rotate-mobile
Sport Villorba

Che derby di Champions League al Palaverde: l'Imoco inizia il girone con una vittoria sull'Igor

Le novaresi sono state battute come anche sabato scorso a domicilio in campionato. Ora testa e cuore alla prossima sfida di campionato contro Pesaro sabato in casa alle 20.30

VILLORBA Derby Italiano al Palaverde per la prima giornata della fase ai gironi di Champions League tra le Pantere e le rivali dell’Igor Gorgonzola Novara, battute sabato scorso a domicilio in campionato. Coach Santarelli schiera Wolosz in regia con Fabris opposto, al centro De Kruijf e Danesi, in banda Hill e Bricio, libero De Gennaro, risponde Barbolini per Novara con l’ex Skoruipa e opposta Egonou, Gibbemeyer e Chirichella, Piccinini e Plak, libero Sansonna.

Samantha Bricio fa capire che l’Imoco come sabato scorso punta forte sul servizio e a suon di sassate dalla zona di battuta si invola 3-1. C’e’ anche una doppietta di Kim Hill per allungare 5-2, poi Wolosz innesca anche De Kruijf e le Pantere restano avanti 7-4. Novara però non tarda ad entrare in partita e si riavvicina con il muro di Chirichella. Conegliano insiste e vola a +4 con una veloce di Anna Danesi (12-8). Bricio è scatenata, le sue pipe fanno esplodere il Palaverde, poi è ancora Hill ad allungare insieme a una diagonale perfetta di Fabris per il +6 (15-9). Il ritmo di gioco delle Pantere è altissimo, difendono tutto con una grande De Gennaro e in attacco Wolosz fa entrare in temperatura anche Fabris e De Kruijf per il 18-10. Coach Barbolini chiede time out mentre il Palaverde è una bolgia. Entrano Enright e Camera per l’Igor, ma la musica non cambia, Bricio e Hill continuano a martellare e l’Imoco chiude 25-13 un primo set stellare (60% in attacco!).

Anche nel secondo set l’Imoco parte a spron battuto (4-2) mentre Novara è molto fallosa. Un errore al servizio di Paola Egonou manda a +3 la squadra di casa, che continua ad essere precisa con Wolosz nella distribuzione su cambio palla e in difesa on lascia mai cadere il pallone sugli attacchi di Novara. Skorupa e compagne ci provano (9-7), ma la battuta dell’Imoco mette sempre pressione condizionando il gioco piemontese. L’Imoco ne approfitta e fa un altro break per il 12-7 che consiglia il time out piemontese. Dopo due errori consecutivi con la palla che si insacca in rete Egonou viene sostituita dall’ex Vasilantonaki, mentre la squadra di coach Santarelli marcia spedita con le fast di una De Kruijf capace nel set del 75% in attacco con anche due muri nel set (15-11). Piccinini mura per il -2 (15-13), ma Bricio va sopra al muro, poi Danesi è attenta sotto rete e Conegliano resta avanti di 4 punti: 17-13. Ace di Wolosz e c’e’ un altro time out di coach Barbolini che vede la sua squadra sprofondare sotto i colpi di un’Imoco praticamente perfetta. Anche il secondo set vede Conegliano trionfare 25-18.

Terzo set, con l’ace di Wolosz l’Imoco allunga ancora (3-0), ma Chirichella e la rientrante Egonou pareggiano. Da lì in poi la partita si equilibra, con un’Igor più efficace in attacco e le Pantere che respirano un po’ dopo un grande rush dei primi due parziali. C’è un’ottima Samanta Fabris chiamata spesso in causa da seconda linea, ma dall’altra parte Egonou e Plak tengono vivo l’attacco ospite, e con un ace di Chirichella le tricolori vanno per la prima volta nel match in vantaggio sul 13-14, poi allungano con un muro di Gibbemeyer (altra ex). +2 Novara e subito coach Santarelli chiede time out. Ma leospiti ora ci credono, Egonou esce dal torpore e piazza il +4 di potenza (13-17). Entra Elisa Cella per il “giro dietro”, ma Novara tiene il vantaggio e lo aumenta con un muro che diventa sempre più efficace. Il +5 è di Chirichella (16-21). Le Pantere vanno in apnea (entra Nicoletti per Fabris), Egonou (6 punti nel set) e compagne invece sembrano aver trovato la luce dopo le difficoltà iniziali e spingono ancora. Ma l’Imoco ci prova ancora e risale mettendo paura alle piemontesi: Nicoletti mura, Bricio piazza due aces al fulmicotone per il -3 (20-23) che risveglia l’entusiasmo. Ma Celeste Plak non trema (20-24) e l’Igor dimezza il gap conquistando il parziale 20-25.

La spumeggiante Imoco dei primi due set anche in avvio di quarto parziale ha lasciato il posto a un team meno ordinato, con dall’altra parte un’Igor che senza strafare si trova avanti (2-5) rinvigorita dal buon parziale precedente. De Kruijf e compagne però dimostrano di avere ancora tanta energia, si ricompattano e risalgono a -1 (5-6), ma Chirichella le ricaccia indietro in primo tempo. Wolosz è guizzante a muro (6-7), poi “The Queen” De Kruijf pareggia con un ace. La gara si fa intensa, Bricio batte forte, Danesi e Fabris murano e l’Imoco fa un break importante fino al vantaggio12-9. Torna a colpire anche Kim Hill, sua la “doppietta” con attacco e muro che fa graffiare le Pantere che prendono il largo +6 (16-10). Time out di Barbolini, entra anche Vasilantonaki per Egonou, ma De Kruijf è inarrestabile per il +8 (18-10). Ancora la centrale olandese piazza un gran muro per il 21-12, poi si esalta e mostra tutta la sua classe in attacco (22-13). L’Imoco chiude alla grande con l’ace di Wolosz per il 25-14, conquistando la prima importantissima vittoria nel girone di Champions e bissando la vittoria di sabato contro una diretta concorrente su tutti i fronti come Novara. Grande prova e grande risultato per la squadra di coach Santarelli che sabato sarà ancora di scena davanti ai propri tifosi per l’anticipo di campionato contro Pesaro (alle 20.30).

IMOCO CONEGLIANO – IGOR NOVARA 3-1 (25-13,25-18,20-25,25-14)
Imoco: Bricio 12,De Kruijf 16, Danesi 8,Hill 14, Wolosz,4, De Gennaro, Fabris 18, Papafotiou , Nicoletti 1, Fiori ne, Cella ,Melandri ne. All. Santarelli
Igor: Chirichella 9, Skorupa 2, Egonou 11, Plak 9, Vasilantonaki 2, Gibbemeyer 5, Bonifacio, Camera, Enright1 ,Piccinini 6, Zannoni, Sansonna .All. Barbolini
Arbitri: Zenovich e Rodriguez
Spettatori: 3.430
Durata set: 20′,24′,28′,24′.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Che derby di Champions League al Palaverde: l'Imoco inizia il girone con una vittoria sull'Igor

TrevisoToday è in caricamento