rotate-mobile
Sport

Rally Show Santa Domenica, Laurencich è quinto

Il pilota di Gorizia, portacolori di Xmotors Team, viene condizionato dal cedimento del differenziale posteriore, sul terzo crono, mentre era a caccia del podio.

Nota- Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di TrevisoToday

Soddisfazione a metà in casa Xmotors Team, al termine un Rally Show Santa Domenica che ha consegnato un Federico Laurencich in forma ma penalizzato da un problema di natura tecnica, il cedimento del differenziale posteriore, che lo ha privato di un probabile aggancio al podio assoluto sugli sterrati dell'appuntamento croato. I risultati dello shakedown vedevano il pilota di Gorizia pronto a dare battaglia, quarto tempo assoluto a tre secondi dal migliore, alla guida della Skoda Fabia R5 Evo di MS Munaretto. Un avvio che però non veniva confermato dal primo passaggio sul tracciato ricavato all'interno della Savršćak Arena, con il portacolori della scuderia di Maser solo sesto e lontano dai primi. “Dopo un buon shakedown” – racconta Laurencich – “abbiamo dormito un po' troppo sulla prima prova ed abbiamo incassato un divario pesante, ventuno secondi, che dovevamo e volevamo recuperare. Certo è che non siamo partiti con il ritmo che volevamo mantenere.”

Deluso dal primo riscontro cronometrico Laurencich, in coppia con Alberto Mlakar, cambiava pagina e sulla seconda tornata staccava il terzo parziale assoluto, risalendo al quinto posto. Al giro di boa di metà Domenica erano meno di dieci i secondi a separarlo dal terzo gradino del podio ed il goriziano optava per un treno di gomme nuovo per contrattaccare, il tutto reso invano dal cedimento di un differenziale posteriore che mandava in fumo ogni sogno di rimonta. “Dopo la dormita abbiamo deciso di dare un po' di gas” – sottolinea Laurencich – “ed infatti abbiamo portato a casa un ottimo terzo tempo assoluto, riavvicinandoci alla lotta per il podio. Avendo poco meno di sette secondi da recuperare abbiamo deciso di montare quattro gomme nuove e di partire all'attacco. Purtroppo, dopo nemmeno due chilometri dallo start, si è rotto il differenziale posteriore. Siamo rimasti con sole due ruote motrici ed avremo perso almeno venti o venticinque secondi. Peccato perchè ci credevamo davvero e potevamo giocarci il podio.”

Senza perdere la quinta piazza, assoluta nonchè di classe 3, e con una classifica ormai congelata, impossibile agganciare il terzo ma con un vantaggio di una ventina di secondi sul primo inseguitore, Laurencich affrontava gli ultimi chilometri in scioltezza e senza esagerare. “Nonostante i ragazzi del team abbiamo riparato il tutto” – conclude Laurencich – “non avevamo più nessuna possibilità di puntare al podio. Avendo circa venti secondi sul sesto non aveva senso spingere quindi ci siamo goduti l'ultimo passaggio, in serenità e tranquillità. Siamo soddisfatti a metà perchè se è vero che abbiamo migliorato il nostro risultato della passata edizione, di una posizione, è altrettanto vero che avevamo l'opportunità di giocarci il podio assoluto. Peccato per la rottura, fa parte del gioco e lo sappiamo bene, ma siamo anche molto contenti per aver ridotto il distacco che ci separava dai più forti. Ci rifaremo il prossimo anno.”

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rally Show Santa Domenica, Laurencich è quinto

TrevisoToday è in caricamento