menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ornel Gega

Ornel Gega

Ornel Gega arriva al Benetton Rugby: ancora un nazionale per il team

L'albanese, ma di formazione tutta italiana, torna a "casa" dopo aver giocato anche a Paese, Mogliano e Petrarca Padova

TREVISO Un ritorno all'ovile. Si potrebbe quasi definire così quello di Ornel Gega, tallonatore di nascita albanese ma di formazione tutta trevigiana, tra Paese e Treviso. "Sono arrivato in Italia a 9 anni con la mia famiglia e a 15 ho iniziato a giocare a rugby a Paese, spinto dal mio professore di educazione fisica: Giorgio Troncon. Alcuni anni di giovanile e poi il passaggio due stagioni nell'Under 20 del Benetton. Tempi che ricordo con molto piacere per il tanto divertimento ed il bel gruppo che si era creato. Poi è iniziata la trafila delle Prime Squadre, con tre anni ed uno Scudetto a Padova con il Petrarca e due stagioni al Mogliano". 

Nel mezzo anche tanta Nazionale, a livello giovanile ed anche Emergenti, tra tornei in Romania e Georgia, tranne l'ultimo saltato causa infortunio. "Un piccolo strappo muscolare che però mi costringe ancora ai box. Ho una voglia di giocare che non immaginate, sto scalpitando ed è veramente dura vedere gli altri in campo, mentre devo fare riabilitazione e lavoro in palestra". In giovanile un passato da pilone sinistro, prima di specializzarsi come tallonatore e farsi apprezzare come uno dei migliori prodotti italiani in circolazione.  "Ormai gioco solamente con la maglia numero 2. Fuori dal campo sono una persona tranquillissima e molto pacata, mentre tendo a trasformarmi quando scendo sul terreno di gioco. Lì do tutto me stesso e a volte l'agonismo è persino troppo e quindi è sfociato in qualche provvedimento disciplinare. Su tutto si può comunque migliorare. Qui sono già stato anche come permit player e per fare la preparazione e sono conscio della grande opportunità che ho nel poter fare questo salto di categoria. Ho la fortuna di conoscere già bene l'ambiente, avendolo vissuto per anni, e anche la maggior parte dei miei compagni, quindi l'integrazione nel gruppo dovrebbe essere semplice. Sono estremamente orgoglioso di poter indossare nuovamente questa maglia e spero di poter dare il mio contributo quando e se sarò chiamato in causa, continuando la mia crescita personale".

Nonostante la sofferenza di vivere le prime emozioni un po' da fuori, sembra aver trovato un gruppo che vuole ben figurare. "Non essere lì in campo in questo momento in cui si fatica di più per iniziare ad ingranare sicuramente mi pesa. Ancora mancano alcuni dei ragazzi che sono impegnati con le Nazionali, ma il gruppo è già solido e con tanto entusiasmo. La rosa si sta amalgamando in maniera positiva e si sta bene tra di noi. C'è un buon mix tra giovani e giocatori di esperienza. Chi già era qui, accoglie molto bene i nuovi arrivati e li fa sentire a casa". Cinque stagioni di Eccellenza ad alto livello alle spalle, con la conquista di un titolo, ma ora una nuova avventura decisamente più probante. "In prima persona sono assolutamente consapevole del grande salto che mi e ci attende. Giocando in PRO12 e Champions Cup, non c'è mai la possibilità di rilassarsi o sbagliare una partita, cosa che magari invece poteva succedere nel Campionato Italiano. Lì ci sono quelle 4-5 squadre che lottano per la vittoria finale e sono più competitive e poi altre contro cui puoi anche non dare proprio il massimo e magari riesci comunque ad ottenere il risultato. In PRO12 sicuramente questo non succede. Livello di gioco e tensione devono essere sempre alti e a volte nemmeno basta". 

Papà da un anno di Maddalena, avuta con la compagna Lisa, passa con lei la maggior parte del tempo libero. "Mi dà filo da torcere - scherza - Mi sfinisce più lei che gli allenamenti. No, naturalmente è una gioia immensa e sono felicissimo, anche perchè tra l'altro volevo diventare papà giovane. La maggior parte del mio tempo libero, la dedico a lei e alla mia famiglia per cercare di passare dei momenti lieti tutti assieme. Poi ogni tanto, così per passare il tempo, vado a pescare". 

NOME: Ornel

COGNOME: Gega

DATA DI NASCITA: 24.03.1990

LUOGO DI NASCITA: Lezhe (Albania)

ALTEZZA: 180 cm

PESO: 103 kg

SQUADRE PRECEDENTI: Rugby Paese, Benetton Treviso, Petrarca Padova, Marchiol Mogliano

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Malore dopo la vaccinazione, 57enne ricoverato in ospedale

Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Cronaca

    Con un cinque al Superenalotto vince 17mila euro

  • Cronaca

    Ruba un aspirapolvere, 43enne arrestata dai carabinieri

  • Meteo

    Veneto, tornano piogge e temporali: «Rischio nubifragi a metà settimana»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento