Domenica, 16 Maggio 2021
Sport Borgo Mestre / Via Ghirada

Presentata la nuova edizione del Guinness Pro 12: per il Benetton sarà l'anno del rilancio

Parole dure di Coach Crowley: "I Leoni sono stati abituati a perdere, a non giocare con la palla, ad incentrare tutto sulla mischia e sul confronto fisico. Mentalità da cambiare"

TREVISO E' avvenuta negli ultimi giorni la presentazione del Guinness Pro12 2016/2017, quando la cerimonia si è svolta presso l’Aviva Stadium di Dublino, sede che ospiterà la finale della competizione celtica il prossimo 27 maggio. Martin Anayi, amministratore delegato del PRO12 Rugby, ha dichiarato: “Dopo i successi delle finali ospitate a Belfast ed Edimburgo, l’Aviva Stadium fornirà un altro grande palcoscenico al fine di premiare nel miglior modo club, giocatori e tifosi di tutto il campionato. Fin dalla sua riqualificazione nel 2010, l’Aviva Stadium è diventato rapidamente un’arena iconica per il rugby e, dopo una finale emozionante al BT Murrayfield tra Connacht Rugby e Leinster Rugby, nella quale è stato stabilito un nuovo record di presenze, sembrava giusto cercare di alzare ulteriormente il livello. Sponsor come Guinness con cui concordiamo sulla filosofia del 'Fan First', ci hanno permesso di proporre l’offerta Early Bird - in cui i fan possono risparmiare fino al 20% sui biglietti selezionati - per premiare i tifosi che vogliono prenotare il posto presso la finale il 27 maggio".

Oliver Loomes, direttore Diageo Irlanda, è stato entusiasta di annunciare che la Guinness ha prolungato la partnership con il Pro12 sino al 2020, continuando ad investire nello sport che amano. Queste le sue parole: "Non vediamo l'ora di assistere agli incontri tra le migliori squadre provenienti da Irlanda, Scozia, Galles e Italia. Il Guinness Pro12 è una delle competizioni rugbystiche più entusiasmanti nel mondo". Il coach biancoverde Kieran Crowley ha dichiarato: “Dobbiamo concentrarci sulla cultura, sulla leadership e sullo stile di gioco. La società ha fatto grandi investimenti per poter creare un gruppo competitivo. Negli ultimi anni la squadra è stata abituata a perdere, a non giocare con la palla, ad incentrare tutto sulla mischia e sul confronto fisico. Così facendo si sono perse le emozioni di giocare a rugby e soprattutto di farlo con la palla in mano. C’è tanto lavoro da fare: sulla gestione della pressione e sulle nostre skills.” Infine un pensiero sul sistema rugbystico italiano: “Insieme alla Federazione ed alle Zebre stiamo facendo un buon lavoro, adesso abbiamo è necessario che tutti remino nella stessa direzione”.

Infine Capitan Zanni si è espresso sugli obiettivi e sulla nuova filosofia di gioco: “L’obiettivo è quello di essere performanti in ogni singola partita e cercare di arrivare il più alto possibile in classifica, la squadra ha l’esperienza e le qualità giuste per farlo. Coach Crowley ha avuto un impatto molto positivo sul gruppo, è un allenatore al quale piace giocare con la palla ed occuparsi di ogni aspetto del singolo giocatore: fisico, tecnico-tattico, ed esterno al terreno di gioco. Quest’anno ha portato un’ottima organizzazione. Adesso sta noi giocatori entrare in campo e dare il massimo per essere performanti. Il nostro obiettivo è dare soddisfazioni al pubblico e portare Treviso sempre più in alto.” Sulla fascia da capitano: “Sono contento di essere stato confermato insieme ad Alberto Sgarbi, dovrò aumentare il mio contributo. L’anno scorso mi è servito molto".

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presentata la nuova edizione del Guinness Pro 12: per il Benetton sarà l'anno del rilancio

TrevisoToday è in caricamento