Imoco Volley spietata anche in trasferta: Bergamo sconfitta 3-0

Dopo la 9° vittoria di questa stagione su 9 partite disputate dal team, domenica si torna al Palaverde per il “derby” triveneto con la neopromossa Delta Informatica Trentino

Una foto del match (credit Uff. Stampa Zanetti Bergamo)

Decima giornata in trasferta per l’Imoco Volley che al PalaAgnelli conquista la sua nona vittoria consecutiva dall’inizio del campionato contro la Zanetti Bergamo, confermandosi capolista finora incontrastata della Serie A1. Coach Santarelli continua a ruotare il suo sestetto di partenza che stasera in terra orobica presenta in campo la diagonale Wolosz-Egonu, al centro De Kruijf-Butigan Sylla-Adams in banda e libero Lara Caravello. Rispondono le padrone di casa con Prandi-Johnson, l’ex Gaia Moretto al centro con Mio Bertolo, Enright-Loda schiacciatrici, libero l’altra ex Pantera Eleonora Fersino.

Il primo set inizia con il colpo vincente di Adams, ed è proprio la texana insieme a Miriam Sylla la protagonista dei primi attacchi vincenti delle Pantere che salgono avanti 5-7, grazie anche alla buona presenza a muro della croata Butigan, confermata oggi in sestetto. Le bergamasche si affidano all’esperienza di Enright e Loda che con i loro colpi tengono la Zanetti vicina, 9-11. Mckenzie Adams forza in battuta, Caravello difende, l’ex Sylla mette giù la palla e l’Imoco vola a +4 (10-14), time out per la panchina di casa. Ma Conegliano spinge ancora con Sylla e con tanta ottima correlazione muro/difesa, ed arriva il break che sarà decisivo nel primo parziale. Adams resta in battuta e non cade più un pallone, De Kruijf impiomba il 10-17 e le Pantere scappano irraggiungibili. Entra Lanier per Enright, ma Adams insiste, altro ace per il 10-18. Caravello tiene alto il volume della difesa e le Pantere non si fermano più fino al muro di Paola Egonu (5 punti e 2 block nel set) che vale il 14-25.

Nel secondo parziale grande partenza di Bergamo che con un gioco alimentato dalla grandi difese dell’ex Eleonora Fersino scatta avanti 5-2, ma ancora le battute di Adams danno lo sprint alla squadra ospite che rientra. Altro break per Loda e compagne fino al +4 (8-4). Le orobiche giocano con grande entusiasmo tuffandosi con grinta su ogni pallone, l’attitudine viene premiata con un ulteriore allungo, l’altra ex Moretto spara la veloce dell’11-6 e coach Santarelli chiede time out. Capitan Wolosz si affida a Egonu e l’opposta azzurra diventa il faro della squadra: suo il -4 (11-7), poi il -3 con un bel muro (12-9), poi il -2 con un ace (13-11) fino al time out di coach Turino dopo il “block” di Adams (5 punti nel set) per il -1 (13-12). Adams pareggia con un attacco fulmineo, ma Lanier tiene le lombarde avanti di un’incollatura. Entra Hill in seconda linea, subito una grande difesa per l’americana che consente la chiusura di Egonu (15-15). La bionda di Portland è ancora decisiva recuperando palloni a raffica in seconda linea, con Egonu che trasforma puntualmente anche i palloni più difficili e con un’altra accelerata l’Imoco prova a scappare (15-17). Wolosz innesca anche le centrali, Butigan (ottima prova al PalaAgnelli per la croata, 4 punti e 2 muri nel set) e De Kruijf lavorano bene, poi ancora Egonu scatenata anche a muro per il +4 (16-20). Dopo il grande avvio la Zanetti si spegne sotto i colpi delle Pantere che continuano a macinare gioco e punti, ora è Sylla a sparare il colpo del +6 (16-22). Sarà la spallata che decide il set, chiuso 19-25 dall’Imoco Volley con i muri di Butigan e della “solita” Egonu (11 punti,1 ace e 3 muri nel set!).

Terzo set e Bergamo prova ancora a sorprendere l’Imoco in avvio, Moretto piazza il punto del 3-0, ma c’è De Kruijf che accorcia a muro (3-2). Sylla gioca con attenzione in ricezione ed energia in attacco, poi Adams va in battuta e continua a fare danni nella ricezione ospite lanciando Conegliano di nuovo avanti (5-6), ma replica Enright. Robin De Kruijf mostra colpi di alta scuola in attacco, ma Johnson tiene viva la Zanetti (7-7). Ora tocca a Bozana Butigan, capitan Wolosz smazza assist precisi e la croata sigla punti importanti, sfruttando anche le ottime difese di un’affidabilissima Lara Caravello.  Wolosz e compagne non sbagliano più, il gioco veloce delle Pantere, molto ordinate, tiene a bada la grinta di Fersino e compagne, anzi allunga sempre più. Entra anche Omoruyi mentre la squadra di coach Santarelli rompe gli argini (12-18) e scappa via decisa verso l’ennesimo 3-0 della stagione. Miriam Sylla nella “sua” Bergamo fa ancora  valere il suo attacco (13-19), risponde la neoentrata Dumancic (ex Schwerin, come Adams), poi Lanier, l’Imoco però è lontana (14-20).  Butigan (4 muri, 11 punti totali) si muove bene sotto rete, sono lei e De Kruijf le mattatrici del terzo set (5 e 6 punti per le due centrali nel parziale con percentuali stellari), ben imbeccate da Wolosz. Johnson e Lanier provano a tenere Bergamo in partita, ma ora è Adams (12 punti, 2 aces, 1 muro) a confermare quanto varie siano le opzioni d’attacco gialloblù che non lasciano riferimenti al muro orobico. De Kruijf va a segno, poi entra Gennari e chiude con un mezzo ace per il 17-25 finale.

Dopo la 9° vittoria da tre punti di questa stagione su 9 partite disputate dal team di coach Santarelli, domenica si torna al Palaverde per il “derby” triveneto con la neopromossa Delta Informatica Trentino, undicesima giornata di Serie A1.

ZANETTI BERGAMO – IMOCO VOLLEY 0-3 (14-25,19-25,17-25)

Zanetti: Enright 5, Mio Bertolo 1, Prandi 1, Loda 3, Moretto 3, Lanier 7, Fersino (L), Dumancic , Faucette Johnson 6, Faraone ne, Marcon. Non entrate: Valentin. All. Turino.

Imoco: Sylla 10, De Kruijf 8, Wolosz 3, Adams 12, Egonu 18, Caravello, Butigan 11, Gennari, Omoruyi , Fahr ne, Gicquel ne, Hill, De Gennaro ne. All. Santarelli.

Arbitri: Prati e Bassan

Durata Set: 23′,28′,26′

Note: Muri Imoco 12, Bergamo 2; aces 4-1, errori battuta 12-1.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Remo Sernagiotto ricoverato al Ca' Foncello: «Condizioni disperate»

  • Cocaina e marijuana in casa, brigadiere dei carabinieri in manette

  • Malore improvviso al rifugio: 62enne muore tra le braccia della compagna

  • Covid, Zaia: «I dati in Veneto sono buoni, non meritiamo la zona arancione»

  • Pooh, nuovo disco dopo la morte di D'Orazio: «Le canzoni della nostra storia»

  • Se n'é andata Paola Maiorana, voce storica delle radio private trevigiane

Torna su
TrevisoToday è in caricamento