Prosecco Cycling: Basso Bikes scende in pista per la nuova edizione

Lo storico marchio di San Zenone degli Ezzelini debutta nel mondo degli appuntamenti ciclistici affiancando l’evento che il 27 settembre porterà oltre duemila ciclisti nella Marca

Prosecco Cycling e Basso Bikes pedalano insieme per un 2020 da protagoniste. La storica azienda di San Zenone degli Ezzelini debutta nel mondo degli appuntamenti ciclistici di massa, affiancando l’evento che il 27 settembre porterà oltre duemila ciclisti, provenienti da una trentina di nazioni, a fare passerella nel cuore delle Colline del Prosecco.

Basso Bikes è uno storico marchio italiano delle biciclette da corsa: artigianalità eccellente, design innovativo e materiali di primissima scelta caratterizzano i prodotti dell’azienda fondata da Alcide Basso nel 1977. «Qui in Basso siamo molto felici di cominciare questa collaborazione con un evento eccellente della portata della Prosecco Cycling - commenta il direttore marketing di Basso Bikes, Joshua Riddle -. Il connubio Basso e Prosecco Cycling è una partnership perfetta e coerente per diversi motivi: entrambi sono contraddistinti da un profondo legame con il territorio, al punto da renderlo sinonimo dello stesso nel linguaggio di uso comune. La zona di Valdobbiadene è famosa nel mondo per il fantastico vino che produce, mentre il Veneto ha portato, grazie alle sue eccellenze, il ciclismo italiano in ogni angolo del globo. Tanto il prosecco quanto i telai Basso sono il prodotto di una lunga tradizione di realizzazione di prodotti speciali, unici e senza tempo attraverso una passione e dedizione inimitabili, e capaci di trasmettere la loro anima a chiunque abbia la fortuna di scegliere di bere o pedalare con uno di essi. Le radici dei vigneti sono profondamente legate alla terra in cui nascono, e producono un vino fantastico grazie a cura, tradizione, expertise e passione. Il telaio Basso, dal primo set di tubi in acciaio saldato oltre 40 anni fa, al nuovissimo telaio in carbonio, entrambi realizzati qui nella sua sede italiana, segue la stessa filosofia di dedizione ossessiva alla qualità del suo prodotto.  È per questo motivo che entrambi si sono resi portabandiera del territorio nel mondo, ed è per questo motivo che pare naturale il loro matrimonio in un evento in grado di festeggiare entrambi, e che abbia luogo nello stesso territorio da cui entrambi hanno visto la luce, vivono e continueranno a progettare il loro futuro». «Siamo felici di poter annunciare questa importante partnership – dichiara l’ideatore della Prosecco Cycling, Massimo Stefani - Da tempo portiamo avanti sinergie importanti con le imprese del territorio, con l’obiettivo di essere sempre più forti, insieme ai nostri partner, sui mercati esteri. Prosecco Cycling significa un format innovativo, all'insegna di un agonismo di qualità e senza esasperazioni, e il fascino di un territorio unico al mondo, che il nostro evento valorizza al massimo. Continueremo a lavorare sull'accoglienza e sulle iniziative collaterali, cercando di tagliare nuovi traguardi insieme ai nostri partner. Sono sicuro che il 2020 sarà un’altra stagione di grandi soddisfazioni per tutto il mondo Prosecco Cycling».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Zaia, nuova ordinanza: «Capienza ridotta in negozi e centri commerciali»

  • Guida Michelin 2021: i ristoranti stellati nel trevigiano

  • Covid, nuova ordinanza di Zaia: «Riapriamo i negozi di medie e grandi dimensioni al sabato»

  • Metodo Bianchini: come perdere peso senza rinunce

  • Schianto tra camion, chiuso il tratto Portogruaro-San Stino della A4

Torna su
TrevisoToday è in caricamento