menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

La De' Longhi Treviso non si ferma più: Forlì umiliata e staccata in classifica

La truppa di Menetti travolge 84-52 la Unieuro Forlì grazie ad una prova collettiva da incorniciare. Per la De' Longhi si tratta della sesta vittoria consecutiva

TREVISO Nella conferenza stampa di vigilia, coach Menetti aveva letto lo scontro al vertice contro Forlì in termini tennistici, auspicando di raggiungere la sesta vittoria di fila per chiudere un bel set di partite. La De’ Longhi non ha solo risposto presente aggiudicandosi il match, ma ha addirittura umiliato i romagnoli con un 84-52 che non lascia spazio ad interpretazioni. La partita è stata equilibrata solamente nel primo quarto, poi Treviso ha preso il largo grazie ad una prova collettiva davvero notevole su entrambi i lati del campo. I progressi sono evidenti partita dopo partita, in particolare si nota l'alchimia di gruppo a discapito delle individualità. È difficile trovare un giocatore che si sia distinto più degli altri, ma tra i migliori ci sono sicuramente Tessitori, 13 punti e 7 rimbalzi, e Wayns, 15 punti e 4 assist. Nel finale si è scatenata la festa sugli spalti, con i giocatori della De' Longhi che hanno festeggiato la vittoria davanti ai 4872 spettatori presenti al Palaverde. Bologna è avvisata, per la promozione diretta in Serie A c'è anche Treviso. 

CRONACA Menetti schiera l’ormai consolidato quintetto composto da Wayns, Burnett, Alviti, Lombardi e Tessitori. L’avvio di partita è subito ad alta intensità fisica. Il primo canestro del match porta la firma di Amedeo Tessitori, dimenticato nel pitturato dalla difesa di Forlì. Bonacini e Johnson (2/3 ai liberi) portano avanti Forlì, ma la cattiva notizia per Treviso sono i due falli di Tessitori. Lawson manda a scuola Lombardi con un eccellente fade-away. Tessitori si prende la scena con due canestri consecutivi dal post, i punti di Treviso in questo avvio sono tutti del centro pisano. La partita è perfettamente in parità (6-6; 4:29) Menetti manda in campo Chillo per evitare il terzo fallo di Tessitori. Marini segna in penetrazione, mentre Antonutti si iscrive al registro degli scorer con un canestro dall’arco. Bonacini va a segno da tre, Imbrò difende bene in post su Marini e poi fugge in transizione guadagnandosi due tiri liberi (2/2). Gli arbitri lasciano correre su molti contatti al limite del regolamento, a beneficiarne è il ritmo partita che si fa sempre più incalzante. Nel finale di quarto Antonutti commette un fallo nella lotta a rimbalzo con De Laurentis, il centro della Unieuro va in lunetta (2/2) e permette a Forlì di chiudere il primo periodo in vantaggio 15-17.

L’assist al bacio di Uglietti per Chillo apre il secondo quarto. La difesa trevigiana fa fatica a contenere Lawson, l’americano ex Bologna ha un arsenale offensivo ampio e lo dimostra con la virata vincente. Le difese sono protagoniste in questa fase del match, trascorrono alcuni minuti senza vedere un canestro prima che Imbrò segni la tripla del vantaggio trevigiano (20-19 Treviso; 6:35). Maalik Wayns si infiamma con due azioni personali che aumentano la distanza tra le due squadre, il nativo di Filadelfia prende fiducia dopo i numerosi errori del primo quarto. Lawson interrompe il parziale di 7-0 trevigiano, dall’altro lato brutta palla persa di Alviti che non si intende con Tessitori.  Marini segna una tripla fortunosa di tabella, Menetti chiama time-out.  Burnett fa esplodere il Palaverde con una tripla fuori ritmo, primo canestro dal campo per l’americano della De’ Longhi. Burnett è ormai caldo, brucia Lawson in penetrazione e appoggia un comodo canestro con la mano sinistra. Tessitori si avvicina alla doppia cifra con la schiacciata da sotto, Lombardi corregge l’errore al tiro di Uglietti: l’attacco di Treviso c’è. Finale di quarto meraviglioso per la De’ Longhi: Lombardi viene innescato da un assist di Uglietti, poi Burnett ruba palla sull’ultima azione di Forlì e trova addirittura il canestro del +10. La seconda frazione si chiude con la De’ Longhi avanti 38-28,  un vantaggio frutto delle ultime fiammate in attacco.

