menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il podio del Trofeo Balestra

Il podio del Trofeo Balestra

Weekend soddisfacente per la Zalf: sul podio sia Moscon che Gaggia

Ottime sensazioni per il trentino al Trofeo Balestra per un primo posto mancato per pochissimo. Ottima anche la prestazione a Pianzano

CASTELFRANCO VENETO - Una domenica fatta di buoni piazzamenti ma avara di soddisfazioni quella che ha visto la Zalf Euromobil Désirée Fior assoluta protagonista sia al Trofeo Balestra di Palazzolo sull'Oglio (Bs) sia nel Circuito di Sant'Urbano di Pianzano (Tv).

Nella classica nazionale bresciana, il trentino Gianni Moscon è stato il più brillante sulle rampe del Gandosso che ha decretato, come da tradizione, la selezione decisiva. L'unico a tenere testa al forcing in salita dell'alfiere della Zalf Euromobil Désirée Fior è stato Edward Ravasi (Colpack) mentre nel tratto in discesa che ha riportato la corsa in pianura si sono riportati sulla scia dei due battistrada anche Locatelli (Viris), Ciccone (Colpack), Petilli (Unieuro) e il giovane compagno di colori Nicola Bagioli. Negli ultimi chilometri i due ragazzi diretti da Gianni Faresin hanno spinto a tutta sui pedali riuscendo a portare il sestetto sul rettifilo d'arrivo con un discreto margine di vantaggio sul folto drappello degli inseguitori. In volata, però, Gianni Moscon ha peccato di generosità: "Forse mi sono lasciato ingannare dalla prospettiva e sono partito un pò troppo lungo. Locatelli è più veloce di me, mi ha rimontato e non sono riuscito a contenerlo" ha spiegato Moscon dopo il traguardo, con un pizzico di rammarico "Questo è comunque un secondo posto da non buttare via. Le sensazioni in salita erano davvero ottime, mi servirebbe solo un pizzico di fortuna in più". Ottimo anche il comportamento di Nicola Bagioli, che ha chiuso in sesta posizione, e di Andrea Toniatti che è giunto nono.

Prestazioni che, unite al buon andamento di Simone Velasco che ieri con la maglia della nazionale ha portato a termine la Strade Bianche corsa in gruppo con i professionisti, fanno ben sperare il team capitanato da Gaspare Lucchetta ed Egidio Fior. "Abbiamo avuto delle ottime risposte in vista degli appuntamenti più prestigiosi ed impegnativi del calendario nazionale ed internazionale che ci attendono nelle prossime settimane. Con un pizzico di determinazione in più avremmo festeggiato una bella vittoria" ha spiegato Gianni Faresin che a fine gara vede comunque il bicchiere mezzo pieno "Avere due uomini nei primi sei che hanno fatto la differenza in salita è un bel segnale: quella di Moscon è una conferma che ci aspettavamo ma anche Bagioli, nonostante sia solo al secondo anno, ha dimostrato di avere carattere".

A completare il bottino di giornata anche il terzo posto collezionato da Marco Gaggia sul circuito pianeggiante di Pianzano (Tv); la gara, prima dello sprint decisivo, era stata caratterizzata da una lunga fuga a tre che aveva visto generoso protagonista, il vicentino Giacomo Zilio.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Giardino

Balconi fioriti: scopri le piante più scenografiche, i migliori vivai

Notizie

Bollo auto 2021: il Veneto proroga la scadenza

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento