Venerdì, 17 Settembre 2021
Sport

«Aumentare la capienza almeno al 50% o volley a rischio chiusura»

L'appello dei presidenti di Imoco volley, Piero Garbellotto e Pietro Maschio: si avvicina l'inizio della stagione sportiva e le istituzioni non hanno ancora dato nessuna risposta. Si teme sia per l'attività di vertice che per quella di base

Il Palaverde di Villorba

Da tempo ormai le società della pallavolo, la Lega e il Comitato 4.0 stanno cercando con le loro istanze di stimolare le istituzioni governative a rivedere la norma che prevede il 35% della capienza di pubblico per gli sport indoor, innalzando la quota almeno al 50%. Si avvicina l'inizio della stagione sportiva e ancora l'appello non ha avuto risposta.

E' notizia di questi giorni, dalle prime pagine dei giornali locali che più di 4000 bambini e ragazzi della Provincia di Treviso hanno abbandonato la pratica sportiva, indubbiamente questo è il dato più preoccupante per il mondo dello sport, un settore tra i più penalizzati dalla pandemia tra partite a porte chiuse, palestre chiuse, ecc. Il ruolo delle società delle serie maggiori come la nostra è sempre stato quello di traino del movimento, ma le problematiche per i club dopo quasi due campionati interi giocati senza pubblico con le conseguenti perdite di introiti non solo legati al botteghino (ovviamente la minor visibilità ha disincentivato gli sponsor, con ulteriori perdite per le società sportive), sta mettendo a serio rischio la vita stessa dello sport di vertice, con inevitabili conseguenze anche per la base.

L'appello dei presidenti di Imoco Volley Piero Garbellotto e Pietro Maschio: "La capienza al 35% non è sostenibile per le società di vertice, si rischia seriemente di andare in estrema difficoltà e di chiudere i battenti. Chiediamo almeno il 50%, diversamente non si va avanti. Una capienza così ridotta non consente alle società di coprire nemmeno i costi vivi dell'apertura dei palazzetti. Dopo due stagioni di estrema difficoltà superata con grandi perdite - continuano i presidenti del club di Conegliano - sta diventando insostenibile continuare a gestire le società sportive, che oltre a dare lustro alla Serie A1 e allo sport di vertice, fanno un grandissimo lavoro nel sociale investendo nei giovani e dando loro le opportunità e le esperienze che solo lo sport sa offrire. Se le società maggiori, che rappresentano un modello per tante ragazzine che sognano un giorno di poter vestire le maglie più prestigiose e che per forza organizzativa investono di più nei settori giovanili (l'Imoco Volley ad esempio coordina l'attività di oltre 1000 giovani), vanno in sofferenza o addirittura saranno costrette a chiudere, le ripercussioni sui settori giovanili e sullo sport di base potrebbero essere devastanti".

Con il progredire della campagna vaccinale e la presenza del Green Pass, con le cautele di sicurezza che le società sportive hanno già dimostrato di saper applicare puntualmente, la normativa del 35% è ritenuta troppo limitante, tanto da mettere in pericolo l'esistenza stessa in futuro dei club. Gli esempi che arrivano quotidianamente dall'estero dimostrano che ci sarebbero tutte le condizioni per un'apertura almeno al 50%. Sabato scorso con 20.565 tifosi sugli spalti la finale di EuroVolley 2021, che ha visto l'Italia imporsi alla Stark Arena di Belgrado contro le padrone di casa della Serbia, ha battuto il record mondiale assoluto di presenze nella pallavolo femminile per una partita tenuta in un'arena indoor.

Chiosano i dirigenti  gialloblù: "L'impegno della popolazione italiana nel fare il vaccino in alta percentuale e nell'utilizzo del Green Pass, è proprio mirato al poter tornare progressivamente alla normalità, per questo ci auspichiamo che le istituzioni, come abbiamo visto avviene in tanti altri Paesi, raccolgano le istanze dello sport per poter riaprire le porte a un numero congruo di spettatori in stadi e palazzetti, il 50% è per noi la base minima da cui ripartire".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

«Aumentare la capienza almeno al 50% o volley a rischio chiusura»

TrevisoToday è in caricamento