Tessitori oscura la vallata a Johnson con una stoppata magistrale, il centro pisano completa il capolavoro con un gioco da tre punti dall’altro lato del campo. Davide Alviti segna dall’angolo e vanifica lo sforzo di Donzelli di riportare Forlì a contatto. Treviso prende in mano le redini della gara con un parziale complessivo di 9-2, Wayns è incontenibile ora e segna due triple consecutive (4/4 dal campo dopo i primi 5 errori). Forlì prova a respirare con i punti forniti dal gioco da tre punti di Bonacina e il 2/2 di Lawson (50-35 Treviso; 6:00). Wayns ruba palla a metà campo e favorisce la schiacciata a due mani di Lombardi. De Laurentis approfitta del mismatch con Lombardi e segna due punti preziosi per Forlì. Tessitori è sempre la certezza principale dell’attacco trevigiano, nonostante la buona difesa di Forlì il centro pisano trova un canestro difficile allo scadere dei 24 secondi. Lombardi si rende autore di un gran recupero difensivo, negando a Donzelli due punti che sembravano già fatti. Imbrò segna da tre, il vantaggio della De’ Longhi scollina oltre quota 20. Il siciliano si ripete e segna un incredibile, quanto fortunoso, canestro allo scadere del terzo quarto: la De’ Longhi conduce 65-42, un divario più che rassicurante.

Inizia il quarto periodo ma l’esito della partita sembra ormai scontato, i minuti passano e si rimane su un ampio vantaggio di 20 punti per Treviso. Imbrò ruba palla a Bonacini e lancia Antonutti a canestro. Nonostante abbia la partita in pugno, Treviso mantiene un’ottima intensità difensiva non lasciando margini a Forlì, questo è sicuramente un aspetto positivo. Menetti dà il via al garbage time e inserisce Sarto. Forlì nel finale viene addirittura umiliata arrivando vicina al -30: appena 4 punti in 6 minuti per i romagnoli. I 30 punti di vantaggio si concretizzano con la schiacciata di Antonutti e la tripla di Maalik Wayns. Treviso vince 84-52, prosegue l'inseguimento nei confronti della Fortitudo e stacca in classifica proprio la Unieuro Forlì.

(Ph.Credit: Thomas Barea)

MARCATORI

De' Longhi Treviso Basket: Antonutti 16, Wayns 15, Imbrò 13, Tessitori 13

Unieuro Forlì: Lawson 17, Bonacini 10, Marini 7, Donzelli 6

PAGELLE

De' Longhi Treviso Basket

Michele Antonutti 8 Probabilmente la sua miglior partita in questo campionato. Aggressivo in difesa, volenteroso ed efficace in attacco con un ottimo 50% da tre e 63% da due.

Lorenzo Uglietti 7 Prova di carattere. In attacco è concentrato e, nonostante il solo punto segnato, sforna dei cioccolatini per i compagni. L'unico neo è rappresentato dalle due banali palle perse di inizio partita.

Eric Lombardi 7.5 Conferma quanto fatto vedere mercoledì scorso contro Imola. Sul piano realizzativo cala ma raddoppia su quello atletico. Si rende protagonista di alcune giocate importanti, come la stoppata su Donzelli lanciato a canestro.

Davide Alviti 7 Buona partita, anche se viene limitato dai falli. Sempre posizionato bene in campo, è tra i migliori in difesa, dove spicca con ben 4 palle recuperate.

Maalik Wayns 8 Il nativo di Filadelfia ha fiducia nei suoi mezzi e lo dimostra anche stasera. Era partito con un pessimo 0/5 dal campo e due palle perse nel primo quarto, non si è perso d'animo e nel secondo quarto ha invertito la rotta con un 4/4 frutto di due triple e due entrate a canestro letali. Le sue fiammate tra il secondo e terzo periodo contribuiscono ad indirizzare la partita sul binario trevigiano. 

Amedeo Tessitori 8.5 Premiamo lui come migliore in campo. Efficienza e centimentri al servizio della squadra, sfiora la doppia doppia con 13 punti e 7 rimbalzi in 21' di utilizzo. Riscatta la partita opaca di mercoledì scorso dominando in lungo e in largo sotto canestro, senza farsi condizionare dai due falli iniziali.

Alvise Sarto S.V.

Matteo Imbrò 7.5 Come cambiano le cose in un anno. 365 giorni fa era una delle delusioni più grandi del campionato della De' Longhi, ora è un leader e protagonista indiscusso di questa squadra. Esce dalla panchina e gioca con personalità, garantendo punti sicuri. Nel ruolo di sesto uomo è perfetto.

Matteo Chillo 6.5 Partita di sacrificio sotte le plance, non molla mai anche se ha il difficile compito di marcare Lawson. 

Dominez Burnett 7 Va a sprazzi, ma incide nel match come sempre con 8 punti, 4 assist e 2 palle recuperate. Sua la combo rubata-schiacciata che permette a Treviso di andare all'intervallo sul +10.

Mvp di TrevisoToday: Amedeo Tessitori.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Covid, Zaia: «Veneto rischia di tornare in zona arancione»

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento