menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Ph.Credit: Gregolin

Ph.Credit: Gregolin

Una De' Longhi cuore e grinta fa sua la "classica": superata la Fortitudo Bologna al fotofinish

I ragazzi di coach Menetti rimontano dieci punti come la scorsa settimana e superano la Effe 84-78. Prestazione superlativa del neolaureato Giovanni Vildera, autore di 16 punti e 7 rimbalzi

Combattività e coraggio. Erano queste le parole utilizzate da coach Menetti, nella consueta conferenza stampa del sabato, per descrivere quale sarebbe stata la chiave del big match tra De’ Longhi Treviso e Fortitudo Bologna. L’assenza dei tifosi sugli spalti non ha reso meno affascinante una delle più belle rivalità del campionato italiano, anche perché, ai fini della classifica, la partita contava molto per le ambizioni playoff di entrambe le squadre. Nonostante l’assenza di David Logan, terzo miglior scorer del campionato, Treviso è riuscita a portare a casa i due punti, superando 84-78 la Fortitudo dopo 40 minuti di puro spettacolo dal punto di vista agonistico. La partita ha avuto un copione simile a quella della settimana scorsa contro Reggio, con Treviso che è riuscita a rimontare i dieci punti di distacco che la Fortitudo aveva creato nel terzo quarto. MVP di serata Giovanni Vildera, alla sua miglior performance da quando è a Treviso. La De’ Longhi vince la seconda partita di fila e va a quota 20, giunti a questo punto del campionato l’obiettivo playoff non è affatto una chimera.

CRONACA Menetti schiera in quintetto Russell, Piccin, Sokolowski, Akele e Mekowulu, la novità è la partenza del prodotto del vivaio TVB al posto dell’infortunato Logan. Le squadre iniziano con il freno a mano tirato, è DeWayne Russell a trovare il primo canestro dal campo per la De’ Longhi (3pt). Gli errori al tiro la fanno da padrone in questo avvio, Treviso però riesce ad entrare in partita con un break di 6-0 firmato Akele, Mekowulu e Russell (10-6 TVB; 5:00). Banks si sblocca dalla lunga distanza, gli risponde prontamente Sokolowski. La De’ Longhi sta mettendo più intensità in difesa rispetto agli ospiti, tant’è che coach Dalmonte è costretto al time-out. Vildera fa la voce grossa sotto canestro contro Totè, il suo impatto sulla partita è stato molto positivo. Nel finale di quarto la Effe ricuce il divario con Aradori e Withers, Treviso è avanti 24-21 dopo i primi dieci minuti. 

Meglio la Fortitudo all’inizio del secondo quarto (7-0), la De’ Longhi dopo tre minuti deve ancora trovare i primi punti (24-28 Fortitudo; 7:00). Mekowulu interrompe il parziale degli ospiti dalla lunetta (2/2), Aradori segna un canestro da tre punti impossibile e restituisce due possessi di vantaggio a Bologna. La De’ Longhi si rifà sotto con un contro break (8-0), match imprevedibile quanto godibile per la gioia dei pochi presenti. Akele va a bersaglio dalla lunga distanza, gli risponde Baldasso sempre dall’arco. Aradori è indemoniato: tripla e gioco da quattro punti per un totale di 7 punti consecutivi. Anche Imbrò si iscrive al registro dei marcatori, si va all’intervallo sul 41-44 in favore della Fortitudo. 

Fantinelli segna in penetrazione i primi due punti della sua serata, si sblocca anche Piccin con un canestro dall’arco (44-48 Fortitudo; 7:29). La partita è apertissima, dopo un breve momento di affanno la De’ Longhi è tornata a contatto. Piovono triple: Russell risponde a Withers e si rimane sul +4 Bologna. La De’ Longhi fa fatica a trovare il giusto ritmo offensivo, ne approfitta la Effe per aggiungere un possesso di vantaggio. La Fortitudo vola a +10 con un break di 6-0, coach Menetti non ha altra scelta se non quella di chiamare time-out. L’uscita dalla pausa è buona, Vildera trova un canestro rapido e Aradori commette antisportivo. Treviso è di nuovo in partita, la tripla di Lockett vale il -1 e il 9-0 di parziale. A dieci minuti dalla fine la Fortitudo è avanti 60-61: ogni scenario è possibile. 

La tensione data dalla posta in palio è tangibile, vengono cercati spesso i lunghi sotto canestro e la Effe rimane a +1. Lockett segna il canestro della parità, Imbrò ha la possibilità di segnare il +2 in contropiede ma sbaglia l’appoggio. Vildera pesca Sokolowski per la nuova parità, lo stesso Vildera firma il +2 l’azione seguente. La De’ Longhi piazza un parziale importante (8-0) e balza a +6 a cinque minuti scarsi dalla fine (72-66 TVB; 4:40).  Sokolowski e Chillo vanno a bersaglio da tre, la De’ Longhi vola a +10 e mette le mani sulla partita. La Effe prova a rientrare sfruttando la clamorosa ingenuità di Chillo, ma Imbrò dalla lunetta è glaciale (2/2) e regala la vittoria ai suoi: 84-78 il risultato finale in favore di TVB. 

MARCATORI

De' Longhi Treviso Basket: Vildera 16, Sokolowski 15, Imbrò 11, Akele 11

Fortitudo Bologna: Aradori 21, Withers 13, Saunders 10, Totè 10

PAGELLE

DeWayne Russell 7 In assenza di Logan si prende più tiri dall'arco con ottimi risultati (3/4). Unica nota stonata le quattro palle perse, che però non tolgono nulla al suo ruolo di leader in cabina di regia. 

Giovanni Vildera 8.5 Settimana perfetta. Dopo la laurea conseguita in Scienze dell'alimentazione, arriva la sua miglior partita in maglia TVB con 16 punti e 7 rimbalzi. Ruba la scena sotto canestro a Mekowulu e risulta fondamentale ai fini della vittoria.

Matteo Imbrò 7 Vive una serata storta al tiro ma riesce a dare ritmo offensivo alla squadra. Perfetto in lunetta, prestazione solida. 

Lorenzo Piccin 6.5 Menetti lo manda in quintetto, lui risponde mettendo in campo una buona intensità difensiva e dimostrando personalità nelle scelte di tiro. 

Matteo Chillo 6 La palla persa a pochi secondi dalla fine poteva costare caro, al di là di questo è apparso leggermente in flessione ma comunque utile alla causa.

Christian Mekowulu 6.5 L'alley-oop con Russell è la giocata della partita. Per il resto i suoi punti arrivano quasi esclusivamente ai liberi. I suoi frequenti viaggi in lunetta dimostrano quanto sia importante la sua fisicità per questa squadra, soprattutto nei momenti in cui l'attacco non gira.

Michal Sokolowski 8 Il riassunto perfetto della sua partita è il passaggio con cui pesca Chillo in angolo per la tripla. Giocatore imprescindibile per la sua intelligenza cestistica. 

Nicola Akele 7 Parte in sordina per poi crescere alla distanza. Difende bene il ferro e attacca l'area con successo.

Trent Lockett 6 È ancora ben lontano dalla condizione ottimale, ma lascia intravedere buoni margini di crescita.

MVP di TrevisoToday: Giovanni Vildera

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

TrevisoToday è in caricamento