menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Nella foto: gli studenti del Master SBS con i Presidenti Di Rocco, Petrucci e Tavecchio, insieme all'A.D. di Verde Sport Giorgio Buzzavo

Nella foto: gli studenti del Master SBS con i Presidenti Di Rocco, Petrucci e Tavecchio, insieme all'A.D. di Verde Sport Giorgio Buzzavo

Open Day Master Sbs: presenti Tavecchio, Petrucci e Di Rocco

Mattinata dedicata al mondo delle Federazioni al terzo Open Day del Master SBS a "La Ghirada" di Treviso. Presenti tre cariche istituzionali

TREVISO - Dopo la visita del Presidente del CONI Giovanni Malagò, martedì i 33 studenti della X edizione del Master SBS hanno potuto ascoltare le testimonianze di tre Presidenti federali, rappresentanti il 33% degli oltre 4 milioni e mezzo di tesserati in Italia: Renato Di Rocco (Presidente Federazione Ciclistica Italiana), Gianni Petrucci(Presidente Federazione Italiana Pallacanestro) e Carlo Tavecchio (Presidente Federazione Italiana Giuoco Calcio).

Questione impiantistica sportiva e nuovi sbocchi lavorativi nel mondo dello sport: questi i temi centrali toccati dai tre Presidenti Federali introdotti e moderati da Federico Fantini, Direttore Generale del Master SBS. La bicicletta e' un fenomeno in crescita, - sostiene Renato Di Rocco - può diventare la matita per ridisegnare le nostre città come è successo all'estero, a livello di infrastrutture. I giovani devono guardare non solo allo sport praticato, i dirigenti sportivi di domani devono ampliare gli orizzonti del nostro mondo, penso al ciclismo che può sviluppare un indotto importante per il mercato del turismo.” “Penso che la caratteristica degli impianti sportivi futuri sia la polifunzionalità – continua il Presidente Di Rocco - in modo da poter ospitare eventi differenti, utenti differenti e differenti risorse economiche: se un impianto non è attivo e non 'produce' per 200 giorni l'anno non ha futuro.”

"Il calcio – secondo Carlo Tavecchio - è un fenomeno anticiclico rispetto al sistema Paese, che sta attraversando un momento molto delicato: siamo la nona industria italiana, muovendo nell'insieme 12.7 miliardi di euro, un contesto composto da 76.000 squadre e 15.000 società sul territorio.” "Stadi nuovi in Italia? Non ci sono le condizioni economiche: ristrutturiamo gli impianti esistenti, ne abbiamo almeno dieci di livello europeo. Non vedo la possibilità di costruire nuovi stadi – dice il Presidente Tavecchio - perché non ci sono le condizioni in Italia e nemmeno il mercato: piuttosto, ristrutturiamo gli stadi esistenti, ad esempio quelli costruiti negli anni 90 che, a mio avviso, sono di livello europeo: penso a Roma, San Siro, ma anche Bari, Napoli, Verona, Palermo, tutti stadi di qualità e strategici per posizione e dimensioni".

“Il basket un movimento sano – dichiara Gianni Petrucci - Impianti? Non viviamo di sogni, lo dicevo anche da Presidente del Coni, in Italia le leggi non agevolano in tal senso e mancano le risorse economiche. E all'estero la situazione non è sempre rosea come la dipingono.” “Abbiamo introdotto l'importante novità della televisione – dice il Presidente Petrucci - con l'accordo con Sky che darà maggiore visibilità al nostro sport, dalla Nazionale ai vari campionati sia maschili che femminili, un tassello che mancava per aumentare la popolarità del nostro sport.”