menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Una foto del match

Una foto del match

Ancora una sconfitta in Serie A per l'esordiente Came Dosson: vince il Napoli

Un bunker il PalaCercola della Lollo Caffè, niente da fare quindi per gli uomini di mister Rocha che giocano comunque una grande partita e cedono solo alla sirena

CASIER Il Lollo Caffè Napoli massimizza il fattore campo, e dopo aver battuto il Latina supera anche la Came Dosson tra le mura amiche del PalaCercola, sempre più ribollente di entusiasmo. Gara complicata, con gli avversari che non mollano e restano in partita fino alla fine ma devono inchinarsi a Fornari & Co. Con questa vittoria gli azzurri salgono a quota 9 e si confermano ai piani alti della classifica.

LA CRONACA I napoletani partono con Davì, Andrè, Crema e Manfroi davanti a Garcia Pereira. L’avvio è bloccato, con il Came che, nonostante la classifica difficile, si conferma una squadra da prendere con le molle. Al 5’ Fornari prova a rompere gli indugi con una bella discesa sull’out di sinistra, poi è Crema ad impegnare Miraglia su schema da calcio d’angolo. All’8’ gli azzurri passano: la premiata ditta Leandro-Fornari fa le cose per bene. Sul lancio dell’estremo difensore, Fornari aggancia il pallone, scavalca Miraglia in uscita e fa sobbalzare il pubblico del PalaCercola.

La gioia dura poco perché la Came pareggia subito. Murilo Schiochet calcia dal limite sinistro dell’area e piega le mani a Leandro per l’1-1. Il Napoli reagisce subito e costruisce due ottime occasioni, ma prima Manfroi e poi Fornari vengono fermati dal palo. La Came si rannicchia nei quindici metri e rende la vita difficile ai ragazzi di Cipolla che riescono comunque a creare buone chance, sventate da Miraglia. Nel finale Manfroi, col piede sempre caldissimo, sfiora ancora il gol in due occasioni. Eppure l’1-1 non si schioda. Nella ripresa il Lollo Caffè parte subito forte e trova il vantaggio al 6’ con un’azione rugbystica di puro sfondamento, chiusa da Milucci a due passi dalla linea di porta. Il vantaggio è meritato perché gli azzurri, pur con una rotazione in meno, imprimono un gran ritmo alla gara nel tentativo di chiuderla. La Came arranca ed esaurisce il bonus falli già a 9 minuti dalla sirena. Al 10’ ci pensa Crema a spaccare la partita. Prende palla nel cuore del centrocampo, finta di calciare per due volte, si allarga e poi batte sotto le gambe Miraglia, festeggiando nel migliore dei modi la convocazione in Nazionale.

Sul 3-1 la gara sembra in ghiaccio, ma basta un episodio per riaprirla. Lo trova la Came, che sfrutta una punizione dal limite calciata da Boaventura per accorciare le distanze. Il Napoli, però, un Fornari in più. Il 10, oggi capitano per l’assenza di Botta, si guadagna il sesto fallo. Manfroi sceglie di batterlo da posizione più defilata. Il suo destro non lascia scampo a Miraglia ed il Napoli si riporta in vantaggio di due lunghezze. La Came, però, non muore mai e al 13’ si rifà sotto con un bel gol di Siviero e prova a pareggiarla col portiere di movimento. Il Napoli tiene botta e va vicino a chiuderla due volte con Leandro e poi con Crema, ma il risultato resta immutato. Così il finale è di sofferenza, con i tifosi che accompagnano gli azzurri cantando fino alla sirena, che arriva come una liberazione e consegna agli azzurri la terza vittoria su quattro gare (bottino pieno sul parquet amico) ed il podio in classifica, a tre punti dalla capolista Pescara.

SALA STAMPA Vittoria sofferta, ma meritata. Mister Cipolla la vede così: “Una buona prova di maturità, contro un avversario che è rimasto in partita fino alla fine e ci ha reso comunque la vita difficile. Forse stavolta, per la prima volta, abbiamo sentito troppo la pressione dei tre punti, ma la prestazione è stata comunque di valore considerando che avevamo una rotazione in meno e tutti si sono sacrificati al massimo, giocando col cuore. Bravi anche a resistere contro il loro portiere di movimento, in una situazione di gioco in cui il Came aveva già fatto 4 gol. Avevamo preparato molto bene la difesa in settimana. Siamo felici del nostro momento, ma non vogliamo fermarci – prosegue Cipolla – ed anche a Roma contro la Lazio scenderemo in campo per fare la partita, cercando di allungare la nostra striscia positiva”.

LOLLO CAFFE’ NAPOLI-CAME DOSSON 4-3 (1-1 p.t.)
LOLLO CAFFE’ NAPOLI: Garcia Pereira, André, Manfroi, Crema, Davì, Virenti, Milucci, Orvieto, Fornari, Bocao, Molaro, Pasculli. All. Cipolla 
CAME DOSSON: Miraglia, Boaventura, Schiochet, Belsito, Vavà, Bordignon, Siviero, Bellomo, Crescenzo, Xandò, Rosso, Vascello. All. Rocha
MARCATORI: 8’13’’ p.t. Fornari (N), 8’50’’ Schiochet (C), 5’36’’ s.t. Milucci (N), 10’18’’ Crema (N), 10’42’’ Boaventura (C), 11’10’’ t.l. Manfroi (N), 13’15’’ Siviero (C)
AMMONITI: Milucci (N), Boaventura (C), Belsito (C)
ARBITRI: Lorenzo Di Guilmi (Vasto), Daniele Fratangeli (Frosinone) CRONO: Giovanni Ferraioli Vitolo (Castellammare di Stabia)

UNDER 21 - CAME DOSSON-FENICE VENEZIAMESTRE 3-4

JUNIORES - EAGLES ROSA'-CAME DOSSON 3-5

GIOVANISSIMI - FUTSAL VILLORBA-CAME DOSSON 8-2

ESORDIENTI - PADOVA FOOTBALL ACADEMY-CAME DOSSON 3-0

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Casa

Ammoniaca vs Candeggina: chi uccide meglio i germi?

Attualità

Roncade: messo in vendita il centro commerciale Arsenale

Attualità

Covid alle superiori: «Metà dei contagi non è avvenuta a scuola»

Attualità

Scuola elementare "Ancillotto": «In isolamento tutte le classi»

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Raid nella notte, negozio islamico dato alla fiamme

  • Cronaca

    Accesso abusivo alle banche dati, finanziere arrestato

  • Attualità

    Asolo, malore sul lavoro: dipendente comunale muore a 44 anni

Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Meteo

    Caldo anomalo nella Marca: «Da sabato temperature in calo»

  • Aziende

    «Positiva la scelta di istituire un ministero per la disabilità»

Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento