntate ad un gioco di avanti e mischie". Padre e madre samoani, trasferiti in Nuova Zelanda prima della sua nascita, sposato con Tone, ha una figlia di quasi due anni: Sienna, due fratelli (entrambi rugbisti e di buone prospettive) e due sorelle. Naturalmente come ogni buon neozelandese di origine samoana, ha un tatuaggio sul braccio sinistro che ne copre l'intera lunghezza e rappresenta l'albero genealogico.

NOME: Mathew Henry

COGNOME: Luamanu

NATO A: Wellington (Nuova Zelanda)

IL: 4 aprile 1988

ALTEZZA: 193 cm

PESO: 127 kg

RUOLO: Terza Linea

SQUADRE PRECEDENTI: Wellington, North Harbour, Blues, Kyuden Voltex

PALMARES: Junior World Championship 2008

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

L'Arsenale di Roncade ceduto al fondo francese C-Quadrat

Ultime di Oggi
  • Attualità

    Vax Day per gli Over 80 nella Marca: «Oltre duemila vaccinati»

  • Cronaca

    Due auto distrutte da un incendio, indagano i carabinieri

  • Cronaca

    Aggredisce una studentessa in bici: 44enne finisce in carcere

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento