Crollo verticale del Treviso Basket: in trasferta contro Brindisi arriva ancora una sconfitta

Nonostante le pesanti assenze in roster, la squadra di coach Menetti ha comunque tenuto testa ai biancazzuri

Obiettivo raggiunto. La Happy Casa Brindisi batte la Dé Longhi Treviso (81-74) e per il secondo anno di fila, il sesto nella sua storia, si qualifica alle Final Eigh di Coppa Italia, in programma dal 13 al 16 febbraio a Pesaro. Nonostante le pesanti assenze del suo miglior realizzatore, Fotu, di Nicolic e Cooke, la squadra di coach Menetti ha tenuto testa ai biancazzuri nel primo tempo. Solo a partire dal 27' la New Basket, con la classe di Banks, le tripe di Campogrande e l'agonismo di Stone e Brown, ha preso in mano le redini del match.

Una volta esaurito il serbatoio di ossigeno, Treviso, alla sua terza sconfitta consecutiva, ha accumulato un gap incolmabile dalla Happy Casa. Con ogni probabilità non si poteva chiedere di più ai veneti, trascinati da un intramontabile Logan (20 punti) e dalle triple di Alviti (13 punti, 5/8 da due, 3/5 da tre). Sul fronte biancazzurro, invece, Banks (18 punti, 5/14 da due, 3/7 da tre) come al solito protagonista, al pari di Campogrande (9 punti, 3/5 da due, 3/5 da tre) decisivio nelle fasi calde del match,e Stone (17 punti, 6/11 da due, 2/5 da tre). In ripresa Brown (11 punti, 5/11 da due, 1/3 da tre).  Con questa vittoria, dunque, Brindisi sale al quinto posto, con quattro punti di vantaggio sulla nona. Domenica prossima, a Cremona, gli uomini di coach Vitucci, in caso di vittoria, potrebbero agganciare il quarto posto. 

Primo quarto

La Happy Casa Brindisi parte con Brown, Banks, Sutton, Thompson, Stone. Treviso risponde con Logan, Alviti, Parks, Imbro, Chilo. 
Contro Reggio Emilia ci aveva messo 32 minuti. Oggi Sutton va a segno dopo pochi secondi, aprendo le danze. Banks nel giro di cinque minuti sforna quattro assist, mandando a bersaglio Thompson e Stone. Treviso tiene botta con Logan e Alviti, autore della tripla, la seconda della sua gara, che al 7’ porta in vantaggio Treviso (12-13). I biancazzurri, lenti e prevedibili, si affidano all’estro di Banks per tessere le trame di gioco. La De Longhi è micidiale dalla lunga distanza, come certificato dalla tripla di Imbrò che al 9’ sancisce il +4 (14-18) per la squadra di Menetti. Oltre ai tiri dalla distanza, gli ospiti sfruttano al meglio le incertezze offensive della Happy Casa riconquistando palla e ribaltando subito il fronte del gioco. Alla fine del quarto, la New Basket è sotto di 3 (17-20), dopo aver accumulato un massimo svantaggio di tre lunghezze (17-20). 

Secondo quarto

All’inizio del secondo parziale è Campogrande a dare una scossa alla Happy Casa, con la prima realizzazione da tre dei biancazzurri. Poco dopo lo imita Gaspardo, con il canestro del 22-22 (al 13’). Ma Severini non vuole essere da meno, sfoderando la tripla che riporta in vantaggio Treviso (22-25). I ritmi sono frenetici. Come spesso avviene nei secondi quarti, Vitucci dà spazio agli italiani. E Campogrande non lo tradisce, realizzando, fra il 15’ e il 16’, due triple che danno fiducia a Brindisi (32-27 al 16’). Nella girandola di conclusioni dalla distanza entra di prepotenza anche Logan, che mette altri sei punti a referto, mantenendo la contesa sui binari dell’equilibrio (32-33 al 19’). Alla fine del tempo, ci pensa Banks, con l’ennesima tripla della frazione, a siglare il controsorpasso (38-37). 

Terzo quarto

Dopo l'intervalo lungo, Brindisi riparte con Campogrande al posto di Sutton. Treviso continua a martellare dalla lunga distanza e con una tripla di Parks, al 24', riaggancia Brindisi (44-44) in una sfida in cui nessuno riesce a prendere il sopravvento. La qualità di Logan e la grinta di Tessitori, autore al 26' di una splendida realizzazione spalle al canestro, consentono alla Dè Longhi di restare a un tiro di schioppo dalla Stella del Sud. L'equilibrio si spezza a favore dei padroni di casa al 27', quandoTreviso va sotto di 9 (58-49). Sutton, ancora in ritardo di condizione, non incide. Sale di tono, invece, la prestazione di Brown. Al 30' sale in cattedra anche Gaspardo, con una spettacolare schiacciata spalle al canestro che esalta il PalaPentassuglia, trascinando Brindisi verso il + 11 (64-53), alla fine del terzo parziale. 

Ultimo quarto 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Forte di un consistente vantaggio, Brindisi cerca di controllare la partita, approfittando della stanchezza dei veneti, provati dalla carenza di rotazioni. La partita scorre via senza particolari sussulti nei primi cinque minuti dell'ultimo periodo. Al 5' si vede la prima zampata di Ikangi, autore del canestro del + 12 (70-58). I biancazzurri, in pieno controllo della partira, giocano in scioltezza. Negli ultimi due minuti i biancazzurri accusano un blackout che consente alla Dé Longhi di ridurre le distanze (78-74), rientrando in partita. Le velleità di rimonta di Treviso si spengono definitivamente a 12 secondi dalla fine, quando una tripla di Parks finisce sul ferro. Domenica prossi,a Treviso affronterà Varese, mentre la Happy Casa farà visita a Cremona. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore improvviso durante la gita in bici: morto Carlo Durante, oro paralimpico nel '92

  • Camion carico di pollame finisce sulla pista ciclopedonale

  • Partita la maxi campagna vaccinale per 15mila ragazzi trevigiani

  • Malore fatale, il titolare della pizzeria "Da Max" muore a 52 anni

  • Schiacciato da un camion in rotonda, ciclista muore a 63 anni

  • Sequestrata dai Nas la casa di riposo “Home Claudia Augusta”

Torna su
TrevisoToday è in caricamento