rotate-mobile
Domenica, 5 Febbraio 2023
Sport Casier

La Polisportiva Casier conquista due medaglie agli europei di pattinaggio corsa

Il diciassettenne di Dosson, al debutto in azzurro, conquista l'argento nel giro sprint e il bronzo nei 100 metri in corsia, tra gli junior B, nella rassegna continentale di Lagos. Quinto Giacomo Serena (junior A) nei 100 metri in corsia

CASIER Sui pattini va che è una meraviglia: un’autentica freccia. Dopo l’Italia, se n’è accorta anche l’Europa. Davide Paolì, al debutto ufficiale in azzurro, ha vinto due medaglie ai Campionati Europei di pattinaggio corsa, andati in scena a Lagos, in Portogallo. Il giovane pattinatore di Dosson, classe 2000, punta di diamante della Polisportiva Casier, non si accontenta più di primeggiare in Italia, dove ha conquistato svariate medaglie ai Tricolori di categoria. Guidato dall’allenatore Andrea Bighin, il promettente pattinatore trevigiano è arrivato ad essere protagonista anche sul palcoscenico continentale.

Lagos era uno degli appuntamenti che valeva una stagione. E Paolì non ha tradito le attese, vincendo un argento e un bronzo nella categoria Junior B. Prima gara, i 100 metri in corsia, dove Davide – tricolore di specialità dal 2015 - è giunto secondo, salvo poi essere retrocesso al terzo posto in seguito ad un fallo tecnico (tocco della linea che delimita le corsie). Successivo impegno, il Giro Sprint, un’altra prova di velocità pura, dove l’atleta trevigiano ha colto uno splendido argento.

Il doppio podio continentale ha consacrato Davide Paolì tra i più interessanti talenti di un movimento azzurro del pattinaggio corsa che a Lagos (15 nazioni in gara) ha recitato un ruolo di primissimo piano, conquistando la bellezza di 27 ori, 28 argenti e 18 bronzi. Festa grande anche in casa della Polisportiva Casier, che si conferma faro trevigiano del pattinaggio corsa. L’anno scorso era salito su un podio internazionale Giacomo “Jack” Serena, terzo ai Mondiali. Questa volta, invece, le medaglie sono finite al collo di Davide Paolì. Reduce dall’esame di maturità, Giacomo Serena, altro allievo di Andrea Bighin, si è dovuto accontentare di un quinto posto nei 100 metri in corsia nella categoria junior A. Ma può continuare a sperare nella convocazione per i Mondiali che si terranno all’inizio di settembre in Cina. Sarebbe la gara del riscatto.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Polisportiva Casier conquista due medaglie agli europei di pattinaggio corsa

TrevisoToday è in caricamento